Top

Il gestore della funivia: "Incontrerò le famiglie delle vittime"

Luigi Nerini è stato arrestato per la strage del Mottarone ma rimesso in libertà dal Gip: "Mai risparmiato sulla sicurezza"

Luigi Nerini, gestore della funivia sul Mottarone
Luigi Nerini, gestore della funivia sul Mottarone

globalist Modifica articolo

31 Maggio 2021 - 07.23


Preroll

Sarà necessario capire che cosa ne pensano le famiglie, sull’ incontro con il gestore della funivia sul Mottarone Luigi Nerini, indagato per l’incidente a Stresa e rimesso in libertà dal giudice, che nei giorni scorsi aveva confidato al suo avvocato la sua volontà di “incontrare i familiari delle vittime, vedere le tombe di quelle persone” e “mettere a disposizione tutto quel che ho per risarcirli”.

OutStream Desktop
Top right Mobile

E sulla questione sicurezza puntualizza: “Mai risparmiato, pago 127mila euro all’anno per la manutenzione”.

Middle placement Mobile

Il gip Donatella Banci Buonamici ha riconosciuto che mancavano totalmente indizi a suo carico e soprattutto che non avrebbe avuto alcun interesse “economico” ad avallare la “prassi” di disattivare il freno d’emergenza per mandare avanti la funivia del Mottarone, anche perché la stagione doveva di fatto ancora iniziare.

Dynamic 1

Per questo l’imprenditore è stato rimesso in libertà ed è tornato in famiglia dopo quasi 4 giorni passati nel carcere di Verbania per l’incidente costato la vita a 14 persone.

Adesso Nerini, fa sapere il suo legale, spera che adesso le “responsabilità vengano individuate correttamente”.

Dynamic 2

 “Freni disattivati dieci volte in 15 giorni” – E’ quanto ammesso dal caposervizio della funivia Gabriele Tadini davanti ai magistrati.

Tra l’8 e il 23 maggio, il giorno dell’incidente, sono stati inseriti i forchettoni che disattivano il sistema frenante.

Dynamic 3

 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile