Sea Watch attacca il governo Meloni: "Nel Mediterraneo si muore ma criminalizzano chi salva vite"
Top

Sea Watch attacca il governo Meloni: "Nel Mediterraneo si muore ma criminalizzano chi salva vite"

La Ong Sea Watch ha criticato il governo Meloni per aver regalato una motovedetta alla Libia per i respingimenti violenti mentre si criminalizza chi salva vite umane

Sea Watch attacca il governo Meloni: "Nel Mediterraneo si muore ma criminalizzano chi salva vite"
Sea Watch
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Febbraio 2023 - 11.14


ATF

«Oggi ad Adria il Governo italiano regala una nuova motovedetta alla Libia affinché continui e incrementi la violenta pratica illegale dei respingimenti nel Mediterraneo. Lo fa per la prima volta con una cerimonia pubblica. Intanto in mare si continua a morire. Solo negli ultimi giorni, dodici salme sono arrivate a Lampedusa, due persone sono disperse, due corpi sono stati recuperati dalla Sea Eye 4 e ora si trovano a bordo. Una donna è arrivata a Lampedusa aggrappata a un salvagente, possibile unica superstite di un naufragio fantasma». 

Così in una nota la Ong Sea Watch.

«Ieri la stessa Sea Eye 4 – prosegue – ha richiesto un’evacuazione medica per una persona in gravi condizioni di salute, deceduta in ospedale dopo aver atteso per ore il trasferimento. Mentre il Governo è impegnato a stringere le mani, a criminalizzare il soccorso in mare, a obbligare le navi delle Ong a inutili e pericolosi viaggi verso porti lontani, nel Mediterraneo si continua a morire. Siamo di fronte a una strage intollerabile. Invertite la rotta», conclude la Ong.

Leggi anche:  Cariche contro gli studenti, Fratoianni propone le 'scorte democratiche': "Devono finirla"
Native

Articoli correlati