Top

Bertolaso, dopo i disastri a L'Aquila dà lezioni al Governo: "Incompetenti, Conte dovrebbe chiedere scusa"

L'ex capo della Protezione civile: "Il Presidente del Consiglio continua a fare conferenze a reti unificate senza contraddittorio, ignorando l'esistenza del Parlamento"

Bertolaso
Bertolaso

globalist

4 Dicembre 2020 - 09.50


Preroll

Guido Bertolaso sente aria di candidatura a sindaco di Roma con la destra e quindi deve iniziare a fare il sovranista per dimostrare di meritarselo. Quindi, attaccare il Governo è un buon modo per cominciare: “Il Governo non è stato in grado di gestire la seconda ondata che loro stessi avevano previsto. Continuano a chiamarla emergenza, a quasi un anno dallinizio della pandemia. Chiamiamola con il giusto nome: incompetenza”.
“Ecco fatto: segregati in casa per tutte le feste, anziani abbandonati, turismo demolito, nazioni confinanti strapiene di sciatori, decessi fra i più alti del mondo, e lo saranno ancora per settimane”, prosegue l’ex capo della Protezione Civile. 
“Strillate per i morti negli USA? Il rapporto di popolazione fra noi e gli americani è di 5,5. I nostri 993 che abbiamo perso ieri fanno in proporzione 5.461 poco più del 50% degli USA!! Lo sapete quanti giorni di scuola hanno fatto i liceali della Campania dal 4 marzo scorso ad oggi? 14”.
“I Covid hospital della Fiera di Milano e di Civitanova Marche sono pieni da settimane (purtroppo) ma erano inutili giusto? Il Presidente del Consiglio continua a fare conferenze a reti unificate senza contraddittorio, ignorando l’esistenza del Parlamento e omettendo di usare l’unica parola che dovrebbe pronunciare: scusateci”, conclude Bertolaso. La stessa parola che dovrebbe pronunciare lui per la gestione del terremoto dell’Aquila. Ma che non ha mai pronunciato.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage