Top

Antonella Palmisano vince ma la Rai 'massacra' la gara con il solito assurdo spezzatino

La scelta di trasmettere le Olimpiadi solo su Rai 2 sta costringendo ad una assurda alternanza tra gare diverse in contemporanea. Lo sport non merita un trattamento del genere

Antonella Palmisano

globalist

6 Agosto 2021


Preroll

C’è una Italia che esulta visto che a tre quarti dei Giochi di Tokyo è stato eguagliato il record di medaglie che era stato raggiunto alle Olimpiadi di Roma del 1960.

OutStream Desktop
Top right Mobile

E c’è un’Italia di appassionati sportivi alquanti arrabbiata (per usare un eufemismo) perché godersi le gare è un gioco al massacro e il continuo spezzatino ci ha fatto perdere momenti magici e importanti.

Middle placement Mobile

Un po’ come se invece di leggere un buon libro fossimo costretti a leggerne il suo riassuntino.
I motivi sono noti: la Rai sta trasmettendo le Olimpiadi solo su Rai2 ed è incapace di gestire due eventi importanti in contemporanea.
Del resto, come ampiamente detto, invece di prevedere un sapiente utilizzo del canale 58 del digitale terreste Rai Sport (e quindi avere le necessarie autorizzazioni) mentre gli spettatori perdono molte gare, sull’altro canale Rai continuano ad andare in onda programmi ridicoli, come le repliche di partite di anni fa o – nel caso di questa mattina – le repliche delle tappe del Tour de France.
Così anche oggi la vittoria di Antonella Palmisano nella marcia è stata letteralmente massacrata da interruzioni e passaggi ad altri sport. Salvo riprendere la linea quasi a giochi fatti per la telecronaca degli ultimi minuti.
Ora, per chi conosce un po’ l’atletica, la bellezza di gare lunghe e faticose come la marcia e la maratona sta proprio nel poter vedere chilometro per chilometro come si seleziona il gruppo, eventuali tentativi di fuga, la lotta per prendere il largo.
E invece no: il trionfo della Palmisano è stato trasmesso a mozzichi e a bocconi e gli spettatori (soprattutto i tifosi dell’atletica) lasciati nell’incertezza e al buio mentre la linea passava alla ginnastica, al ciclismo e chi più ne ha più ne metta.
Insomma, anche oggi siamo alle solite senza che chi ha il timone abbia pensato ad un aggiustamento in corso d’opera.
Medaglia d’oro ad Antonella Palmisano e (mutuando il regolamento della marcia) squalificata la Rai per ‘trasmissione irregolare’ dopo il terzo richiamo. 

Dynamic 1
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage