Top

Cartabellotta (Gimbe): "A questo ritmo tra una settimana avremo 3 milioni di positivi al covid"

Il presidente della Fondazione Gimbe sulla quarta ondava covid: " lunedì prossimo potremmo avere circa 24mila pazienti ricoverati in area medica e circa 1900 pazienti in terapia intensiva"

Cartabellotta (Gimbe): "A questo ritmo tra una settimana avremo 3 milioni di positivi al covid"

globalist

10 Gennaio 2022 - 17.51


Preroll

Situazione problematica anche se ancora gestibile. Ma servirebbe un po’ più di prudenza nei comportamenti individuali, sperando che la campagna vaccinale faccia il suo corso tra prime, seconde e terze dosi.

OutStream Desktop
Top right Mobile

 Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus. Sulla situazione covid.

Middle placement Mobile

 “La previsione dei 2 milioni di positivi purtroppo l’abbiamo azzeccata- ha affermato Cartabellotta– E’ evidente che questo sta iniziando a pesare sugli ospedali, con quasi 16mila pazienti in area medica a quasi 1.600 in terapia intensiva. Abbiamo quasi l’1% di persone che vanno in area medica e l’1 per mille va in terapia intensiva. Con 2 milioni di positivi e con questo ritmo di crescita, lunedì prossimo rischiamo di avere 3 milioni di positivi. 

Dynamic 1

Avere un 13% di tamponi rapidi positivi ci dà l’idea di quella che è la circolazione virale. Se arriveremo a 3 milioni di positivi, i numeri dei ricoverati desteranno qualche preoccupazione in più. Ad oggi, volendo fare un mimo di proiezione, lunedì prossimo potremmo avere circa 24mila pazienti ricoverati in area medica e circa 1900 pazienti in terapia intensiva. Questo ovviamente porterebbe i tassi di occupazione al 38% e al 20%, questo significa che gli ospedali iniziano ad essere in sofferenza. I problemi di sovraccarico non riguardano solo i pazienti covid, ogni paziente covid che entra in ospedale fa sì che un paziente in meno di un’altra patologia venga assistito”.

Sulla riapertura delle scuole. “Non è vero che siamo di fronte ad un virus che non crea problemi nella fascia d’età pediatrica.

Dynamic 2

Io in questo momento avrei puntato su due settimane di dad, per potenziare la vaccinazione dei ragazzi e dei bambini. Nella fascia 5-11 anni abbiamo ancora 3,1 milioni di bambini non vaccinati” ha concluso Cartabellotta.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage