Top

La Conferenza stampa di Gentiloni sulle previsioni economiche invernali: al ribasso le previsioni del pil italiano

Il focus della conferenza stampa sarà sull'inflazione, crisi energetica e Omicron

La Conferenza stampa di Gentiloni sulle previsioni economiche invernali: al ribasso le previsioni del pil italiano
Paolo Gentiloni

globalist Modifica articolo

10 Febbraio 2022 - 11.26


Preroll

La ripresa post-Covid dell’Europa rallenta e il rischio è che il Pil, per l’eurozona e per i principali Paesi membri possa restare sotto il 4% a fine anno.

OutStream Desktop
Top right Mobile

L’Ue nelle stime invernali rivede a ribasso il Pil italiano nel 2022 prevedendo un +4,1% quando, nel rapporto dello scorso novembre, configurava una crescita al 4,3%. Per il 2023 l’Ue stima un Pil al +2,3%. “Le previsioni di breve termine sono oscurate dalla prolungata interruzione di forniture e dal brusco aumento dei prezzi dell’energia. Si prevede che l’erosione del potere di acquisto e l’attenuazione della fiducia dei consumatori scalfiscano la crescita reale nel breve periodo. Ci si aspetta che l’attività economica riguadagni slancio nel secondo trimestre e continui ad espandersi nella seconda parte dell’anno”, scrive l’Ue.

Middle placement Mobile

La Commissione rivede al rialzo le attese sull’inflazione per gli alti prezzi dell’energia, ma anche per l’ampliamento delle pressioni inflazionistiche su altre categorie di beni a partire dall’autunno. Nel complesso, l’inflazione nell’area dell’euro, secondo le stime di Bruxelles, nel 2022 arriverà al 3,5% (il 3,9 nell’Ue) prima di scendere all’1,7% (1,9% nell’Ue) nel 2023. Per l’Italia l’inflazione dopo l’1,9% del 2021 è attesa sopra il livello dell’eurozona e al 3,8% nel 2022, per andare poi scendere all’1,6% nel 2023. In autunno l’inflazione nell’eurozona era stata stimata al 2,4% nel 2021, al 2,2% nel 2022 e all’1,4% per il 2023.

Dynamic 1

Il rallentamento della crescita configurato in autunno è stato più acuto del previsto con l’intensificarsi di venti contrari: in particolare l’impennata dei contagi Covid, l’aumento dei prezzi dell’energia e la prolungata interruzione di forniture”. E’ quanto si legge nelle previsioni economiche invernali. Bruxelles spiega anche che “lo stress economico causato dall’attuala ondata di contagi avrà vita breve. Le forniture si normalizzeranno e la pressione inflazionaria si conterrà”. Ma, si sottolinea, “incertezza e rischi” per la ripresa “restano alti, notevolmente aggravati dalle tensioni geopolitiche in Est Europa”.

L’Ue nel complesso ha raggiunto il livello del Pil precedente alla pandemia nel terzo trimestre del 2021 e si prevede che tutti gli Stati membri abbiano superato questa pietra miliare entro la fine del 2022.

Dynamic 2

Il Pil dell’eurozona è atteso in crescita del 4% nel 2022 e del 2,7% nel 2023, dopo il balzo del 5,3% nel 2021. Lo scrive la Commissione riducendo le precedenti stime formulate in autunno quando era stata indicata una crescita del 4,3% per quest’anno e del 2,4% per il 2023. Nell’intera Ue l’attesa è di una crescita del 4% nel 2022 e del 2,8% nel 2023, dopo il +5,3% nel 2021. Il rallentamento del robusto rimbalzo partito in primavera, già previsto, spiega la Commissione, è risultato più acuto per l’ondata di infezioni Covid-19, i prezzi dell’energia e le continue interruzioni sul lato dell’offerta.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile