Romualdo Chiesa, politico e partigiano martire di Via Tasso
Top

Romualdo Chiesa, politico e partigiano martire di Via Tasso

In occasione del 25 aprile, l'ANPI ha scelto di pubblicare le biografie delle vittime delle Fosse Ardeatine. Noi ne abbiamo scelte alcune, per testimoniare la diversa provenienza culturale, religiosa e politiche dei caduti sotto la rappresaglia nazista.

Romualdo Chiesa, politico e partigiano martire di Via Tasso
Preroll

redazione Modifica articolo

25 Aprile 2023 - 00.07 Culture


ATF

di Agostino Forgione

Romualdo aveva ventidue anni quando fu fucilato dai nazisti. Nato a Roma il 1° settembre 1922, appena diciottenne, si fece portavoce del Movimento dei cattolici comunisti. Furono proprio la sua ideologia e la sua attività eversiva nei confronti del regime che gli costarono, due anni dopo, il deferimento al Tribunale Speciale. Rilasciato per insufficienza di prove, Romualdo continuò la sua attività politica, manifestando l’insofferenza che nutriva verso il regime fascista.

Il suo più grande atto d’eroismo fu quando, proclamato l’armistizio, si schierò contro i nazisti a difesa della Capitale nella mancata difesa di Roma. Accanto a lui l’amico Adriano Ossicini e altri combattenti come Ugo La Malfa, Mario Zagari e Sandro Pertini. Proprio in quegli scontri persero la vita circa quattrocento civili, ma ciononostante, Romualdo continuò a combattere a fianco dei suoi compagni.

Sfuggito ben tre volte alla cattura, cadde infine nelle mani delle SS per mano di un delatore. Venne torturato affinchè parlasse, ma il suo patriottismo e la fiducia che aveva nei suoi compagni di lotta lo portò a non proferir parola, nonostante le percosse ricevute che gli causarono quasi la totale perdita della vista. Quando i tedeschi si resero conto che da lui non avrebbero ottenuto alcuna informazione lo deportarono alle Fosse Ardeatine per trucidarlo, ormai irriconoscibile in volto.

Leggi anche:  ″Viva la libertà″ di Gianni Rodari

È per via della sua attività partigiana e del suo spirito antifascista e patriottico che gli è stata riconosciuta la Medaglia d’oro al valor militare alla memoria, tra le massime ricompense militari. 

Native

Articoli correlati