Moglie di Kara-Murza: "Putin va fermato e la condizione per la pace"
Top

Moglie di Kara-Murza: "Putin va fermato e la condizione per la pace"

A parlare, in un'intervista esclusiva al Festival Internazionale del Giornalismo 2024 è Evgenya Kara-Murza, moglie di uno dei più noti politici d'opposizione in Russia, Vladimir Kara-Murza

Moglie di Kara-Murza: "Putin va fermato e la condizione per la pace"
Evgenia Kara-Murza
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Aprile 2024 - 18.09


ATF

«La Russia ha un unico ed enorme problema interno ed è il regime di Putin. Tutto il resto proviene a cascata da questo» perciò «Putin va fermato. L’unica garanzia di pace e stabilità per il nostro continente è una Russia democratica».

A parlare, in un’intervista esclusiva al Festival Internazionale del Giornalismo 2024 è Evgenya Kara-Murza, moglie di uno dei più noti politici d’opposizione in Russia, Vladimir Kara-Murza, dall’aprile 2022 in carcere dove sta scontando una condanna a 25 anni di reclusione con l’accusa di vilipendio alle forze armate e alto tradimento.

«Mio marito è sopravvissuto a ben due agguati, nel 2015 e nel 2017, da parte del gruppo di spionaggio Fsb (i servizi segreti russi, ndr), una banda di criminali al servizio del governo russo, implicati anche nell’avvelenamento con il Novichok», racconta la moglie dell’oppositore che ha dovuto rinunciare alla sua partecipazione in presenza al Festival di Perugia, in programma dal 17 al 21 aprile.

Nella video intervista, che sarà trasmessa sabato 20 aprile, Kara-Murza racconta di non vedere il marito dal giorno del suo arresto nell’aprile 2022: «Mi è stato concesso di parlargli al telefono solo un paio di volte. L’ultima a dicembre per soli 15 minuti. Abbiamo tre figli e ho lasciato che parlassero con il padre per cinque minuti ciascuno. Non ho scambiato nemmeno una parola con lui perché non volevo togliere tempo prezioso ai suoi figli». La donna è un fiume in piena e le accuse a Mosca sono dirette e circostanziate.

Leggi anche:  Medvedev : "Se gli Usa colpiscono obiettivi russi scoppa la guerra mondiale"

«Questa è un’autentica tortura psicologica che il regime utilizza nei confronti di chi rifiuta di rimanere in silenzio di fronte alle atrocità del governo russo e denuncia la guerra in Ucraina. Il regime di Putin ha rispolverato tutto l’intero arsenale della macchina repressiva sovietica, incluso l’uso di punizioni psichiatriche. Vuol dire che oppositori e dissidenti possono essere rinchiusi con la forza in cosiddetti `ospedali psichiatrici´ ed essere sottoposti a trattamenti psichiatrici contro la loro volontà».

Evgenya Kara-Murza non nasconde la sua preoccupazione per la salute del marito che ha perso 25 kg da quando è in carcere. Dallo scorso settembre è rinchiuso in una cella di isolamento nota con le sue iniziali russe come EPKT. La cella di sei metri quadrati ha un solo sgabello, una piccola finestra chiusa da sbarre e un letto che si ripiega nel muro durante il giorno. Nessuna possibilità di comunicare con l’esterno, neanche tramite lettere. «L’obiettivo del regime di Putin – spiega Kara-Murza – è quello di isolare gli oppositori dal mondo. Di farli sentire soli e dimenticati. Per questo è importante continuare a parlare di loro, che i nomi dei dissidenti russi e che le loro storie siano conosciuti». 

Native

Articoli correlati