Due avvocatesse fanno scalpore su Instagram tra vestiti griffati e vita mondana: convocate dall'Ordine
Top

Due avvocatesse fanno scalpore su Instagram tra vestiti griffati e vita mondana: convocate dall'Ordine

Si fanno notare da protagoniste di un Legal Show su Instagram: Alessandra Demichelis e Federica Cau dovranno dare spiegazioni alla loro corporazione

Due avvocatesse fanno scalpore su Instagram tra vestiti griffati e vita mondana: convocate dall'Ordine
Le avvocatesse Alessandra Demichelis e Federica Cau
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Gennaio 2022 - 11.12


ATF

Hanno fatto molto scalpore le due avvocatesse sui social: ora arriva la convocazione dell’ordine. “Una città magica (Torino), due avvocatesse, la loro vita, il mondo legale… Lo show legale diventerà realtà”. Si presentano così Alessandra Demichelis e Federica Cau sulla loro pagina Instagram da circa 8mila follower. A corredo foto e video in tacchi a spillo, curve in mostra, borse griffate e contesti lussuosi. La bella vita, in tre parole. E’ così che si fanno notare le due professioniste, ma la loro strategia di marketing è finita sotto la lente dell’Ordine degli avvocati che le ha convocate per avere spiegazioni in merito. “Siamo basite”, il loro primo commento dopo essere finite nell’occhio del ciclone.

In poche settimane dall’apertura della pagina Instagram, le due avvocatesse, in cerca di una nuova vetrina professionale e provando a diventare influencer, hanno insomma trovato il modo per far parlare di sé. Fino a piani molto alti. Perché non solo il mondo degli avvocati torinesi si sta interrogando su questo nuovo fenomeno social.

Leggi anche:  Torino ospita “Movie Icons”, la mostra dedicata ai più celebri oggetti di scena

“Siamo basite, too much per una cosa così insulsa”, commentano a Il Corriere della Sera le dirette interessate. Il progetto è quello di mostrare la loro vita reale calcando le orme delle serie Tv incentrate sul mondo della giustizia. Ma il tribunale di Torino non è Hollywood e l’Ordine degli avvocati vuole verificare per entrambe il rispetto del codice deontologico tra pubblicità e decoro.

Native

Articoli correlati