Gaza, gli israeliani sparano contro un convoglio dell'Unicef: gli operatori vivi per miracolo
Top

Gaza, gli israeliani sparano contro un convoglio dell'Unicef: gli operatori vivi per miracolo

Tess Ingram, portavoce dell'Unicef, era in un convoglio colpito dai colpi di arma da fuoco israeliani mentre cercava di portare aiuti nel nord di Gaza.

Tess Ingram dell'Unicef
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Aprile 2024 - 12.34


ATF

Tess Ingram, portavoce dell’Unicef, era in un convoglio colpito dai colpi di arma da fuoco israeliani mentre cercava di portare aiuti nel nord di Gaza.

Ha detto Tess Ingram che i veicoli si trovavano in un “punto di attesa” – un’area designata dove le auto devono attendere finché un posto di blocco non è pronto a riceverle.

“Stavamo aspettando lì quando ci sono stati spari nelle vicinanze. Gli spari provenivano dalla direzione del checkpoint verso i civili che poi sono scappati e gli spari ci hanno colpito”, ha detto Ingram ad Al Jazeera.

“Siamo stati davvero fortunati”, ha detto, aggiungendo che tre colpi hanno colpito l’auto dove era seduta. Si tratta dell’incidente più grave che il personale dell’Unicef abbia vissuto dall’inizio della guerra.

“Ma non è un caso isolato: la sicurezza non è garantita nemmeno quando adottiamo tutte le misure necessarie, come abbiamo visto con il tragico incidente della World Central Kitchen. Questo è solo un altro esempio”.

Leggi anche:  Bologna ospita i ritratti dei giornalisti uccisi a Gaza

La missione era stata autorizzata e le autorità israeliane sapevano del convoglio, ha detto Ingram. Dopo la sparatoria, le autorità israeliane hanno continuato a ritardare il convoglio che alla fine è stato costretto a tornare a Rafah.

“Quindi quelle forniture salvavita non sono mai arrivate ai bambini nel nord di Gaza”, ha detto.

Native

Articoli correlati