Mario Giordano che prende a mazzate le zucche di Halloween è già un cult della Tv spazzatura

Il conduttore di Fuori dal Coro, preso dal sacro furore religioso, distrugge le zucche simbolo della festa di Halloween. Ed è subito un cult

Mario Giordano

Mario Giordano

globalist 31 ottobre 2019
È arrivato, come ogni anno, il 31 ottobre, giorno di Halloween. E come ogni anno, si aprono le aride e sterili critiche dei sant'uomini del nostro Belpaese, che si indignano all'idea che una festa di celebrazione dei morti e dei santi sia sostituita da questa americanata senza anima e senza Dio che è la festa dell'orrore. 
Chiariamo, giusto per i lettori che magari rientrano in questa categoria di timorati di Dio, giusto un paio di cosette: Halloween è una festa non americana ma inglese, anzi per la precisione celtica. Coincide con l'antica festa di Samuin, o Samhain, durante la quale si celebrava la fine dell'estate e l'inizio del periodo invernale. la Festa di Ognissanti, che cade il 1 novembre, fu istituita da Gregorio IV nell'840 d.C. e fu scelta questa data proprio per continuità con la festività di Samhain, ancora molto sentita in terre celtiche da poco e non ancora del tutto convertite al cristianesimo. Un po' come avvenne per il Natale, per il quale si scelse la data del 25 dicembre per farla coincidere con l'antica festa pagana del sole. 
Il nome Halloween è una parola scozzese, contrazione della frase All Hallows' Eve, ossia 'vigilia di Ognissanti'. Prime tracce del nome Halloween risalgono al 1556. 
Col tempo, ovviamente, Halloween è diventata una festa folkloristica tipicamente anglosassone, che comunque con i culti dei morti cristiani e cattolici ha molto in comune, come per esempio i dolci dati in dono ai bambini. A chi la accusa di essere una festa 'commerciale', diremmo di darsi un'occhiata intorno quando arriva Natale oppure Pasqua, mentre chi la chiama 'americanata' speriamo non abbia la faccia tosta di celebrare San Valentino. 
Gli attacchi ad Halloween, una festa che dà ad adulti e bambini la possibilità di divertirsi un po' esattamente come il Carnevale, sono da un lato frutto del fanatismo religioso più malato, dall'altro - specie di questi tempi - un ulteriore modo per tornare a quel sovranismo intriso di cattolicesimo oscurantista sbandierato da tutte le forze politiche di destra. 
Ci sono entrambi questi due elementi nell'imbarazzante video dell'ancor più imbarazzante Mario Giordano, conduttore di 'Fuori dal Coro', che impugnando una mazza tricolore (un tocco di classe) demolisce una pila di zucche di Halloween strillando "io Halloween non lo voglio festeggiare". Come se qualcuno glielo avesse imposto. 
Il video, destinato a diventare un cult della già ricchissima cultura trash televisiva italiana, è qui sotto. Vi invitiamo a guardarlo e a dare un nuovo significato alla parola 'disagio'. 
Felice Halloween.