Top

Ucraina, Letta: "E' l'ora della tregua e della pace, sapendo che l'aggressore è solo Putin"

Il segretario del Pd interviene sul conflitto: "Gli Usa? E' ineccepibile il loro sostegno all'Ucraina aggredita. Ma sono fuori luogo le uscite di Boris Johnson, quando dice che la guerra va portata sul territorio russo"

Ucraina, Letta: "E' l'ora della tregua e della pace, sapendo che l'aggressore è solo Putin"
Enrico Letta

globalist

9 Maggio 2022 - 09.46


Preroll

Il segretario del Pd Enrico Letta parla in merito alla guerra: “È l`ora del cessate il fuoco, della tregua, della pace. Sapendo che l`aggressore è uno e uno solo: Putin. Va fermato, fiaccato, spinto alla pace. Cinque grandi Paesi, Italia, Francia, Germania, Spagna e Polonia devono muoversi ora, uniti, per la pace. Andare prima a Kiev e poi incontrare Putin. Non dobbiamo farci guidare dagli Usa, l`Europa è adulta. Questa guerra è in Europa e l`Europa deve fermarla. Sarebbe sbagliato firmare la pace negli Usa, come fu per l`ex Jugoslavia”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“Gli Usa? E’ ineccepibile il loro sostegno all’Ucraina aggredita. Ma sono fuori luogo le uscite di Boris Johnson, quando dice che la guerra va portata sul territorio russo”, prosegue Letta, per il quale in Italia ora “serve un patto tra tutti per evitare la recessione: non si intravede la pace, c`è una forte preoccupazione, lo spread torna a 200 punti e c`è il rischio della recessione, anche per l`impressione che dalla Bce arrivino messaggi incerti”. “Un riavvicinamento tra Conte e Salvini? Confido fermamente che Conte non persegua questa prospettiva”, dice ancora il leader del Pd, e “basta con la sceneggiata del ‘metodo catasto’: è inaccettabile che ogni partito negozi le sue cose con Palazzo Chigi a fini elettorali”.

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage