Top

Oggi la resa dei conti in Senato: la maggioranza si divide sul ddl Zan

Leu, M5s e gran parte del Pd chiedono l'approvazione senza modifiche, mentre la Lega intende bloccare o modificare il provvedimento. E Italia Viva, invece vuole emendamenti

Proteste a favore del Ddl Zan
Proteste a favore del Ddl Zan

globalist

13 Luglio 2021 - 09.10


Preroll

Sarà certamente una settimana decisiva per il ddl Zan, che approderà in aula al Senato dopo il via libera ricevuto alla Camera.
Ma il destino del provvedimento è comunque incerto: la maggioranza continua infatti a essere divisa, con Leu, M5s e gran parte del Pd vogliono l’approvazione definitiva senza modifiche, mentre la Lega intende “bloccare o quanto meno modificare” il testo. E Italia Viva ha già annunciato la presentazione di emendamenti.
Il rischio dei “franchi tiratori” – Alla vigilia dell’approdo in Senato, i numeri sul ddl Zan appaiono risicati. Fari puntati sui franchi tiratori, color che approfittando del voto a scrutinio segreto potrebbero non seguire le indicazioni di partito: se ne contano sei o sette nel Pd e altrettanti tra le file dei pentastellati. 
Renzi: “No a battaglie di principio” – “Con un accordo, la legge Zan verrebbe approvata in Senato in due giorni”, assicura il leader di Italia Viva Matteo Renzi. “Vogliamo portarla a casa o vogliamo fare una battaglia di principio? Perché se si vuole trovare un accordo lo si fa, se si vuole andare alla conta dei voti per far contenti quelli che vogliono la bandierina, tenete la bandierina, ma se poi si va sotto sapete di chi è la colpa”. 
Marcucci (Pd): “Non diciamo o legge o morte” – Nei giorni precedenti all’arrivo del decreto contro l’omotransfobia, anche l’ex capogruppo dem al Senato Andrea Marcucci aveva aperto ad alcune modifiche, chiedendo al segretario di partito Letta di cambiare strategia, perché “se diciamo ‘o legge o morte’, la morte è assicurata. C’è tempo per arrivare a un compromesso”. 
La Lega tenta di tornare in Commissione – Prima di entrare in Senato per la discussione, il presidente della commissione Giustizia Andrea Ostellari (Lega) ha convocato i componenti di quest’ultima per chiedere un confronto sulla sintesi avanzata da lui stesso nelle scorse settimane. L’obiettivo del Carroccio è quello di riportare il ddl in Commissione.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage