Yair Lapid: "L'ebraismo è apertura, chi governa oggi Israele ne ha deturpato l'essenza"
Top

Yair Lapid: "L'ebraismo è apertura, chi governa oggi Israele ne ha deturpato l'essenza"

Yair Lapid Il leader del partito centrista Yesh Atid (C'è un futuro), capo dell’opposizione al governo di estrema destra guidato da Benjamin Netanyahu, ha declinato su Haaretz la sua idea di ebraicità.

Yair Lapid: "L'ebraismo è apertura, chi governa oggi Israele ne ha deturpato l'essenza"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

29 Marzo 2024 - 19.12


ATF

L’ebraismo come “scrigno” di diversità e non come fortezza uniforme. Un valore identitario che ha le sue conseguenti ricadute politiche. Ed è di grande significanza che ha intervenire su questo tema cruciale sia il più laico tra i politici israeliani: Yair Lapid Il leader del partito centrista Yesh Atid (C’è un futuro), capo dell’opposizione al governo di estrema destra guidato da Benjamin Netanyahu, ha declinato su Haaretz la sua idea di ebraicità.

nostro scrigno del tesoro, il nostro scrigno ebraico-israeliano, è ricco di cultura, coscienza storica e amore per la nostra patria. Il nostro scrigno ebraico-israeliano trabocca di ricordi, musica e storie ascoltate di generazione in generazione.

Il nostro ebraismo non è uniforme, ma piuttosto dotato di una varietà infinita di possibilità ebraiche. Ogni casa ha le sue tradizioni portate da diversi angoli della diaspora ebraica; ogni casa ha il suo modo unico di connettersi tra il nonno che è passato da tempo e la nipote che deve ancora nascere.

Questa diversità non ci minaccia. Al contrario! Arricchisce le nostre vite e amplia le nostre possibilità di condurre un’esistenza ebraica e israeliana. Le mitzvot che noi ebrei-israeliani osserviamo – come il Seder di Pasqua, la riunione di famiglia la sera dello Shabbat, l’arruolamento nell’esercito israeliano e la conservazione della nostra democrazia – non sono doveri religiosi che ci vengono imposti, ma scelte che facciamo per senso di appartenenza.

Nel nostro ebraismo, è impossibile per un giovane israeliano non arruolarsi nell’esercito del popolo, perché la responsabilità reciproca è la base stessa della nostra esistenza. Nel nostro ebraismo, la Dichiarazione di Indipendenza di Israele è la sesta pergamena che dovrebbe essere onorata insieme al Cantico dei Cantici, alle Lamentazioni, all’Ecclesiaste, al Libro di Ruth e al Libro di Ester.

Il nostro scrigno è comodo e sicuro di sé. Rispettiamo gli ultraortodossi, essendo una delle comunità che compongono il mosaico ebraico di cui tutti facciamo parte, ma non hanno il monopolio della halakha e non abbiamo bisogno della loro approvazione del nostro ebraismo.

L’ebraismo israeliano non accetta alcun tipo di estremismo. Offre una connessione naturale e moderata tra la vita moderna e la potenza e la bellezza del passato biblico.

Guidiamo per andare al lavoro lungo la strada in cui Saul, il primo re d’Israele, cercava i suoi asini e ridiamo e litighiamo nella lingua in cui la profetessa Deborah scriveva poesie. I nostri standard morali iniziano con Abramo, che contrattò con Dio il numero di uomini giusti a Sodoma.

La nostra democrazia inizia con i Dieci Comandamenti. La nostra vita nella terra dei nostri antenati fa parte di una conversazione ebraica continua, che si estende dal Libro della Genesi agli scritti della poetessa Zelda; dagli insegnamenti dei profeti biblici al lavoro delle organizzazioni della società civile – che hanno scritto un capitolo straordinario della nostra storia comune dopo i disastrosi eventi del 7 ottobre.

Il nostro ebraismo è anche un’identità nazionale e un modo di essere sociale e politico. È la storia dei nostri successi, ma anche quella dei fallimenti che ci rendono persone migliori. Caino, il diluvio, la Torre di Babele, l’esilio e l’Olocausto sono grandi tragedie nazionali da cui abbiamo imparato, diventando più forti e più saggi.

Leggi anche:  Gli Stati Uniti assicurano a Israele pieno sostegno nel caso scoppiasse la guerra con Hezbollah

L’ebraismo ci insegna che i disastri e gli ostacoli sono temporanei per loro stessa natura e che abbiamo il potere di superarli.

L’ebraismo è la via della speranza. Anche se siamo in difficoltà, come in questi giorni, abbiamo sempre il diritto – e il dovere – di cambiare la realtà e di lottare per il bene. La paura è un’emozione che si prova da soli, mentre la speranza nasce dalla collaborazione con gli altri.

Non sono solo in questo mondo. Ho una nazione. Mi appartiene e io le appartengo. Il defunto rabbino Jonathan Sacks ha detto che non sconfiggiamo il male con l’odio, ma con la fede nella vita. Ecco perché, proprio dopo l’Olocausto, gli ebrei hanno compiuto l’atto più ebraico degli ultimi mille anni: fondare lo Stato di Israele.

La più grande prova ebraica non risiede nella questione del proprio livello di religiosità, ma nel modo in cui si lavora per il bene comune. L’ebraismo israeliano non controlla l’osservanza delle mitzvot, ma suggerisce piuttosto che ognuno di noi partecipi alla costruzione di un mondo come noi stessi. Quando i giovani israeliani vengono convocati al centro di reclutamento dell’esercito, non solo difendono la loro patria e il loro popolo, ma danno anche un senso alla loro vita.

L’ebraismo israeliano non suggerisce di essere tutti identici, ma di sviluppare un’identità. Invece della supremazia ebraica, offre l’umiltà ebraica. Non saremo in grado di raggiungere questi obiettivi da soli e per questo avremo bisogno di altri. Perché Israele sia forte e sicuro e perché noi possiamo cambiare la realtà, dobbiamo lavorare insieme”.

L’altra faccia d’Israele

È quella del messianismo religioso che si fa politica e che oggi marchia con il suo oltranzismo il presente d’Israele. Illuminante è l’articolo, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, di una dei più autorevoli giornalisti israeliani: Anshel Pfeffer.

Scrive Pfeffer: “Negli 11 anni in cui Yitzhak Yosef è stato il rabbino capo sefardita di Israele, non ha lasciato alcun segno nella società israeliana. Non ha emesso sentenze halakhiche coraggiose né ha intrapreso un viaggio per avvicinare le masse israeliane all’ebraismo.

Tutto questo non è una sorpresa per chi lo conosce. È un vecchio brontolone con orizzonti molto limitati che non si è fatto notare molto nemmeno nel mondo rabbinico. I punti salienti della sua carriera sono stati un periodo relativamente breve come rabbino di alcuni moshavim e il ruolo di preside di una yeshiva che portava il nome illustre di suo padre, Rabbi Ovadia Yosef, ma che non è riuscita ad attirare molti studenti. Fu autore di decine di libri, ma erano tutti riassunti del lavoro di suo padre.

Rabbi Ovadia non pensava nemmeno di essere degno dell’alta carica. In vista dell’ultima elezione del Rabbinato nel 2013, favorì un altro dei suoi figli, Avraham, il rabbino di Holon, che almeno aveva una certa esperienza in materia. Ma sono emerse accuse di conflitto di interessi nei confronti di Avraham e all’ultimo momento è stato proposto Yitzhak.

Leggi anche:  Polizia con il cannone ad acqua contro la manifestazione anti-Netanyahu: un medico rischia di perdere la vista

Non ha molta importanza chi sia il rabbino capo. È uno dei ruoli più superflui in Israele. Gli ebrei laici non hanno bisogno di un rabbino capo, mentre quelli religiosi hanno già i loro rabbini. Ma ora, al crepuscolo del suo mandato, Yitzhak Yosef è finalmente entrato nella storia di Israele.

Durante il suo sermone settimanale nella sinagoga Yazdim di Gerusalemme (un’altra posizione ereditata dal padre) sabato sera, Yosef è entrato nella polemica sull’esenzione di 66.000 studenti della yeshiva dal servizio militare.

“Se ci obbligano ad andare nell’esercito, andremo tutti all’estero”, ha detto. È l’unica citazione per cui verrà ricordato. In una frase, ha racchiuso perfettamente l’arroganza e l’ottusità degli Haredi nei confronti dei bisogni e dei sentimenti di un’intera società in tempo di guerra, il loro distacco dalla realtà e la loro deformazione del valore dello studio della Torah.

Da settimane i politici ultraortodossi si astengono dal rilasciare interviste. Sanno almeno che non c’è modo di spiegare ai media israeliani il loro assoluto rifiuto di accettare l’arruolamento di giovani Haredim nelle Forze di Difesa Israeliane. Preferiscono invece abbassare il profilo e sperare che il loro partner politico, Benjamin Netanyahu, trovi un modo per risolvere la questione.

Se avessero potuto, avrebbero realizzato la fantasia di Yosef e lo avrebbero mandato in un lungo soggiorno all’estero. Si rendono perfettamente conto che non c’è nulla che restringa il margine di manovra di Netanyahu più dell’ammonimento del rabbino: “Devono capire questo, tutti quegli ebrei laici che non capiscono”. Devono capire che senza la Torah, senza le yeshivas, non ci sarebbe esistenza, non ci sarebbe successo per l’esercito”.

La risposta istintiva della maggior parte degli israeliani a una minoranza che vive grazie alle loro tasse, rifiuta di condividere l’onere della sicurezza e minaccia di lasciare il Paese è quella di prenotare i voli per qualsiasi destinazione scelgano. Ma ora che Yosef l’ha detto, i politici Haredi non hanno altra scelta che dire amen e rintanarsi ancora di più nel loro rifiuto.

Non che ci fossero molte possibilità di compromesso prima del sermone. Ma almeno nello Shas – il partito di cui Yosef è il leader spirituale non ufficiale (pur ricoprendo un incarico di governo pagato anche dai contribuenti) – c’erano alcuni barlumi di un tentativo di trovare una soluzione. A differenza degli Haredim ashkenaziti, alcuni politici dello Shas sono consapevoli dell’atmosfera che si respira nella società israeliana e capiscono che dovranno fare delle concessioni.

Inizialmente i ministri dello Shas avevano parlato di fare una distinzione più chiara tra coloro che studiano effettivamente la Torah giorno e notte e coloro che sono solo registrati come studenti e quindi dovrebbero essere arruolati. Il loro leader politico, Arye Dery, ha mantenuto il silenzio sulla questione, ma ha continuato a tenere colloqui discreti con il ministro della Difesa Yoav Gallant e il suo collega del gabinetto di guerra Benny Gantz su possibili soluzioni – compresa la possibilità che i partiti Haredi sacrifichino Netanyahu e accettino di sostituirlo o di indire elezioni anticipate se le esenzioni dalla yeshiva potessero continuare. Ma il sermone del rabbino Yosef ha seppellito ogni barlume di speranza di compromesso nel prossimo futuro. Ha posizionato lo Shas, relativamente pragmatico, a fianco degli Ashkenazim più radicali e ha spinto Gantz e Gallant verso la dura richiesta secolare di arruolare ogni giovane.

Leggi anche:  Il ministro della difesa israeliano a Washington mentre i venti di guerra dopo Gaza arrivano in Libano

Yosef non conoscerà questo termine, ma sta giocando un gioco a somma zero. La sua è una minaccia vuota. Non vedremo migliaia di studenti di yeshiva lasciare Israele. Le comunità Haredi all’estero non li accoglieranno. La maggior parte degli ultraortodossi al di fuori di Israele lavora per vivere e solo una piccola minoranza di geni ha passato la vita a studiare. Come è sempre stato consuetudine nelle comunità ebraiche.

Yitzhak Yosef non ha colpe. È il prodotto di una comunità Haredi post-Olocausto e non ha la prospettiva storica e la comprensione per capire che quando dice “i soldati hanno successo solo grazie a coloro che studiano la Torah”, forse sta ripetendo antichi detti ebraici – ma non sono mai stati intesi nel senso che gli studenti sono esenti dai loro doveri verso la società ebraica in generale.

Questa concezione distorta del valore tradizionale dello studio della Torah è nata negli ultimi 70 anni solo grazie all’autoisolamento degli Haredi e ai politici israeliani laici che erano disposti a concedere le esenzioni e persino a finanziare le yeshivas nell’ambito di accordi di coalizione a breve termine. Ma all’indomani del 7 ottobre, con Israele che deve affrontare nuove realtà, questa situazione non può più rimanere tale.

Il rabbino Yosef può anche avere il titolo di rabbino capo sefardita di Israele, ma la sua conoscenza della realtà che la maggior parte degli israeliani sta vivendo è scarsa quanto la sua comprensione della storia ebraica. Il suo sermone di sabato sera sarà ricordato come un punto basso nella storia della comunità Haredi; un momento in cui  – conclude Pfeffer -i suoi rabbini ottusi hanno messo i loro seguaci in rotta di collisione con il resto di Israele”.

Il punto è, come Globalist ha documentato nel corso degli ultimi anni, in Israele la vittoria delle destre si conclude nelle urne ma nasce da una egemonia culturale che ha sopraffatto una sinistra smarrita, senz’anima, in perenne difensiva. La destra messianica e ultranazionalista ha imposto i suoi modelli, i suoi (dis)valori. Ha forgiato la psicologia di una nazione, in una visione manichea di ciò che è bene e ciò che è male (l’altro da sé), che ha trasformato gli avversari in nemici da combattere come tali. Una destra che ha piegato l’ebraismo ad una unipolarità fondamentalista, una democrazia in etnocrazia, Netanyahu, per formazione e indole non è parte di questa destra. Ma l’ha usata per fini di potere e oggi si presta ai peggiori istinti che la destra razzista, fascista, dei Ben-Gvir, degli Smotrich, ha portato al potere. 

Native

Articoli correlati