La Ong Sea Watch contro Piantedosi: "Impossibile fermare le partenze, proposito ignorante"
Top

La Ong Sea Watch contro Piantedosi: "Impossibile fermare le partenze, proposito ignorante"

Migranti, dopo la tragedia di Cutro, la Ong Sea Watch contro il ministro Piantedosi: «Annunciare di voler bloccare le partenze da luoghi in cui è impossibile sopravvivere o dove si negano i diritti fondamentali è un proposito ignorante».

La Ong Sea Watch contro Piantedosi: "Impossibile fermare le partenze, proposito ignorante"
Una nave della Sea-Watch
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Febbraio 2023 - 12.48


ATF

«Vi ricordate gli annunci di voler accogliere i profughi afghani in fuga dai talebani, meno di due anni fa? O i proclami di vicinanza ai manifestanti iraniani vittime delle feroci repressioni teocratiche del regime iraniano? O la solidarietà dalla Siria in fiamme o ai milioni di sfollati in Pakistan funestato dalle alluvioni? Ecco, erano tutte chiacchiere». Così Sea Watch, all’indomani del naufragio avvenuto a largo delle coste di Crotone e costato la vita sinora a 62 persone, parlando con l’Adnkronos delle nazionalità delle vittime dell’ennesima strage di migranti.

«Quelle persone morte affogate a pochi metri dalla spiaggia europea erano proprio quelle famiglie in fuga», denuncia l’ong, sottolineando ancora una volta che «non c’è modo legale di arrivare in Europa, questa è la verità. «Annunciare di voler bloccare le partenze da luoghi in cui è impossibile sopravvivere o dove si negano i diritti fondamentali, oltre a essere impossibile, è un proposito ignorante che nega la speranza di un futuro per uomini, donne e per i loro figli», conclude.

Leggi anche:  Strage di Cutro, i familiari delle vittime faranno causa allo Stato per omissione di soccorso: "Chiediamo i danni"
Native

Articoli correlati