Top

Ucraina, scontro tra Donato e Picierno: "Accertare i fatti di Bucha". "Sta dicendo cose inaccettabili"

L'ex Lega Francesca Donato aveva avanzato dubbi sulla matrice russa della strage di Bucha, immediatamente ripresa e incalzata dalla deputata Pd: "Quello che è accaduto è davanti agli occhi di tutti".

Ucraina, scontro tra Donato e Picierno: "Accertare i fatti di Bucha". "Sta dicendo cose inaccettabili"

globalist Modifica articolo

6 Aprile 2022 - 14.36


Preroll

OutStream Desktop
Top right Mobile

Un duro botta e risposta nel parlamento di Strasburgo tra Francesca Donato, europarlamentare indipendente e Pina Picierno, deputata del Pd e presidente di turno. La discussione verteva sul tema della guerra in Ucraina e in particolare sul massacro di Bucha, documentato da immagini e foto.

Middle placement Mobile

”Sta dicendo cose inaccettabili, il massacro di Bucha è sotto gli occhi di tutti”, attacca dalla presidenza l’esponente democratica rivolgendosi a Donato. Che inizia il suo breve intervento spiegando come “esigere che la Russia si ritiri incondizionatamente consentendo il ripristino della situazione precedente all’ingresso delle proprie truppe sul territorio ucraino, è un puro esercizio verbale, pleonastico e velleitario”.

Dynamic 1

A far scattare la reazione della vicepresidente dell’europarlamento il tema delle vittime civili del conflitto, dopo che Donato ha ricordato come sulle “stragi di civili riferite dal governo ucraino, sulla cui veridicità vi sono molti dubbi è necessario disporre un’inchiesta indipendente in Ucraina per indagare sulla reale dinamica dei fatti e sulle reali responsabilità”. “Quest’Aula – replica Picierno – non può diventare il megafono di posizioni che non sono accettabili”. “Il massacro di Bucha è sotto gli occhi di tutti”, dice ancora la dem alzando il tono

“Il sottosegretario generale dell’Onu, parlando al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite – è l’argomento dell’ex leghista – ha riferito sulle denunce di violenza sessuale da parte delle forze ucraine e delle milizie della protezione civile. L’Onu sta verificando queste accuse”. Parole, anche queste, che la presidente di turno Picierno, si affretta a rimandare al mittente. Alla democratica non vanno giù neanche le ultime affermazioni della Donato che invita la Ue “a recuperare un ruolo di terzietà e obiettività, individuando un proprio rappresentante che sia super-partes, per facilitare il negoziato ed addivenire alla cessazione delle ostilità, possibile solo tramite una mediazione efficace, che non veda né vinti né vincitori”. “Quest’Aula non è equidistante – taglia corto la Picierno -, c’è un aggressore e un aggredito, che sono Putin e i civili ucraini, se ne faccia una ragione, onorevole Donato”.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile