La Serbia rimane contraria alle sanzioni alla Russia
Top

La Serbia rimane contraria alle sanzioni alla Russia

 La Serbia non intende cambiare la sua posizione contraria alle sanzioni alla Russia. Lo ha detto il presidente Aleksandar Vucic, sottolineando che Belgrado non si fa ricattare da nessuno.

La Serbia rimane contraria alle sanzioni alla Russia
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Aprile 2024 - 02.14


ATF

 La Serbia non intende cambiare la sua posizione contraria alle sanzioni alla Russia. Lo ha detto il presidente Aleksandar Vucic, sottolineando che Belgrado non si fa ricattare da nessuno.

Rispondendo a una domanda se il presidente francese Emmanuel Macron, nel loro recente incontro di Parigi, gli abbia posto come condizione per la consegna dei caccia Rafale il sì alle sanzioni contro Mosca, Vucic ha detto che la posizione di Belgrado è immutata dall’inizio del conflitto in Ucraina.

«La Serbia è orgogliosa della sua posizione. È un Paese piccolo per superficie e numero di abitanti, ma grande per il suo cuore. La Serbia non cambierà la sua posizione. Non si è fatta ricattare da nessuno, né c’è qualcuno che la può ricattare», ha affermato il presidente, che ha parlato ai giornalisti al termine di un incontro a Belgrado con la dirigenza serbo-bosniaca.

Leggi anche:  La Serbia ribadisce la condanna dell'invasione russa dell'Ucraina
Native

Articoli correlati