Netanyahu accusa Biden di ritardare le forniture di armi per la distruzione di Rafah
Top

Netanyahu accusa Biden di ritardare le forniture di armi per la distruzione di Rafah

Benjamin Netanyahu sostiene che gli Stati Uniti stanno trattenendo le armi, ma gli Stati Uniti non sono d’accordo

Netanyahu accusa Biden di ritardare le forniture di armi per la distruzione di Rafah
Preroll

globalist Modifica articolo

19 Giugno 2024 - 10.23


ATF

Benjamin Netanyahu sostiene che gli Stati Uniti stanno trattenendo le armi, ma gli Stati Uniti non sono d’accordo

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu martedì ha affermato che gli Stati Uniti stanno trattenendo le armi e ha lasciato intendere che ciò sta rallentando l’offensiva israeliana nella città di Rafah, nel sud di Gaza, riferisce l’Associated Press (AP).

Netanyahu, in un breve video, ha parlato direttamente alla telecamera in inglese mentre lanciava aspre critiche al presidente americano Joe Biden sui “colli di bottiglia” nei trasferimenti di armi.

“È inconcepibile che negli ultimi mesi l’amministrazione abbia trattenuto armi e munizioni a Israele”, ha detto Netanyahu, aggiungendo: “Dacci gli strumenti e finiremo il lavoro molto più velocemente”.

Netanyahu ha anche affermato che il segretario di stato americano Antony Blinken, in una recente visita in Israele, ha affermato che sta lavorando 24 ore su 24 per porre fine ai ritardi.

Tuttavia, Blinken ha detto martedì che l’unica pausa è stata legata al ritardo nella consegna di alcune bombe pesanti da maggio a causa delle preoccupazioni per l’uccisione di civili da parte di Israele a Gaza.

Leggi anche:  Netanyahu nega un ospedale da campo in Israele per curare i bambini di Gaza 

“Noi, come sapete, stiamo continuando a rivedere una spedizione di cui il presidente Biden ha parlato riguardo a bombe da 2.000 libbre a causa delle nostre preoccupazioni sul loro utilizzo in un’area densamente popolata come Rafah”, ha detto Blinken durante una conferenza stampa del Dipartimento di Stato. . “Questo rimane in fase di revisione. Ma tutto il resto si muove normalmente”.

Secondo l’AP, Netanyahu non ha spiegato quali armi sarebbero state trattenute e l’esercito israeliano ha rifiutato di rispondere a una richiesta di commento. Ophir Falk, consigliere di politica estera di Netanyahu, ha rinviato le domande sui dettagli agli Stati Uniti. governo, riferisce l’AP.

Martedì, rispondendo alle affermazioni di Netanyahu, l’addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha dichiarato: “In genere non sappiamo di cosa sta parlando. Semplicemente non lo facciamo”

Ha aggiunto che gli Stati Uniti stanno avendo “discussioni costruttive” con Israele sulla sospensione della spedizione di bombe pesanti e che è l’unico trasferimento ad essere ritardato.

Native

Articoli correlati