Genova capitale italiana del libro 2023: al via le iniziative che dureranno fino al 2024
Top

Genova capitale italiana del libro 2023: al via le iniziative che dureranno fino al 2024

Fino al 2024 sono previste tutta una serie di iniziative, che coinvolgeranno l'intera cittadinanza

Genova capitale italiana del libro 2023: al via le iniziative che dureranno fino al 2024
Preroll

redazione Modifica articolo

11 Settembre 2023 - 21.59 Culture


ATF

Genova è la Capitale del Libro 2023 e si prepara ad una serie di iniziative culturali che coinvolgeranno l’intera comunità e il mondo della cultura genovese. Ventidue mostre, nove festival, dodici spettacoli e reading, ben centosettantacinque presentazioni, e aperture straordinarie delle biblioteche: è solo l’inizio del programma svelato con grande enfasi nel sontuoso Salone di Rappresentanza di Palazzo Tursi.

L’intero elenco delle iniziative è disponibile sul sito www.visitgenoa.it.

“A pagine spiegate!” è il leitmotif di questo progetto, un tema che ha conquistato la giuria del Ministero della Cultura, facendo di Genova la Capitale Italiana del Libro 2023. Questa espressione trae ispirazione dal linguaggio marinaro e dalla ricca tradizione marittima della città, che costituisce la sua identità profonda. Così come le vele si spiegano per raccogliere il vento e spingere le imbarcazioni verso nuove avventure, esplorazioni e orizzonti sconosciuti, così le pagine dei libri si aprono per diventare accessibili, dando forma a storie, conservando la memoria e servendo come strumenti di conoscenza, valorizzazione, cittadinanza attiva e partecipazione.

Leggi anche:  Nasce "Primo Tesoro", il vocabolario della narrativa italiana dal 1947 al 2021

Come riporta l’agenzia di stampa AGI, il Comune di Genova sottolinea: “Non soltanto la vastità dell’offerta, ma anche la varietà degli eventi rispecchia l’essenza del libro come strumento versatile e poliedrico, in grado di diventare veicolo di inclusione sociale con un ruolo cruciale nella crescita civile di una comunità”.

Una delle ambasciatrici d’eccezione dell’iniziativa è Jhumpa Lahiri, vincitrice del Premio Pulitzer per la narrativa nel 2000 con “L’interprete dei malanni”. Come riporta l’Agi, Lahiri ha affermato: Un simile progetto, oltre a sottolineare la forza di un territorio, permette di tendere i ponti tra culture e diversi luoghi del mondo. Un ponte che contribuirò a costruire e percorrerò per portare la ricchezza di Genova Capitale del libro a New York. Credo che unendo gli enti sul territorio, i presidi sociali e culturali, soggetti pubblici e privati nel riconoscimento e nella promozione del valore del libro e della lettura, il progetto possa diventare un vero e proprio attivatore di futuro. Ciò che più mi ha colpita di Genova Capitale del Libro è proprio la sostanza, la sua attivazione dal basso, oltre qualsiasi apparenza. Sono certa marcherà un passo fondamentale nella cultura legata al libro grazie a questo suo essere motore di aggregazione di generazioni diverse, di fasce a volte distanti della comunità e di realtà differenti”.

Leggi anche:  Diminuiscono i lettori, ma aumentano le pubblicazioni

Genova, come Capitale del Libro 2023, accoglierà grandi nomi della letteratura italiana e internazionale, tra cui il Premio Nobel Orhan Pamuk e la scrittrice messicana Guadalupe Nettel. Un evento di spicco è la mostra “Calvino cantafavole” che si terrà a Palazzo Ducale dal 15 ottobre al 7 aprile, in occasione del centenario della nascita dello scrittore. Il percorso scenografico sarà realizzato dalla Fondazione Luzzati Teatro della Tosse, promettendo di incantare gli amanti della letteratura e dell’arte scenica.

Native

Articoli correlati