Aveva dato del 'pervertito' a Luxuria, ora si scusa ma lo chiama 'signor Guadagno'
Top

Aveva dato del 'pervertito' a Luxuria, ora si scusa ma lo chiama 'signor Guadagno'

Il professor Andrea Del Ponte al centro delle polemiche per un post su facebook ha peggiorato la sua situazione chiamando Luxuria con il suo nome di battesimo

Il post del professor Del Ponte
Il post del professor Del Ponte
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Gennaio 2019 - 21.24


ATF

Ci sono volte in cui le scuse sono peggio dell’offesa: potrebbe essere questo il caso del professor Andrea Del Ponte, docente del liceo D’Oria di Genova, che tre giorni fa aveva fatto circolare un post su Facebook in cui dava a Vladimir Luxuria del ‘pervertito’ e lo accusava di plagiare le menti dei bambini. Il riferimento, ovviamente, è alla famigerata puntata di ‘Alla Lavagna’ con ospite principale appunto Vladimir Luxuria. 
Ma il professore, pressato sia dalla scuola, che lo ha minacciato di contestazione disciplinare, sia dalla pubblica condanna dei suoi stessi studenti, ha deciso di chiedere scusa. Ma siccome Del Ponte si definisce contrario all’ideologia gender, qualunque cosa sia, ha deciso che si sarebbe rivolto al ‘signor Guadagno’, ossia il nome di nascita di Vladimir Luxuria. 
“Il rispetto per la personalità del sig. Guadagno e di chiunque viva o soffra una propria diversità è da parte mia totale – si legge nella lettera che è stata diffusa dall’agenzia Askanews – e sempre dimostrata nei fatti, anche nell’ambito della mia professione di docente, ma è anche ovvio che, proprio come docente e educatore, non posso restare insensibile di fronte a giovanissime menti in formazione, a rischio di essere turbate da messaggi di cui essi non sono in grado di recepire la complessità”.
Una mancanza di rispetto intollerabile, che Vladimir Luxuria ha condensato in una domanda: “anzichè pensare alle menti plagiate da me, il professor Del Ponte dovrebbe pensare a quanto traumatizzerebbe uno studente gay o trans che abbia la sfortuna di averlo per docente”. 

Leggi anche:  Roccella sul rifiuto di votare la dichiarazione in favore delle comunità Lgbtiq+: "O si è maschi o si è femmine"
Native

Articoli correlati