La Storia bussa alla porta, Sanremo che cosa fa?
Top

La Storia bussa alla porta, Sanremo che cosa fa?

Lo show è qualcosa destinato a continuare, nonostante gli spargimenti di sangue e i mancati accordi di pace. [Tancredi Omodei]

La Storia bussa alla porta, Sanremo che cosa fa?
Preroll

Desk2 Modifica articolo

11 Febbraio 2015 - 19.26


ATF
di Tancredi Omodei

Il quesito è antico, uno di quelli che difficilmente troverà una risposta. Lo spettacolo, quando deve fermarsi? Di fronte a quale dolore, orrore non è giusto proseguire con lazzi e canzonette? Ce lo chiediamo con spirito, come dire, laico, a poche ore dalla seconda serata di Sanremo, all’indomani di una prima serata dai grandi numeri, con un bravo Tiziano Ferro che ci ha riconciliati con la musica, grazie alla sobrietà e serietà di un artista della canzone.

Ce lo chiediamo all’indomani di una sceneggiata, quella di Romina con Al Bano, che ci ha offerto un pessimo spaccato canoro che è servito soltanto al business della coppia scoppiata che si ricompatta solo per i grandi mercati retrò del mondo, a partire dalla Russia. Forti del passaggio sanremese, i due, che magari dietro le quinte si saranno accapigliati per quella battuta sul tribunale, torneranno a Mosca e faranno man bassa di serate grazie a Sanremo e a Rai1.

Torniamo al quesito iniziale. Saprà Sanremo, saprà Carlo Conti, saprà il servizio pubblico ( visto che lazzi e canzonette, compresa la gaffe di Siani, dovranno continuare ); sapranno aprirsi a quel che accade alle porte di casa e nel Mondo? Sapranno farlo senza farne oggetto di spettacolo? Sapranno “sporcare” il palco del festival con un po’ di brutale realtà, quella dei 300 e passa morti al largo di Lampedusa, delle immagini di quella guerra scandalosa di cui ha parlato Papa Francesco, che vede cristiani ammazzare cristiani, innocenti inseguiti e colti dalla morte? Dirà qualcuno: “Che c’entra…”, dirà l’altro “Per questo ci sono i telegiornali…”. Si può dare loro ragione, è più comodo, corazzeremmo le nostre serate in pantofole col fruscio delle vesti delle tre “vallette” di Carlo Conti. Potremo anche evitare i Tg e andare a letto. Ma questo non allontanerà la Storia e se la Storia deciderà di bussare anche alla nostra porta, lo farà. E ci disturberà.

Leggi anche:  Censura e repressione stanno portando al suicidio la Rai
Native

Articoli correlati