La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu
Top

La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu

La lunga “notte dei droni” ha inizio il 1° aprile. La “guerra dei droni” ha sancito una dura sconfitta militare dell’Iran ma pone ora il più inquietante interrogativo: fino a dove intende spingersi Benjamin Netanyahu?

La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu
Droni su Israele
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Aprile 2024 - 14.53


ATF

La lunga “notte dei droni” ha inizio il 1° aprile. La “guerra dei droni” ha sancito una dura sconfitta militare dell’Iran ma pone ora il più inquietante interrogativo: fino a dove intende spingersi Benjamin Netanyahu nell’annunciata rappresaglia? 

Quei droni “spuntati”

A ragione, Amos Harel è considerato uno dei più autorevoli, equilibrati, informati, analisti geomilitari israeliani. Lo conferma anche l’analisi a caldo su Haaretz la mattina dopo la “notte infuocata”.

Scrive Harel: “Il vasto attacco iraniano contro Israele, con centinaia di droni, missili da crociera e balistici, si è concluso nelle prime ore di domenica mattina con danni minimi. Questo grazie alle incredibili capacità operative dimostrate dall’aviazione israeliana in collaborazione con gli Stati Uniti e altri paesi amici del Medio Oriente e dell’Europa.

Israele, che sta godendo di un raro momento di sostegno internazionale, sta ora valutando la sua risposta. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden sta esercitando forti pressioni sul Primo Ministro Benjamin Netanyahu affinché si astenga dal condurre un attacco aereo in Iran. Un attacco del genere potrebbe provocare una risposta di Hezbollah e avvicinare le parti a una guerra regionale.

L’attuale scambio di colpi, in cui l’Iran ha lanciato per la prima volta un attacco diretto al suolo israeliano dal suo territorio, è iniziato il 1° aprile con l’uccisione di un alto generale della Forza Quds in un attacco aereo a Damasco attribuito a Israele.

Dopo il massacro del 7 ottobre, il leader di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, sperava che i suoi partner dell'”asse della resistenza”, soprattutto Iran ed Hezbollah, si unissero all’attacco a sorpresa contro Israele. Sinwar non ha intenzionalmente coordinato i tempi dell’attacco e ha scoperto che i suoi partner non erano entusiasti di unirsi alla battaglia senza che questo fosse stato concordato in anticipo. Hezbollah si è limitato a lanciare fuoco di solidarietà verso la Galilea, nel nord di Israele, mentre l’Iran, come al solito, ha scelto di rimanere dietro le quinte.

La frustrazione israeliana è aumentata negli ultimi mesi e deriva dalla sensazione che gli iraniani siano immuni nonostante compiano attacchi terroristici a volontà attraverso i loro proxy e continuino ad armare i membri dell'”asse della resistenza”.

Questo sembra essere il motivo alla base della decisione di concentrare gli attacchi contro il personale della Forza Quds in Siria, che ha raggiunto il culmine il 1° aprile con l’uccisione di Mohammad Reza Zahedi, il comandante delle operazioni della Forza Quds in Siria e Libano. Israele, tuttavia, pensava che le cose sarebbero andate avanti come al solito e ipotizzava che gli iraniani si sarebbero accontentati di una risposta limitata all’assassinio di Zahedi e di sei dei suoi collaboratori.

Leggi anche:  Iran: la morte di Raisi e la partita aperta nel regime ma a decidere resta la Guida Suprema

Non è andata così. Nel giro di pochi giorni sono apparsi segnali che indicavano che l’Iran stava pianificando una risposta clamorosa da lanciare dal suo territorio contro il territorio israeliano. Non è stato necessario un lavoro di intelligence particolare: La Guida Suprema iraniana Ali Khamenei lo ha detto pubblicamente, per ben tre volte. Gli iraniani hanno sottolineato che il fatto che sia stato attaccato un edificio vicino alla loro ambasciata a Damasco, che secondo loro fungeva da consolato, significa che l’attacco costituiva un attacco al loro territorio sovrano.

A questo punto sono iniziati i preparativi, basati sull’architettura strategica regionale costruita negli ultimi tre anni. L’amministrazione Biden, in stretta collaborazione con Israele, ha portato avanti un piano per un ombrello di difesa regionale contro i droni e i missili con la collaborazione dei Paesi europei e di diversi Stati sunniti della regione.

Il sistema si basa su una rete di sensori dislocati in diversi Paesi. Israele ha contribuito con capacità avanzate di scoperta e intercettazione grazie ai suoi sistemi di difesa multistrato. Gli altri partner hanno inizialmente contribuito con radar dispiegati vicino al confine iraniano. Durante i primi sei mesi di guerra, ci sono stati diversi segnali del lavoro del sistema di difesa regionale, soprannominato dagli americani MEAD (Middle East Air Defense Alliance).

I frutti di questa alleanza sono stati evidenti per la prima volta nelle prime ore di domenica mattina. Gli iraniani hanno sparato oltre 300 droni e missili di vario tipo con un successo minimo. Alcuni missili balistici sono caduti in aree aperte, soprattutto nel Negev, nel sud di Israele. Una bambina beduina di 7 anni ha riportato gravi ferite. Alcuni danni sono stati causati a una base dell’aeronautica militare nel sud. Il resto delle munizioni sparate contro Israele è stato intercettato con una percentuale di successo vicina al 99%. Una parte significativa delle minacce è stata intercettata al di fuori del territorio israeliano, nei cieli della Giordania e dell’Iraq (dove la maggior parte delle operazioni è stata condotta dagli Stati Uniti).

L’importanza dei risultati di questo conflitto notturno non deve essere sottovalutata. Si tratta di un risultato senza precedenti nella storia delle guerre di Israele – anche se con qualche aiuto da parte di amici – che toglie in gran parte la principale carta in mano all’Iran e all’asse: droni e missili. Le impressionanti intercettazioni del sistema Arrow hanno attirato la maggior parte dell’attenzione, ma i piloti israeliani e americani hanno abbattuto centinaia di missili da crociera e droni.

Si può supporre che Teheran sia estremamente delusa dai risultati. L’intenzione iraniana, come valutato prima dell’attacco, era quella di mettere in mostra le proprie capacità con un attacco a obiettivi militari. Un’analisi delle aree in cui sono stati lanciati gli allarmi suggerisce che l’obiettivo poteva essere la base aerea di Nevatim, nel sud di Israele. Sembra che gli iraniani avessero intenzione di distruggere la base e gli avanzati caccia F-35 che vi stazionano, che sono il fiore all’occhiello degli aiuti americani a Israele. L’Iran ha fallito completamente.

Leggi anche:  Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia

Cosa vuole Netanyahu

La domanda principale che rimane è cosa succederà ora. Israele avrà difficoltà ad andare avanti come sempre dopo un attacco così massiccio condotto sul suo territorio. Alle 2:30 del mattino, Netanyahu, o qualcuno per suo conto, ha detto a Channel 12, a nome di una “fonte diplomatica di alto livello”, che valeva la pena di rimanere svegli ancora un po’ perché ci si aspettava una risposta israeliana senza precedenti. Non è ancora successo.

Il Primo Ministro stesso è andato a dormire, a quanto pare, ma solo dopo una telefonata con il Presidente Biden. La dichiarazione ufficiale della Casa Bianca ha fatto gli auguri a Israele e ha promesso di convocare le potenze per discutere le misure da adottare contro l’aggressione iraniana. In seguito, a Washington è stato riferito che Biden ha cercato di pacificare Netanyahu. Accontentati della vittoria che hai ottenuto”, ha detto il presidente al primo ministro, riferendosi al fenomenale successo della difesa aerea di Israele.

Negli ultimi mesi si sono moltiplicate le voci secondo cui gli iraniani, nell’ombra della nebbia dei disordini regionali, stanno portando avanti in segreto il loro programma nucleare. È lecito supporre che Biden tema che Netanyahu possa cercare di trascinare gli Stati Uniti in un attacco contro l’Iran, realizzando così il suo sogno di lunga data: far sì che gli americani si occupino di eliminare il programma nucleare iraniano. Ci si aspetta che il Presidente si impegni per non permettere che ciò accada.

Israele ha buone ragioni per regolare i conti con l’Iran, che da anni tira cinicamente le fila del terrorismo contro Israele. Tuttavia, deve tenere conto delle possibili ramificazioni di una risposta. Un massiccio attacco israeliano all’Iran potrebbe eliminare qualsiasi freno da parte di Hezbollah.

Paradossalmente, finché l’Iran non avrà ottenuto la capacità di dotarsi di armi nucleari, la minaccia più grande per Israele viene da Hezbollah, visto il massiccio arsenale in possesso del gruppo sciita libanese e la sua vicinanza al confine con Israele. Uno scenario in cui Hezbollah si unisca a una guerra totale con un massiccio lancio di razzi sui centri abitati israeliani è ciò a cui Yahya Sinwar aspira dal 7 ottobre e che Israele cerca di evitare. In ogni caso, Hezbollah è riuscito a bloccare la regione di confine settentrionale e a costringere circa 60.000 israeliani a lasciare le loro case.

Leggi anche:  E' morto il presidente iraniano Raisi, fatale lo schianto con il suo elicottero: morto anche il ministro degli Esteri

Senza dubbio, nel gabinetto e nel governo c’è chi ritiene che l’opportunità sia ormai matura per scuotere completamente le cose: Una guerra regionale in cui l’Occidente e gli Stati sunniti sosterranno Israele in un modo o nell’altro, facendo perdere all’Iran le sue risorse strategiche e distruggendo l’arsenale di Hezbollah, mentre il Libano subirà ingenti danni alle infrastrutture.

Altri, tra cui membri del Gabinetto di Guerra e alti funzionari della Difesa, sono più cauti. I pericoli per il fronte interno in una guerra totale sono numerosi e vedono Gaza come il fronte principale. Secondo loro ci sarà tempo per occuparsi del Libano più avanti e in questo momento Israele dovrebbe rafforzare la sua alleanza con gli Stati Uniti e dare a questi ultimi la possibilità di mediare nel nord del Paese. Per non parlare del fatto che una guerra regionale richiederà ingenti quantità di munizioni offensive e missili intercettori.

Come al solito, la domanda è: cosa vuole Netanyahu? La persona che ha scaricato tutta la responsabilità dei fallimenti del 7 ottobre sull’establishment della difesa, rifiutandosi di riconoscere il proprio coinvolgimento, ora si crogiola nel successo senza precedenti dell’aviazione israeliana e dei suoi partner.

Nel frattempo, l’Ufficio del Primo Ministro ha rilasciato questa mattina una laconica dichiarazione a nome del Mossad (o forse era il contrario). Hamas ha rifiutato la proposta dei mediatori per un accordo sugli ostaggi presentata alle parti la scorsa settimana. Il rifiuto dell’offerta dopo che Israele “ha mostrato la massima flessibilità dimostra che Sinwar non è interessato a un accordo umanitario e alla restituzione degli ostaggi”.

Questa, con tutto il rispetto, è solo una mezza verità. Sinwar, e non è una sorpresa, sta abusando degli ostaggi usando il pubblico israeliano. Non è un segreto che l’assassino di Khan Yunis non abbia fretta di accettare un accordo. Secondo alcune fonti israeliane coinvolte nei negoziati, tuttavia, anche Netanyahu sta giocando con il tempo negli ultimi due mesi e non sta cercando di spingere per un accordo.

Le carte di Israele sono ora più deboli perché l’Idf ha ritirato le sue forze da Khan Yunis e Biden ha costretto Netanyahu a triplicare la quantità di aiuti in entrata nella Striscia. Sinwar non sente più la pressione di progredire con un accordo: a quanto pare crederà che Israele entrerà a Rafah solo quando lo vedrà con i suoi occhi. Nel frattempo, gli ostaggi continueranno a morire nei tunnel di Gaza e l’attenzione dell’opinione pubblica israeliana si sposterà sul crescente pericolo iraniano”, conclude Harel.

Proprio quello che vuole Netanyahu. 

Native

Articoli correlati