L'attivista e fotografa Tina Modotti celebrata con una mostra in suo onore
Top

L'attivista e fotografa Tina Modotti celebrata con una mostra in suo onore

L'evento, organizzato dalla Casa Internazionale delle Donne di Roma, si terrà dal 3 al 7 maggio nella Sala Ingargiola.

L'attivista e fotografa Tina Modotti celebrata con una mostra in suo onore
Preroll

redazione Modifica articolo

26 Aprile 2023 - 22.06 Culture


ATF

Assunta Adelaide Luigia Saltarini Modotti, meglio nota ai più come Tina Modotti è stata una tra le più importanti fotografe dell’inizio del Ventesimo secolo. I suoi scatti sono conservati ed esposti nei più importanti istituti e musei del mondo, come l’International Museum of Photography and Film at George Eastman House di Rochester (New York) e la Biblioteca del Congresso di Washington.

È questa importante figura che la Casa Internazionale delle Donne di Roma ha deciso di omaggiare organizzando un’importante mostra-evento, dal titolo Tina Modotti. Donna, fotografa, militante. Una vita fra due mondi. Dal 3 al 7 maggio, infatti, alla Sala Ingargiola saranno esposte sessanta fotografie, scattate dall’artista fra il 1923 e il 1930, insieme a lettere e documenti, che permetteranno di gettare luce sulla personalità della donna, che è stata membro militante nel Partito comunista e dirigente delle Brigate Internazionali del Soccorso Rosso.

Sono previsti, inoltre, una serie di eventi che permetteranno ai visitatori di cogliere la sua passione per l’arte della fotografia e l’impegno politico. Gli appuntamenti, così come la mostra stessa, sono stati organizzati con l’obiettivo di mettere a fuoco i legami della Modotti con gli ambienti culturali dell’epoca, per cogliere la sua radicalizzazione al Partito Comunista Messicano e il periodo dell’esilio a Berlino, nel 1930, dove scattò alcune delle fotografie più celebrate. Infatti, a comporre la mostra sarà una selezione di immagini vari documenti provenienti dalla collezione della Fototeca Nazionale (Fondo Modotti) dell’Istituto di Archeologia e Storia de Pachuca Hidalgo, in Messico.

Leggi anche:  ''Baciamoci così'', la nuova mostra di Marcellino Radogna

Per la realizzazione di questo importante appuntamento sono state decisive la proposta dell’associazione culturale 8 Marzo onlus e la collaborazione di Noi Donne Tre Punto Zero, della Casa Internazionale delle Donne di Roma e della Segreteria di Cultura del Governo del Messico. Il progetto, inoltre, è il frutto del lavoro realizzato dall’associazione e dal coordinamento Tina Modotti per riportare in Italia le opere fotografiche realizzate dall’artista quando viveva in America centrale.

Per maggiori informazioni sull’evento clicca qui.

Native

Articoli correlati