Top

Putin, da QAnon ai camerati italiani: suprematisti bianchi e neonazisti al soldo dello Zar

Di grande interesse è il documentato report pubblicato su Haaretz a doppia firma: Sophia Moskalenko e Mia Bloom

Putin, da QAnon ai camerati italiani: suprematisti bianchi e neonazisti al soldo dello Zar
Putin

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

16 Marzo 2022 - 17.29


Preroll

Si travestono da “nuovi ebrei” salvo poi finanziare i peggiori gruppi e movimenti neonazisti e antisemiti in Europa.  Viaggio nello “squadrone della Propaganda” messo in piedi da Vladimir Putin.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Lo “squadrone della Propaganda”

Middle placement Mobile

Di grande interesse è il documentato report pubblicato su Haaretz a doppia firma: Sophia Moskalenko e Mia Bloom. Moshalenko è ricercatrice presso il Consorzio Nazionale per lo Studio del Terrorismo e delle Risposte al Terrorismo (NC-START). Tra i suoi libri, “La meraviglia del martirio: Il potere del sacrificio di sé nel mondo egoista”. È co-autrice di “Pastelli e pedofili: Inside the Mind of QAnon” (2021).  Mia Bloom è docente di Comunicazione e Studi sul Medio Oriente e co-autrice di “Pastelli e pedofili: Inside the Mind of QAnon”

Dynamic 1

“Nonostante sia di dominio pubblico – e fonte di orgoglio per molti – che il presidente ucraino Volodomyr Zelenskyy sia ebreo, e che la giustificazione russa della “de-nazificazione” per la sua guerra feroce all’Ucraina sia una provocazione trasparente e incredula, la macchina della propaganda russa ha fatto gli straordinari per convincere il mondo, e Israele in particolare, che loro sono i nuovi ebrei sotto attacco. Nei giorni da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, c’è stata una corsa improvvisa tra i più noti propagandisti russi a identificarsi come ebrei – comprese figure notoriamente antisemite che usano insulti etnici contro gli ebrei pur sostenendo di essere membri della tribù. 

Sergei Shnurov, il leader di una popolare rock band russa, Leningrad, e il direttore di RTVI, un canale televisivo russo (di propaganda), ha pubblicato il suo nuovo video musicale chiamato “No Entry: Russi e Cani” su quello che lui definisce il “genocidio” dei russi in Ucraina. Nel video, due uomini stanno dietro i cantanti principali, indossando la tradizionale “camicia di Tolstoj” popolare (la kosovorotka) ma questa volta, decorata con grandi stelle di David, che ricordano la stella gialla ebraica ordinata dai nazisti durante la seconda guerra mondiale. Shnurov canta: “Un russo è ora come un ebreo a Berlino nel 1940” mentre una corista fa eco ad un ritornello sul “genocidio”. 

Dynamic 2

La canzone finisce con un comune insulto russo per gli ebrei, Zhid. Shnurov canta “Dite, europei, non state zitti: I russi sono i nuovi Zhid. Volete che bruciamo tutti in un forno!”. L’uso di un insulto etnico nella canzone tradisce l’antipatia radicata verso i gruppi di cui stanno cercando di appropriarsi, per non parlare del riferimento irriverente all’Olocausto.

Lo stesso testo è stato approvato dal capo della rete televisiva internazionale sostenuta dallo stato russo, RT, un canale che ora è stato vietato in tutta l’Unione Europea per la sua propaganda a favore della guerra. Anche prima dell’invasione, il capo di RT, Margarita Simonyan, ha sostenuto che la Russia è stata costretta a intervenire prima che l’Ucraina costruisse “campi di concentramento” e iniziasse a “gasare la gente”. 

Dynamic 3

Vale la pena notare che RT stessa ha offerto una piattaforma frequente ai neonazisti in buona fede e ai suprematisti bianchi antisemiti come il leader dell’alt-right Richard Spencer, Jared Taylor di American Renaissance e l’ex capo del KKK David Duke, insieme ai sostenitori della falsificazione dell’era zarista, i Protocolli degli anziani di Sion. Allo stesso modo, Vladimir Soloviev, probabilmente il miglior propagandista nella cerchia ristretta di Putin, ha reagito alla notizia di essere in cima alla lista dei russi sanzionati dall’UE sostenendo di essere stato preso di mira perché è ebreo, nonostante il fatto che nella vita quotidiana sia chiaramente e perfettamente un cristiano praticante.

Davanti ad un pubblico dal vivo nel suo show, “Soloviev Live”, ha dato una bella lezione all’accusa di sanzioni = antisemitismo: “È la prima volta che l’Europa attacca gli ebrei?… È la prima volta che l’Europa civilizzata introduce sanzioni contro gli ebrei, comprese le loro proprietà? Questa è una cosa che gli ebrei conoscono bene. In altre parole, questi discendenti della Germania nazista applicano sanzioni contro un giornalista? Beh, è ovvio: Seguono il percorso di Hitler…”.

Dynamic 4

Un anno fa, Soloviev ha preso la sua identità “ebraica” per un giro, quando l’attivista anti-Putin Navalny ha rivelato l’immensa ricchezza di Soloviev, nascosta in beni immobili all’estero. Soloviev ha detto in televisione che in realtà era l’antisemitismo a motivare quella che ha definito l’indagine “nazista” di Navalny. Stranamente, in quello stesso dibattito, Soloviev ha detto che Hitler era un uomo più coraggioso di Navalny – per cui la Lettonia gli ha vietato l’ingresso per aver glorificato il nazismo. 

Il propagandista russo, il cantante pop Oleg Gazmanov, che si esibisce per le élite russe e i militari, compreso un concerto celebrativo dopo l’annessione della Crimea del 2014, ha improvvisamente portato alla luce le sue radici ebraiche (segrete come Marrano) che sono esistite sotto la facciata russa ultra-nazionalista che ha mantenuto negli ultimi 30 anni. Cinque giorni fa, Gazmanov ha persino richiesto la cittadinanza israeliana basata sulla Legge del Ritorno di Israele, per la quale è richiesta la prova di un nonno ebreo.

Dynamic 5

Cosa potrebbe spiegare l’appropriazione dell’Olocausto e le rivendicazioni del giudaismo da parte degli stessi leader della macchina di propaganda del regime russo? Ci sono due possibili spiegazioni: Una psicologica, l’altra politica.

Psicologicamente, associandosi agli ebrei, e in particolare al genocidio e all’Olocausto dei nazisti, permette ai russi di dipingersi cinicamente come le vere vittime, e con l’Occidente che gioca il ruolo dell’oppressore, come un tentativo di respingere le immagini provenienti dall’Ucraina che mostrano città sotto un bombardamento che non si vedeva dai tempi dei nazisti nella seconda guerra mondiale. 

Ironicamente, questo è un marcato cambiamento rispetto alla visione alternativa del mondo che la Russia ha usato solo poche settimane fa come giustificazione per invadere l’Ucraina, in cui Putin sosteneva che il governo ucraino fosse nazista. Nella narrazione precedente i russi non erano vittime ma eroi che correvano a salvare il popolo ucraino. Il passaggio da eroi a vittime può essere un “segnale” che anche i propagandisti russi stanno sentendo l’inutilità della tanto lodata campagna militare. 

La rivendicazione del martirio per associazione con gli ebrei si basa sulla psicologia morale del sacrificio di sé. I propagandisti russi capiscono meglio di molti quanto possano essere efficaci le narrazioni del martirio per mobilitare il grande pubblico e incoraggiare i russi a unirsi alla causa. A meno di tre settimane dall’inizio della guerra, la Russia sta sperimentando problemi di morale militare, e si dice che stia addirittura usando “truppe d’esecuzione” che minacciano e sparano a qualsiasi soldato che voglia voltarsi, disertare o disertare. 

Le storie di martirio costruiscono forti imperativi morali per proteggere la vittima e punire i colpevoli e potrebbero essere solo uno dei modi in cui i propagandisti russi cercano di incitare l’esercito russo a combattere più ferocemente e il pubblico russo a sostenere la “speciale operazione militare” in Ucraina.

Politicamente, questo potrebbe anche essere un modo per la Russia di ingrandire artificialmente la vicinanza delle sue relazioni con lo Stato di Israele. Vladimir Putin non vuole che Naftali Bennett condivida la tecnologia Iron Dome di Israele, le armi cibernetiche da usare contro la Russia, o che si unisca alla maggioranza globale nel condannare i crimini di guerra russi contro i civili ucraini, usando la leva della co-dipendenza militare di Israele dal controllo russo dello spazio aereo siriano.  

L’ironia, naturalmente, è che la Russia è stata la fonte di tanto antisemitismo storico, in quanto luogo di nascita dei Protocolli degli Anziani di Sion, ora codificati come parte delle teorie cospirative di QAnon, e della parola “pogrom”. Gli stessi propagandisti che rivendicano l’identità ebraica hanno diffuso per decenni una delle peggiori propagande antisemite in Russia. Appropriarsi della narrazione dell’Olocausto e rivendicare improvvise radici ebraiche è chiaramente una mossa cinica, un tentativo di legittimare la guerra di Putin e di rivendicare l’alta morale. 

E potrebbe anche essere un avvertimento in codice ai “vecchi” ebrei, sia in Russia che in Israele: L’Armata Rossa ha liberato Auschwitz e ora la Russia sta “liberando” l’Ucraina, quindi stai zitto o voi ebrei rischiate che vi consideriamo anche i “nuovi” nazisti”.

Fin qui il report di Haaretz.

Putiniani in camicia nera

Venendo all’Italia, va ripreso quanto scritto da Maurizio Stefanini per linkiesta.it

Rimarca tra l’altro Stefanini: “Negare che ci furono componenti del nazionalismo ucraino che collaborarono col nazismo è impossibile: sarebbe come negare che Stalin abbia fatto con Hitler l’alleanza che scatenò l’aggressione alla Polonia. Il punto, però, è che oggi queste accuse di nazismo sono fatte a un Paese il cui presidente Volodymyr Zelensky è lui stesso ebreo. Tant’è che lo scorso ottobre il vice-presidente del Consiglio di Sicurezza Russo Dmitry Medvedev usò contro di lui toni antisemiti, in una lettera al giornale Kommersant dove spiegava che proprio in quanto ebreo il presidente ucraino era per definizione estremista, corrotto e sotto il controllo straniero. 

Quindi, ripetere «l’Ucraina è un Paese nazista» significa dire «un Paese con un presidente ebreo ha come ideologia lo sterminio di tutti gli ebrei». Evidentemente, un assurdo in termini. L’errore, però, è di dare al termine nazista il senso che ha nella maggior parte delle lingue. Il politologo ucraino Visiting Fellow all’austriaco Institute for Human Sciencesuno dei più importanti esperti europei nel campo delle relazioni tra Putin e i movimenti populisti e autore di un testo fondamentale sui rapporti tra Putin e destra radicale, Anton Shekhovtsov ha infatti spiegato che «nella retorica risalente ai tempi dell’Urss fascista significa semplicemente nemico della Russia. Se un fascista diventa amico, allora cessa di essere considerato fascista. Per definizione». […].

già nel settembre del 2013 il Fronte Nazionale di Adriano Tilgher aveva riempito Roma di manifesti «Io sto con Putin» dal fortissimo tono omofobo. Come spiegò lo stesso Tilgher, «Putin ha assunto posizioni coraggiose, contro la potentissima lobby gay che, con un’azione capillare, punta quasi a colpevolizzare chi omosessuale non è, e contro le centrali finanziarie mondiali che vogliono la guerra in Siria. Noi stiamo con Putin, senza se e senza ma: un attacco in Siria aprirebbe le porte a un conflitto mondiale e la posizione russa rappresenta un argine contro l’irresponsabilità di Obama e di tutti i guerrafondai». Risale invece al 4 dicembre del 2013 un’intervista di Roberto Fiore alla Voce della Russia in cui il leader di Forza Nuova esprimeva sostegno a Putin  in chiave anti-immigrazione. Ma il 5 giugno 2008 Russia Today aveva definito lo stesso Fiore «un terrorista fascista pericoloso». 

In Tango Noir Shekhovtsov attesta che Fiore tra 2012 e 2014 avrebbe tenuto il piede su due staffe: cercando di fare affari in Russia, tanto da incontrare il vice premier russo Arkady Dvorkovich all’International Business Forum Italia Russia; e nel contempo mantenendo i già citati rapporti con l’estrema destra ucraina. Ma quando il 20 dicembre 2014 Forza Nuova convoca a Milano una riunione di gruppi di estrema destra da tutta Europa per costruire quella che viene esplicitamente definita «un’alleanza strategica pro Putin» il movimento di Fiore vanta invece di avere con Putin «rapporti decennali». 

Ex terrorista di Terza posizione condannato per banda armata, latitante a Londra e poi presidente della lega dei movimenti nazionalisti europei, Fiore nel novembre del 2013 ha promosso con sponsorizzazione russa un incontro sulla limitazione della libertà di espressione in Europa in chiave omofoba; dal 29 agosto al primo settembre 2014 è stato a un evento in Crimea, presentando un appello contro le sanzioni europee alla Russia; il 12 e 13 settembre 2014 ha a partecipato a Mosca a una due giorni di convegni sponsorizzati da Cremlino e Duma in difesa della famiglia tradizionale. Il 17 maggio del 2015 tornerà a Mosca a dire che la stessa Mosca «è la terza Roma», secondo lo slogan del nazionalismo russo.

Nel marzo 2015 ancora Fiore è stato tra i leader di dieci movimenti europei di estrema destra invitati a San Pietroburgo a un «Forum internazionale conservatore russo» patrocinato dal Cremlino. Con lui Luca Bertoni, un fedelissimo di Salvini che rappresenta l’associazione leghista Lombardia-Russia; e Irina Osipova, un’italo-russa già candidata alle comunali a Roma con Fratelli d’Italia. Un’inchiesta dell’Espresso nell’ottobre del 2017 collega questo evento a un giro di arruolamento di mercenari di estrema destra italiani per il Donbass, in cui ricompare il nome del solito Palmeri. Il servizio riassume: «un plotone di fascisti e di neonazisti italiani che combattono in Ucraina, schierati in prima linea contro il governo di Kiev sostenuto dalla Nato…”.

Così Stefanini.

Denazificare l’Ucraina avendo a fianco i neonazisti europei. Farsi passare come i “nuovi ebrei” e finanziare i suprematisti bianchi, dichiaratamente antisemiti del QAnon.  La macchina della propaganda putiniana sa dove dirigersi. A destra. Quella più estrema. 

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile