Top

Calenda: "L'Anpi nega il diritto degli ucraini alla Resistenza, è gravissimo"

Il leader di Azione: "Se c'è un valore della Resistenza che rimane è quello della dignità nazionale di un popolo che si solleva contro l'invasore"

Calenda: "L'Anpi nega il diritto degli ucraini alla Resistenza, è gravissimo"
Carlo Calenda

globalist

22 Aprile 2022 - 15.46


Preroll

Il leader di Azione Carlo Calenda, che oggi si è iscritto alla Fiap (Federazione italiana associazioni partigiane), ha commentato la posizione dell’Anpi sulla guerra in Ucraina: “Se c’è un valore della Resistenza che rimane è quello della dignità nazionale di un popolo che si solleva contro l’invasore. Ed è quello che sta succedendo in Ucraina.  Dunque negare quel diritto è negare i valori della Resistenza e che lo faccia il presidente dell’Anpi è un fatto gravissimo”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“La Fiap, Federazione italiana delle associazioni partigiane, è di aria azionista, repubblicana, liberale, mazziniana. La rappresentanza della memoria della Resistenza non è solo di un’associazione. Alla resistenza ha partecipato l’intero spettro dei partiti italiani di allora. Per questo mi sono iscritto alla Fiap. Il 25 aprile saremo alle 9.30 a largo Argentina per testimoniare che c’è una resistenza che resiste anche oggi”, ha affermato Calenda iscrivendosi alla federazione nata nel ’49 a seguito di una scissione nell’Anpi, con la fuoriuscita di 12mila iscritti che nel secondo dopoguerra “non si riconoscevano nella logica degli schieramenti internazionali contrapposti”. 

Middle placement Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage