La Ue trova un accordo sul price cap, Draghi soddisfatto: ecco cosa cambia
Top

La Ue trova un accordo sul price cap, Draghi soddisfatto: ecco cosa cambia

Le misure, nel concreto, non cambiano: si va dalla piattaforma aggregata per il gas all'incentivazione delle rinnovabili fino a un price cap al gas nella formazione dell'elettricità.

La Ue trova un accordo sul price cap, Draghi soddisfatto: ecco cosa cambia
Ursula Von der Leyen e Mario Draghi
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Ottobre 2022 - 09.25


ATF

Il vertice di Bruxelles sull’energia è finito con un accordo al photofinish. I 27 stati membri hanno trovato un accordo sul price cap e non solo. “E’ andata bene”, ha dichiarato a fine giornata Mario Draghi.

L’effetto del buon esito si è fatto sentire anche sul prezzo del gas. Ad Amsterdam il prezzo in avvio cede il 2,35% a 124 euro al megawattora. La chiusura di ieri era stata a quota 127 euro. L’accordo mette nero su bianco “l’urgenza delle decisioni concrete” da prendere sul gas con una serie di misure che includono la piattaforma di acquisti comuni e un nuovo benchmark complementare al Ttf.

Il binario da seguire resta quello proposto dalla Commissione il 18 ottobre scorso. Le misure, nel concreto, non cambiano: si va dalla piattaforma aggregata per il gas – volontaria ma obbligatoria per una quota del 15% del volume totale degli stoccaggi in Europa – all’incentivazione delle rinnovabili fino a un price cap al gas nella formazione dell’elettricità. E, sull’applicazione del modello iberico – caldeggiata dalla Francia ma non dalla Germania – che si potrebbe aprire la strada ad un nuovo Sure sull’energia.

Leggi anche:  L'Ue approva la legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari: sconfitta la destra negazionista

Nelle conclusioni si domanda alla Commissione di fare “un’analisi dei costi e benefici sulla misura” che, per compensare il differenziale tra prezzo amministrato e prezzo di mercato, comporterebbe un peso eccessivo sui conti pubblici di diversi Paesi membri. Ma l’altra novità che fa sorridere il premier italiano è proprio l’apertura – ancora molto cauta – che emerge su un possibile nuovo debito comune. Tra le misure, infatti, figura “la mobilitazioni di rilevanti strumenti a livello nazionale e Ue” con l’obiettivo di “preservare la competitività globale dell’Europa e per mantenere il level playing field e l’integrità del mercato unico”. Una frase che, secondo Palazzo Chigi, dimostra che le proposte italiane siano state accolte.

La strada, in realtà è ancora lunga ma ora, forse, se ne intravede la fine. Entro l’inizio di novembre la Commissione “si esprimerà molto chiaramente” sul price cap “e andremo avanti spediti anche sulla solidarietà finanziaria”, ha spiegato Emmanuel Macron secondo il quale, su quest’ultimo punto, le opzioni di Bruxelles sono due: uno Sure 2 oppure utilizzare i prestiti ancora disponibili (circa 200 miliardi) oggi nel quadro del RePowerEu, “dando un po’ di flessibilità”. L’impressione è che i falchi del Nord optino per la seconda strada ma, dalla Germania, dopo mesi di muro qualche concessione è arrivata.

Leggi anche:  Ue, Renzi: "Von der Leyen e Timmermans hanno distrutto un pezzo di economia per eccesso di ideologismo"

E, come prevedibile, a catena anche gli altri ‘frugali’ si sono allineati. “Il focus è sui fondi che già abbiamo ma sul nuovo debito vediamo che si può fare…”, ha aperto Olaf Scholz lasciando il vertice. Certo a Berlino è stata data più di una rassicurazione: se le riunioni ministeriali delle prossime settimane getteranno un qualche allarme nel governo un nuovo vertice dei leader sarà convocato. Per ora, tuttavia, Ursula von der Leyen e Charles Michel hanno incassato il loro obiettivo: dimostrare che, di fronte alla Russia, l’Ue non è implosa neppure questa volta. 

Native

Articoli correlati