Il comandante di un'unità aviotrasportata russa d'élite ucciso nella battaglia di Bakhmut
Top

Il comandante di un'unità aviotrasportata russa d'élite ucciso nella battaglia di Bakhmut

Il comandante di un'unità aviotrasportata russa d'élite è stato ucciso in Ucraina, ha detto un ufficiale militare sostenuto dal Cremlino nella regione di Donetsk, nell'Ucraina orientale.

Il comandante di un'unità aviotrasportata russa d'élite ucciso nella battaglia di Bakhmut
Il colonnello Andrei Kondrashkin
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Settembre 2023 - 01.13


ATF

Il comandante di un’unità aviotrasportata russa d’élite è stato ucciso in Ucraina, ha detto un ufficiale militare sostenuto dal Cremlino nella regione di Donetsk, nell’Ucraina orientale.

Alexander Khodakovsky, vice comandante della guardia nazionale dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, ha annunciato la morte del colonnello russo Andrei Kondrashkin sull’app di messaggistica Telegram, aggiungendo che il colonnello ucciso era a capo della 31a brigata d’assalto aereo delle guardie.

Khodakovsky non ha rivelato le circostanze della morte del comandante in volo.

Tuttavia, Yurii Butusov, fondatore del sito di notizie ucraino censor.net, ha detto che Kondrashkin è morto mentre cercava di respingere un attacco ucraino vicino alla città catturata di Bakhmut.

Senza rivelare le sue fonti, Butusov ha detto che le forze d’assalto ucraine hanno violato le difese dell’unità di Kondrashkin nel villaggio di Andriivka, situato vicino alla città chiave di Bakhmut.

“L’eliminazione di uno dei comandanti delle formazioni d’attacco russe è un risultato serio”, ha scritto Butusov su Telegram.

Leggi anche:  Un video mostra i russi uccidere a freddo un gruppo di militari ucraini che si era arreso

L’esercito ucraino ha dichiarato di aver riconquistato Andriivka la settimana scorsa, mentre il ministero della Difesa russo ha sostenuto che Kiev stava “cercando invano di sloggiare le truppe russe” dal villaggio.

Kondrashkin è almeno il secondo comandante della 31a Brigata d’assalto aereo delle guardie ad essere ucciso in Ucraina dall’invasione del febbraio 2022.

Il suo predecessore, il colonnello Sergei Karasev, era tra le dozzine di paracadutisti dell’unità che morirono nei primi giorni di guerra quando tentò, senza riuscirci, di catturare la città di Hostomel fuori Kiev.

Quasi 2.000 paracadutisti russi, tra cui 340 ufficiali, sono morti durante l’invasione dell’Ucraina durata quasi 19 mesi, secondo un conteggio dei media indipendenti Mediazona e del servizio in lingua russa della BBC.

Mosca è stata riluttante a rilasciare dati ufficiali sulle vittime, lasciando che i media indipendenti raccolgano dati dai disparati resoconti dei media locali, necrologi e cimiteri.

Il quotidiano indipendente russo Sota, citando fonti anonime, ha affermato che Kondrashkin ha comandato la 31a brigata “solo per pochi giorni”.

Native

Articoli correlati