Top

Aveva definito il fascismo 'un'epoca splendida': condannato a due anni un'estremista di destra

Roberto Jonghi Lavarini è stato condannato per apologia del fascismo per aver esaltato "principi, fatti e metodi del fascismo" nel 2014

Roberto Jonghi Lavarini
Roberto Jonghi Lavarini

globalist Modifica articolo

24 Giugno 2020 - 17.12


Preroll

Nel 2014 Roberto Jonghi Lavarini, un esponente dell’estrema destra milanese soprannominato ‘il barone nero’, aveva dichiarato che il fascismo “è stata una splendida epoca di riforme sociali e di grandezza dell’Italia”, festeggiava la marcia su Roma e diceva che “un goccino di olio di ricino è digestivo”, oltre ad aver utilizzato varie espressioni antisemite. 
Oggi Lavarini è stato condannato a due anni dal Tribunale di Milano per apologia de fascismo. Le provocazioni fasciste erano state pronunciate alla trasmissione Le Iene e sono state condannate per aver esaltato “principi, fatti e metodi del fascismo”. Lavarini aveva infatti detto: “Se la forza serve per difendere il mio popolo, sono pronto ad usarla. Tranne qualche sana manganellata e qualche bicchierino di olio di ricino, non è mai successo nulla”. Sugli oppositori politici del fascismo mandati al confino si era espresso così: “Andavano in bellissime isole a respirare aria buona, anzi se vogliamo dirla tutta l’unico errore vero di Mussolini è che è stato troppo buono”. E, infine, pure una serie di espressioni di “chiara natura razzista” contro gli ebrei.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile