Santanchè: l'incontro Berlusconi-Renzi è una sconfitta per i giudici
Top

Santanchè: l'incontro Berlusconi-Renzi è una sconfitta per i giudici

La tesi della passionaria berlusconiana sembra provocatoria, ma il realtà si tratta con un pregiudicato decaduto e tra brevissimo interdetto dai pubblici uffici.

Daniela Santanch
Daniela Santanch
Preroll

Desk2 Modifica articolo

20 Gennaio 2014 - 14.06


ATF

Quella del Cavaliere non è una rinascita ma «dopo l’incontro con Renzi Berlusconi ha dimostrato che non si è fatto ammazzare. Dicevano: la Terza Repubblica inizierà il giorno che Berlusconi sarà morto. L’atto di nascita porta invece la sua firma» mentre i «veri sconfitti» sono i magistrati. Parola di Daniela Santanchè, che interviene ancora una volta in difesa del suo leader, attaccato nelle ultime ore dopo l’incontro nella sede del Pd col sindaco di Firenze.

«La fine di una guerra è la conseguenza di una prova di forza, non di una debolezza – spiega la deputata e dirigente di Forza Italia. – Chi è debole e tratta ad oltranza è destinato a essere travolto». «Per mesi ci hanno additato come il problema per una pacificazione. Invece siamo stati la soluzione».

«Alfano se ne è andato dicendo che in un partito dove ci sono Santanchè e Verdini si resta isolati dal mondo – ha aggiunto l’azzurra. – Bene. Noi siamo entrati, graditi e riveriti ospiti, nella sede del Pd. Lui sta elemosinando una telefonata di Renzi per sapere come è andata e dal segretario del Pd riceve sfottò e disprezzo».

Leggi anche:  Ponte sullo Stretto, il Pd annuncia battaglia: "E' un ecomostro inutile, ci opporremo in ogni modo"

«I veri sconfitti di ieri – ha sottolineato Santanchè – sono i magistrati. Il loro sporco tentativo di rendere impresentabile Berlusconi è fallito definitivamente. Possono anche arrestarlo domani mattina, ma dopo ieri per la storia e per l’opinione pubblica in cella non finirebbe un pregiudicato ma uno statista perseguitato politico. E offro un consiglio non richiesto a Napolitano: prenda atto che aveva sbagliato visione politica e giudizio sulla persona e firmi una grazia tombale all’uomo che da vent’anni si sta prendendo il Paese sulle spalle».

Native

Articoli correlati