Spianare Gaza, giudeizzare la Cisgiordania: il doppio obiettivo dei fanatici di "Eretz Israel"
Top

Spianare Gaza, giudeizzare la Cisgiordania: il doppio obiettivo dei fanatici di "Eretz Israel"

Spianare Gaza. Giudeizzare la Cisgiordania. E’ il doppio obiettivo degli ultras di “Eretz Israel”, il “partito dei coloni” che marchia il governo d’Israele.

Spianare Gaza, giudeizzare la Cisgiordania: il doppio obiettivo dei fanatici di "Eretz Israel"
Heretz Israel
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

28 Aprile 2024 - 18.13


ATF

Spianare Gaza. Giudeizzare la Cisgiordania. E’ il doppio obiettivo degli ultras di “Eretz Israel”, il “partito dei coloni” che marchia il governo d’Israele.

Lo “Stato dei coloni”

In questi anni, Globalist ha documentato l’affermarsi, passo dopo passo, dello “Stato dei coloni” in Cisgiordania. Uno “Stato” di fatto, con le sue “leggi”, le milizie armate, con la sostanziale impunità che gode soprattutto da quando i partiti di estrema destra, legati a doppio filo al movimento degli insediamenti, sono al potere. 

Una pratica sistematica della violenza denunciata con coraggio da Haaretz in un editoriale: “Venerdì 12 aprile, il giorno prima del ritrovamento del corpo di Binyamin Ahimeir, 14 anni, dell’avamposto di Malakhei Hashalom, sono state registrate nove aggressioni di palestinesi da parte di civili israeliani, la maggior parte delle quali nell’area tra Ramallah e Nablus. Il giorno successivo sono stati documentati più di 55 incidenti di questo tipo. Due giovani palestinesi sono stati uccisi da civili israeliani e decine di altri sono stati colpiti e feriti mentre cercavano di proteggere i loro villaggi, i loro amici e le loro famiglie.Gli assalitori hanno incendiato più di 20 case e decine di veicoli, danneggiando ulivi e attrezzature agricole. Gli attacchi più “leggeri” hanno incluso il blocco delle uscite del villaggio, il pestaggio di una famiglia che si trovava sul proprio terreno e il lancio di pietre contro i veicoli in movimento. L’istinto immediato è quello di vedere questa esplosione di violenza come un’espressione spontanea di dolore da parte dei residenti dei vicini insediamenti e avamposti per la violenta uccisione di Ahimeir. Ma l’orchestrazione degli attacchi dimostra che non sono affatto spontanei. I residenti del villaggio di Al-Mughayyir che sono stati attaccati venerdì e anche sabato hanno visto decine di invasori mascherati – che hanno superato senza ostacoli tre jeep dell’esercito – che si sono divisi in alcuni gruppi che hanno operato contemporaneamente in alcune aree della comunità. Gli abitanti del quartiere settentrionale hanno visto che l’unità si è divisa in alcune cellule: Una era responsabile del lancio di sassi e dello sfondamento dei vetri delle case e delle auto, un’altra degli incendi e la terza riforniva la prima di sassi. La cellula più grande, composta da due uomini con fucili e altri armati di pistole e bastoni, si è sparpagliata, presumibilmente per supervisionare e sorvegliare le altre. Gli abitanti del villaggio hanno detto che gli assalitori hanno dato fuoco a ogni auto lanciando qualcosa che si è incendiato immediatamente. Fonti della Difesa hanno detto che i militari non conoscevano i mezzi utilizzati. In ogni caso, ha causato una rapida combustione e le fiamme sono aumentate solo quando gli abitanti del villaggio hanno cercato di spegnerle con l’acqua. Haaretz ha appreso che tre sospetti dell’attacco sono stati arrestati il 12 aprile; altri quattro sono stati arrestati e successivamente rilasciati, mentre altri otto sono stati arrestati nel frattempo. L’esperienza dimostra che gli arresti e le brevi detenzioni non sono un deterrente. Per anni, i coloni hanno usato la violenza per impedire ai palestinesi di accedere alle terre agricole e di pascolo e per sfollare decine di comunità di pastori. I coloni non hanno bisogno di scuse o pretesti: I loro atti di violenza organizzata – compresa la creazione di avamposti legalizzati retroattivamente e – sono deliberati e pianificati. Il loro obiettivo coincide con uno degli obiettivi espliciti del partito più forte del governo, il sionismo religioso, ovvero l’espulsione dei palestinesi dalla loro terra e dalla loro patria. La maggioranza di Israele – civili e istituzioni – deve smetterla di consentire e acconsentire a questa violenza pericolosa e organizzata, come se non fosse una responsabilità di Israele e non fosse fatta in nome di Israele”.

Leggi anche:  L'Onu denuncia le uccisioni illegali israeliane in Cisgiordania: 528 palestinesi, 133 dei quali bambini

Esproprio senza fine

A darne conto è un documentato report per il giornale progressista di Tel Aviv, a firma Hagar Shezaf. “A soli tre mesi dall’inizio dell’anno, il 2024 ha già visto una quantità record di terreni della Cisgiordania dichiarati di proprietà dello Stato. Inoltre, i dati relativi al periodo 2018-2023 mostrano che l’Amministrazione Civile ha rimappato circa 24.000 dunam (5.900 acri) di terreni di proprietà dello Stato, la maggior parte dei quali in aree profonde della Cisgiordania – una mossa che potrebbe far presagire la costruzione di insediamenti in quelle aree.Dall’inizio dell’anno, 10.971 dunam (2.743 acri) in Cisgiordania sono stati dichiarati terreni di proprietà dello Stato, secondo i dati. Il blocco più grande è costituito da 8.000 quasi 2.000 acri nella Valle del Giordano. Altri 650 acri sono stati dichiarati proprietà dello Stato nei pressi di Abu Dis, così come 42 acri nei pressi del Parco Nazionale di Herodian, nel sud della Cisgiordania.

A titolo di confronto, i dati dell’Ong Peace Now mostrano che l’anno record per le dichiarazioni fino ad ora è stato il 1999, quando sono stati designati solo 1.285 acri. I dati dell’organizzazione partono solo dal 1998.

Prima che i piani di costruzione possano essere approvati, le aree dichiarate di proprietà statale prima del 1999 devono essere rimappate dal cosiddetto team della Linea Blu dell’Amministrazione Civile.

La maggior parte delle rimappature effettuate negli ultimi cinque anni ha riguardato aree dove non c’è alcuna costruzione o dove si è costruito poco.

Le cifre sono state rese pubbliche in seguito a una richiesta di libertà di informazione presentata da Kerem Navot, una ONG che monitora le attività di insediamento, che ha anche analizzato i dati. Secondo i dati, nel periodo 2018-2023 sono stati rimappati 1.070 acri nell’area delle Colline di Hebron Sud. Si tratta di aree vicine agli insediamenti di Pnei Hever, vicino alla zona industriale di Meitarim, e di Teneh Omarim. Quest’ultima è un’area in cui negli ultimi anni sono stati creati diversi avamposti non autorizzati su terreni statali. Le aree più grandi della Cisgiordania che sono state mappate includono 576 acri vicino a Karnei Shomron, la maggior parte dei quali attualmente copre terreni non sviluppati; 520 acri non sviluppati vicino al confine pre-1967 e ai villaggi palestinesi di Nuba e Kharas; 435 acri vicino all’insediamento di Tekoa; circa 630 dunams vicino all’insediamento di Shvut Rachel; e 400 acri vicino all’insediamento di Nahaliel, gran parte dei quali sono anch’essi non sviluppati. Un documento del 2016 afferma che le priorità del team della Linea Blu dovrebbero essere le aree soggette a controversie giudiziarie o che sono in conflitto tra palestinesi e coloni o lo Stato. Il team dovrebbe inoltre concentrarsi sui blocchi di insediamenti in Cisgiordania (Gush Etzion, Ma’aleh Adumim, la Valle del Giordano, Gerusalemme e Ariel), le aree in cui è prevista la costruzione di istituti scolastici e altre aree definite urgenti dall’Amministrazione Civile. Recentemente, l’Amministrazione Civile ha annunciato l’intenzione di ampliare la giurisdizione dell’insediamento di Shiloh per includere l’avamposto di Ahiya, il che costituisce un passo avanti verso la sua legalizzazione. La mossa è avvenuta dopo che il team della Linea Blu ha completato il suo lavoro nell’area nell’aprile del 2023.

Leggi anche:  Cisgiordania: le truppe di occupazione israeliane uccidono un ragazzo di 16 anni

Bezalel Smotrich, che oltre a essere ministro delle Finanze è un ministro del Ministero della Difesa responsabile dell’Amministrazione civile, ha lavorato assiduamente per ottenere uno status legale per gli avamposti.

All’inizio di questa settimana è stato reso noto che Smotrich ha assegnato i “simboli di località” a Mishmar Yehuda, Beit Hogla, Shacharit e Asa’el, avamposti che stanno per diventare insediamenti riconosciuti. Un simbolo di località dà diritto a fondi governativi per il suo sviluppo. La mossa è in linea con una decisione del gabinetto presa al momento dell’insediamento dell’attuale governo di formalizzare lo status di 10 avamposti come nove insediamenti.

Dror Etkes di Kerem Navot afferma di non essere sorpreso dall’intensificazione delle attività. “Come ci si può aspettare da questo governo, nell’ultimo anno c’è stato un forte aumento delle risorse pubbliche investite nel saccheggio di altre migliaia di dunams sparsi in diverse aree della Cisgiordania, oltre a promuovere la possibilità di costruire sulle migliaia di dunams che i governi precedenti hanno saccheggiato negli ultimi decenni, sebbene la maggior parte di essi non sia ancora stata utilizzata”, afferma”.

E il saccheggio continua. 

La denuncia di Amnesty

Amnesty International ha denunciato nei giorni scorsi un allarmante aumento della violenza dei coloni israeliani contro i palestinesi della Cisgiordania occupata, ribadendo l’urgente necessità che gli insediamenti, che sono illegali, siano smantellati e che cessino l’occupazione israeliana dei Territori occupati palestinesi e il sistema di lunga data di apartheid. 

“Tra il 12 e il 16 aprile, centinaia di coloni israeliani hanno scatenato una violenza mortale contro i villaggi palestinesi della Cisgiordania, tra i quali al-Mughayyir, Duma, Deir Dibwan, Beitin e Aqraba. I coloni hanno dato fuoco ad abitazioni, alberi e automobili. Quattro palestinesi sono stati uccisi dai coloni o dai soldati israeliani: il diciassettenne Omar Hamed nei pressi di Ramallah, due uomini nei pressi di Nablus e, il 20 aprile, un paramedico sempre nei pressi di Nablus.

Nei video verificati dal Crisis Evidence Lab di Amnesty International si vedono le forze israeliane assistere senza intervenire agli attacchi dei coloni a Deir Dibwan, nei pressi di Ramallah. Secondo testimonianze raccolte dall’organizzazione per i diritti umani, nei villaggi di Aqraba e Kufr Maliq i soldati hanno persino preso parte agli attacchi.

La recente, spaventosa ondata di violenza dei coloni fa parte di una campagna, che va avanti da decenni ed è sostenuta dallo stato israeliano, per spossessare, sfollare e opprimere i palestinesi   della Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est occupata, nell’ambito del sistema israeliano di apartheid. Le forze israeliane sono note per favorire la violenza dei coloni ed è oltraggioso che ancora una volta siano state a guardare e, in alcuni casi, abbiano preso parte a quegli attacchi brutali”, ha dichiarato Heba Morayef, direttrice di Amnesty International per il Medio Oriente e l’Africa del Nord.

“Costruire insediamenti nei Territori palestinesi occupati è un’evidente violazione del diritto internazionale e costituisce un crimine di guerra. La violenza è funzionale all’istituzione e all’espansione degli insediamenti e al mantenimento del sistema di apartheid. È giunto il momento che il mondo riconosca questa situazione e prema sulle autorità israeliane affinché rispetti il diritto internazionale ponendo immediatamente fine all’espansione degli insediamenti e rimuovendo tutti quelli esistenti”, ha aggiunto Morayef.

Leggi anche:  L'Onu denuncia le uccisioni illegali israeliane in Cisgiordania: 528 palestinesi, 133 dei quali bambini

La violenza dei coloni è drammaticamente aumentata negli ultimi sei mesi. Gli ultimi attacchi sono iniziati dopo che un ragazzo israeliano quattordicenne, Binyamin Ahimeir, dell’avamposto illegale di Mal’achei Hashalom, a nordest di Ramallah, è stato ritrovato morto il 13 aprile.

La violenza dei coloni sostenuta dallo Stato

I video di quanto accaduto a Deir Dibwan il 13 aprile, verificati da Amnesty International, mostrano i soldati israeliani assistere alla vandalizzazione di proprietà palestinesi. Nelle immagini diffuse dall’organizzazione non governativa israeliana Yesh Din   si vedono due persone entrare in un garage e dare fuoco a un’automobile mentre due soldati israeliani stanno a guardare. I soldati poi non intervengono quando i coloni israeliani ostruiscono la strada principale verso il villaggio. In un ulteriore video, si vedono civili palestinesi lanciare pietre ai soldati e si sentono rumori di colpi di pistola.

In un altro attacco nel villaggio di Khirbet Twayyil, nei pressi di Aqraba, a sud di Nablus, due giovani palestinesi, Abd Al-Rahman Bani Fadel e Mohammed Bani Jami’, vengono uccisi dopo che – secondo quanto riferito dal sindaco di Aqraba, Salah Bani Jaber – i coloni aprono il fuoco contro di loro. In un post sui social media le forze israeliane hanno dichiarato che un’indagine preliminare ha escluso la loro responsabilità nelle due uccisioni. Video verificati da Amnesty International confermano che i soldati israeliani erano presenti sul posto e mostrano un gruppo di palestinesi che fugge mentre si sentono rumori di spari.

Secondo fonti di stampa, nel corso dell’attacco contro il villaggio di al-Mughayyir, nei pressi dell’avamposto illegale di Mal’achei Hashalom, 25 palestinesi sono stati feriti da proiettili veri e sono state date alle fiamme abitazioni e automobili. Un uomo, Jihad Afif Sedqui Abu Aliah, è morto negli scontri successivi.

Gli attacchi dei coloni israeliani contro i palestinesi della Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est occupata, erano già sistematici prima del 7 ottobre ma da allora sono aumentati. Secondo l’organizzazione non governativa B’Tselem, da allora la violenza dei coloni ha causato lo sfollamento di quasi 20 comunità.

Molti dei villaggi attaccati negli ultimi giorni ospitano beduini palestinesicostretti dalla violenza dei coloni ad abbandonare le proprie comunità situate a nordest di Ramallah.

“È dal 2018 che i coloni ci attaccano, ma dal 7 ottobre è peggio. Ovunque andiamo, vengono e ci costringono nuovamente ad andar via. Chi viene a trovarci ci dice di restare saldi, ma come possiamo restare saldi se i nostri mezzi di sussistenza e i nostri figli sono in pericolo? C’è una politica sistematica che autorizza i coloni ad attaccare i villaggi e a distruggere tutto e nessuno fa niente per fermarli”, ha dichiarato una donna sfollata da Al-Mu’arrajat.

A febbraio il governo statunitense, seguito da quelli di Londra e Parigi, ha imposto sanzioni su quattro coloni israeliani accusati di aver preso parte agli attacchi in Cisgiordania. Ulteriori sanzioni sono state ordinate dal presidente Biden il 19 aprile.

“Questi ultimi attacchi sono il segnale cheimporre sanzioni su singoli individui non serve per affrontare le cause di fondo della violenza, come l’incessante espansione degli insediamenti, l’occupazione e il sistema di apartheid”, ha commentato Morayef.

“Non affrontare queste cause di fondo e non chiamare Israele a rispondere delle violazioni del diritto internazionale non fa altro che mandare avanti lo spossessamento e l’oppressione ai danni dei palestinesi”, ha concluso Morayef.

Native

Articoli correlati