L'Ucraina può vincere? O davvero la Russia non potrà mai perdere?
Top

L'Ucraina può vincere? O davvero la Russia non potrà mai perdere?

L'idea che la Russia non possa perdere rimane  saldamente radicata per alcuni. È troppo forte, troppo potente a cospetto di una Ucraina che secondo altri pareri, non avrebbe le risorse per riconquistare il suo territorio

L'Ucraina può vincere? O davvero la Russia non potrà mai perdere?
Preroll

globalist Modifica articolo

4 Giugno 2024 - 01.12


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

L’idea che la Russia non possa perdere rimane  saldamente radicata per alcuni. È troppo forte, troppo potente a cospetto di una Ucraina che secondo altri pareri, non avrebbe le risorse per riconquistare il suo territorio. Questa è per esempio la tesi di Pierre Lellouche, la geopolitica era la sua professione, ora fa il giornalista e anche il politico filo-russo, cosa si fa per i soldi. Pubblicherà un libro sulla questione e non è un filo-russo invertito, anche se non lontano, poiché ha avuto l’intelligenza di lasciare il C2FR di Dominique, per cui la Russia è vittima.

La verità è che la guerra di trincea/guerra di droni in corso, avviene oltre 1000 miglia al fronte e mette a dura prova gli eserciti. 

L’offensiva su Kharkiv, ad esempio, è stata coinvolta al prezzo di pesantissime vittime russe e gli ucraini hanno di nuovo bombardato, nella stessa Russia,  colonne di uomini e materiali che si preparavano per i rinforzi. Anche le perdite ucraine sono ovviamente conseguenti, ma in un rapporto notevolmente più basso rispetto all’ esercito russo, che va da 1-3 a 1-7 a seconda dei luoghi e dei tempi. 1 a 3, anche questo è il rapporto popolazione e 1 a 7, e questa è la vittoria assicurata, in mandato per l’Ucraina.

Leggi anche:  La Fondazione Rinat Akhmetov sostiene i bambini ucraini: 5 milioni e oltre

Questa enorme differenza di perdite si basa su diversi fattori. 

Primo, è la Russia che ATTACCA, ( e molti qualunquisti o intellettualmente disonesti scordano ) e quindi è costretta ad esporsi allo scoperto, che costa fatalmente di più. L’Ucraina ha vissuto quest’ultimo autunno con tante difficoltà. Non ci sono 50.000 modi per assaltare fortificazioni ben difese, e solitamente tutto questo attraversa onde enormi, difese sopraffine per numero, indifferenti alle perdite o quasi. Lo sbarco del 6 giugno, mi viene in memoria, come ricordo dell’ammutinamento di maggio-giugno 1917. Questo è ciò che l’Ucraina non può permettersi, perché non ha la massa critica, in un contesto in cui oggi i popoli occidentali sono riluttanti a morire in massa per un’idea patriottica. E l’Ucraina ora è occidentale, a differenza della Russia.

Visto che il tritacarne non è l’unica opzione. La strategia conta e la strategia della Russia impara dai propri fallimenti. Conta anche il morale dei soldati, e la Russia non è proprio in forma. L’annuncio sta in nuove mobilitazioni del popolo, perché le tasse aumentano per alimentare la guerra, le azioni di Gazprom diminuiscono, il deficit previsto del bilancio dello Stato è considerevole, che si moltiplica per 4, mentre non siamo nemmeno a metà dell’anno.

Leggi anche:  L'assalto del battaglione Azov e l'uccisione a freddo di soldati russi: in trincea la guerra è una macelleria

Anche la tecnologia conta e la Russia è indietro su questo livello, dove l’Occidente può fare molto meglio. A proposito, Lellouche non dice che la Russia non può perdere, sostiene che l’Ucraina non può vincere senza essere sostenuta dalle truppe occidentali. Sarebbe infatti la soluzione più semplice, ma non la più facile da far accettare alla nostra opinione pubblica. 

A proposito, è stato il senso di azione agit-prop che ha visto la deposizione di bare avvolte in bandiere francesi ai piedi della Torre Eiffel. Un’azione che sembrava ovviamente sponsorizzata da Mosca dopo l’arresto dei suoi autori.

Fortunatamente, nella guerra moderna, i droni sono sempre più efficienti e potenti e l’invio di droni agita molto meno l’opinione pubblica dei combattenti viventi o qualsiasi decisione possa prendere. In altre parole, la moderna dottrina militare occidentale incentrata sulla mobilità, colpita duramente, è estremamente efficace, mentre i russi sono rimasti con l’occupazione fisica del campo. Il risultato è che la Russia sta ora inviando sul fronte T54, un carro armato nato nel 1946, gli ultimi armamenti hanno più di 65 anni.

Leggi anche:  Missili Usa a lungo raggio in Germania: la prima volta dalla fine della guerra fredda

La Russia non riesce nemmeno più a consegnare le armi che aveva promesso ai regimi amici africani, ed è la Cina che deve prendere il sopravvento, ovviamente sfregando le mani. A proposito, probabilmente è questo crollo della Russia a favore della Cina che sta trattenendo maggiormente la Casa Bianca dal muoversi liberamente. Anche più del rischio gabegie del crollo del Cremlino. 

Xi non andrà in Svizzera e, secondo Zelenski, che deve essere ben informato, sta facendo pressioni nella dissuasione di visite nella piccola nazione dei 4 cantoni. BRICS contro l’Occidente, ex colonizzato contro l’ex colonizzatore, questa è la narrazione che Pechino e Mosca vorrebbero imporre, quando ovviamente l’Occidente preferirebbe uno scontro tra dittature contro democrazie, che ci permetterebbe di riunirci, ad esempio, India e Brasile.

Questo è probabilmente il vero problema di questo XXI secolo. 

Vinceranno il popolo e la libertà, per costruire insieme il futuro o meglio il potere e l’oppressione, in nome degli errori e dei rancori del passato?

Native

Articoli correlati