Top

Chiesa contro Halloween: festa del diavolo

Il prete antisette dell'Associazione Giovanni XXIII dice della festa di Halloween: "Celebra un culto satanico collettivo. Incredibile che venga insegnato nelle scuole".

Chiesa contro Halloween: festa del diavolo

Desk Modifica articolo

29 Ottobre 2012 - 18.41


Preroll

Voi pensavate che il problema stesse solo nell’ennesimo “evento” tra Ferragosto e Natale per spillare soldi ai poveri genitori già tartassati. E invece no: Halloween è “la celebrazione di un culto satanico collettivo. E’ incredibile che venga insegnato nelle scuole”. A dirlo è don Aldo Buonaiuto,
responsabile del Servizio anti-sette della Comunità Papa
Giovanni XXIII, fondata da don Oreste Benzi.

OutStream Desktop
Top right Mobile

“E’ scandaloso che gli insegnanti nelle scuole, anche quelle frequentate dai bambini più piccoli
impongano di conoscere Halloween e la sua tradizione, è
spaventoso che venga esaltato il mondo della stregoneria, del
macabro, dell’orrore e dell’occultismo invece di esaltare la
nostra cultura e le nostre istituzioni ricche di uomini illustri
per santita – tuona don Buonaiuto – è una festa anti-cristiana, pseudo
carnevalata che risponde a un culto satanico collettivo”.

Middle placement Mobile

Zucche, maschere di morti viventi, e giochetto-scherzetto fanno venire i brividi alla Chiesa, costretta a vedere i negozi invasi da simboli anti-cristiani.

Dynamic 1

Buonaiuto, per la verità, la fa un po’ grossa, perché per quanto Halloween sia sicuramente una festa irlandese e anglosassone – poi esportata e cresciuta a dismiusra negli Stati uniti – in realtà si dice che fosse anche una festa pagana diffusa tra i romani. Era la festa della “fine dell’estate” celebrata da tutti i popoli agricoli, ognuno con le sue usanze, per esorcizzare l’arrivo dell’inverno. Che sia connessa allo spiritismo è soltanto una “scuola” di pensiero.

Per il prete anti setta però il problema sono gli esoteristi: “noi – spiega
– dobbiamo offrire un’alternativa e dare nuovi modelli che
valorizzino la bellezza della vita, la nostra società non ha
bisogno di teschi, mostri, o scene di sangue, e non è neanche
vero che Halloween serva a sdrammatizzare la morte,
tutt’altro”. ”Oggi -insiste – attorno ad Halloween c’è un
mercato di maschere, teschi, zucche, mantelli, cappellacci,
fantasmi, streghe e zombie, balli in maschera, notti
trasgressive. Ma e’ anche un periodo in cui si denota un netto
incremento di affari per i maghi dell’occulto. E’ proprio questo
l’aspetto ancora piu’ inquietante di tutta la vicenda: il 31
ottobre viene riscoperto con grande fascino dagli esoteristi che
addirittura definiscono questa notte come il ‘Capodanno di tutto
il mondo esoterico’, la festa più importante dell’anno per i
seguaci di satana”.

Dynamic 2

”Per gli occultisti – informa – questa festa che ha le sue
radici in un culto pagano, e’ una delle quattro ricorrenze più
importanti del loro calendario, dove la profanazione dei
cimiteri, le messe nere, i sacrifici e ogni sorta di
dissacrazione e sacrilegio vengono esaltati ed auspicati”. Per
questo, don Buonaiuto invita quanti sono a conoscenza di ”riti,
profanazioni, sacrifici in programma o compiuti” a segnalarli
”al nostro numero verde di emergenza-sette. Grazie alla nostra
collaborazione con le forze dell’ordine, saremo in grado di
intervenire”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile