L'appello: Kharkiv rischia di diventare una 'seconda Aleppo' se all'Ucraina non arriveranno nuovi aiuti
Top

L'appello: Kharkiv rischia di diventare una 'seconda Aleppo' se all'Ucraina non arriveranno nuovi aiuti

Ihor Terekhov ha affermato che la Russia ha cambiato tattica per cercare di distruggere la fornitura di energia elettrica della città e terrorizzare i suoi 1,3 milioni di residenti sparando nelle aree residenziali,

L'appello: Kharkiv rischia di diventare una 'seconda Aleppo' se all'Ucraina non arriveranno nuovi aiuti
Ihor Terekhov, sindaco di Kharkiv
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Aprile 2024 - 10.46


ATF

Kharkiv rischia di diventare “una seconda Aleppo” a meno che i politici statunitensi non votino a favore di nuovi aiuti militari per aiutare l’Ucraina a ottenere le difese aeree necessarie per prevenire attacchi russi a lungo raggio, ha avvertito il sindaco della città Ihor Terekhov.


Ihor Terekhov ha affermato che la Russia ha cambiato tattica per cercare di distruggere la fornitura di energia elettrica della città e terrorizzare i suoi 1,3 milioni di residenti sparando nelle aree residenziali, con le persone che subiscono interruzioni di corrente non programmate per ore alla volta.

Il sindaco della seconda città dell’Ucraina ha affermato che il pacchetto di aiuti militari statunitensi da 60 miliardi di dollari, attualmente bloccato al Congresso, è di “importanza fondamentale per noi” e ha esortato l’Occidente a concentrarsi nuovamente sulla guerra durata due anni.


“Abbiamo bisogno di quel sostegno per evitare che Kharkiv diventi una seconda Aleppo”, ha detto Terekhov, riferendosi alla città siriana pesantemente bombardata dalle forze governative russe e siriane al culmine della guerra civile del paese dieci anni fa.

Leggi anche:  Kiev: "In corso battaglie difensive nella regione di Kharkiv contro gli occupanti russi"


Il 22 marzo, gli attacchi russi hanno distrutto una centrale elettrica alla periferia orientale della città e tutte le sue sottostazioni; una settimana dopo i funzionari riconobbero che un secondo stabilimento, 30 miglia a sud-est della città, era stato eliminato nello stesso attacco.


La corrente elettrica nella città, a circa 30 miglia dal confine russo, è stata interrotta dopo un altro bombardamento questa settimana, causando una breve fermata della metropolitana. I residenti hanno affermato che nel centro della città di solito c’è fornitura per poche ore al giorno, anche se in periferia la situazione sarebbe migliore.

Native

Articoli correlati