Isolato nel mondo, declassato ad autocrazia: il futuro di Israele dipende dalla fine del suo governo
Top

Isolato nel mondo, declassato ad autocrazia: il futuro di Israele dipende dalla fine del suo governo

Isolato nel mondo. Declassato a democrazia elettorale dal V-Dem. Il futuro d’Israele dipende dalla fine del suo governo e la fine di Netanyahu

Isolato nel mondo, declassato ad autocrazia: il futuro di Israele dipende dalla fine del suo governo
Benjamin Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

24 Marzo 2024 - 15.35


ATF

Isolato nel mondo. Declassato a democrazia elettorale dal V-Dem. Il futuro d’Israele dipende dalla fine del suo governo.

Un editoriale illuminante

Così Haaretz: “Gli ostaggi sono ancora nelle mani di Hamas. Il bilancio delle vittime palestinesi nella Striscia di Gaza è ora di circa 32.000, secondo il Ministero della Salute di Gaza, gestito da Hamas. Secondo gli esperti, la carestia potrebbe colpire il nord di Gaza nelle prossime settimane. Il migliore amico di Israele, gli Stati Uniti, ha fatto circolare una bozza di risoluzione presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiede un cessate il fuoco “immediato” di sei settimane e il rilascio degli ostaggi, mentre le relazioni tra i due Paesi si stanno deteriorando e le tensioni con il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden sono in aumento. Nessuno alla Casa Bianca ha fiducia nel Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

Il futuro di Israele dipende dalla fine del suo governo. Inoltre, il mondo non sembra tenerlo in considerazione. Biden ha deciso di lanciare aiuti aerei a Gaza e di costruirvi un molo temporaneo; si oppone inoltre a un’operazione militare a Rafah. Inoltre, il leader della maggioranza del Senato, il democratico Chuck Schumer, ha chiesto nuove elezioni in Israele, avvertendo che Netanyahu è un ostacolo alla pace e che la sua coalizione di governo sta danneggiando Israele.

Le critiche al modo in cui Israele sta operando a Gaza stanno crescendo anche tra gli altri amici. Il Ministro degli Esteri canadese Melanie Joly ha dichiarato che il suo Paese interromperà le spedizioni di armi a Israele. Questo effetto domino è visibile anche nelle sanzioni imposte ai coloni violenti: dopo la decisione di America, Gran Bretagna e Francia, i ministri degli Esteri dell’Unione Europea hanno deciso di seguire l’esempio. Si tratta di un passo importante e positivo che segna i limiti della legittimità di Israele.

Inoltre, per la prima volta dal 1966, Israele è stato declassato da democrazia liberale a democrazia elettorale dal V-Dem, uno degli indici più importanti al mondo per valutare la natura del governo di un paese. Il V-Dem classifica i paesi in quattro categorie: autocrazie chiuse, autocrazie elettorali, democrazie elettorali e democrazie liberali. La classifica di Israele indica che il diritto di voto è rimasto, ma non l’impegno verso l’uguaglianza, i diritti delle minoranze, la libertà di parola o lo stato di diritto.

Tutti questi sono segnali molto preoccupanti. La democrazia israeliana si sta svuotando, il governo sta perdendo il contatto con la realtà e il mondo sta perdendo la pazienza. L’unico modo per cambiare direzione è aumentare notevolmente l’intensità delle proteste, chiedere il ritorno a casa degli ostaggi, la fine della guerra e le elezioni anticipate”.

La guerra come fine

Così Yossi Verter, tra i più accreditati analisti israeliani: “Il valico di Rafah – scrive Verter sul giornale progressista di Tel Aviv, progressista e indipendente – l’unico ufficiale tra la Striscia di Gaza e l’Egitto (in altre parole, quello che non corre sottoterra), è stato eretto da Israele come parte dell’accordo di pace con l’Egitto. Il suo cancello funge da barometro per lo spirito dei tempi. In tempi di pace, è aperto e pieno di traffico. Per la maggior parte della sua vita, soprattutto quando era sotto il controllo israeliano, è stato spesso chiuso a causa dell’innalzamento della temperatura nell’arena della sicurezza (e, come è noto, nella nostra regione esiste una correlazione tra il clima terrestre e il clima politico, le cui linee di tendenza sono entrambe in aumento).

In questi giorni, gli occhi del presidente egiziano Abdel-Fattah al-Sisi sono puntati sul valico. All’inizio del 2008, i combattenti di Hamas lo hanno attraversato per fare pressione sugli egiziani e sul presidente palestinese Mahmoud Abbas affinché accettassero accordi meno rigidi sulla struttura. All’epoca i media arabi lodarono i combattenti come una forza di resistenza che aveva rotto il blocco israeliano a mani nude.

Nel gennaio 2024, Rafah era diventata il principale punto di contesa nei colloqui tra Gerusalemme, Il Cairo, Washington e l’Occidente. L’interesse nazionale e il buon senso avrebbero dovuto spingere il Primo Ministro Benjamin Netanyahu e il suo staff a formulare un piano chiaro su come affrontare l’ultima parte di Gaza non ancora raggiunta dall’Idf, a presentarlo a porte chiuse, in inglese, e a fornire garanzie per tranquillizzare i nostri alleati.

Non esiste un piano di questo tipo che non preveda lo spostamento della maggior parte dei rifugiati gazawi verso nord, gli stessi che ora occupano un’area da incubo di 64 chilometri quadrati nel sud. Le Forze di Difesa Israeliane hanno preparato un piano. Non è complicato. Il numero di non combattenti che verranno uccisi non sarà affatto esiguo. Spostare così tanti civili per combattere i quattro battaglioni di Hamas che occupano l’area di Rafah sarà più difficile che far spostare i civili verso sud all’inizio della guerra.

Leggi anche:  Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia

Tuttavia, a questo punto, Netanyahu è passato alla modalità campagna elettorale. L’instancabile venditore ha riconosciuto in Rafah un ottimo motivo dopo che la “minaccia dello Stato palestinese” stava iniziando a svanire. Era necessario qualcosa di nuovo, che desse forma e conformità allo slogan “Vittoria totale”.

All’inizio di febbraio, Netanyahu iniziò a pronunciare “Rafah” in quasi tutte le occasioni disponibili. Da obiettivo militare si trasformò in un Rubicone politico. In una conferenza stampa del 7 febbraio, durante la visita del Segretario di Stato americano Antony Blinken, Netanyahu ha ribadito il piano di cattura di Rafah. Due giorni dopo, il suo ufficio ha rilasciato una dichiarazione con i noti verbi: Il primo ministro ha “incaricato l’Idf e l’establishment della sicurezza di presentare al gabinetto un piano per evacuare la popolazione e sconfiggere i battaglioni [di Hamas]”.

Lo Stato Maggiore dell’Idf ha capito subito che Netanyahu era impegnato in un gioco di prestigio: tali piani esistevano già. Ma il loro fastidio non ha avuto alcun effetto sulla condotta del Primo Ministro: Da allora, circa due volte alla settimana, “istruisce” l’esercito a prepararsi per l’occupazione di Rafah e informa il mondo che il giorno di Rafah arriverà. Lo stesso fa il Ministro della Difesa Yoav Gallant.

La risposta della comunità internazionale rimane di sgomento e ansia per le parole di Netanyahu e per le azioni che seguiranno. Il rapporto dell’intelligence statunitense sul primo ministro non ha colto questo punto: l’uomo è in piena campagna elettorale, Rafah è uno strumento di marketing e noi (gli americani) siamo il fustigatore, i nemici della “vittoria totale”.

La retorica su Rafah va in due direzioni: Gli statisti interessati la trattano come un testo teorico; Netanyahu la tratta come un testo letterario drammatico, messianico, quasi biblico – l’occupazione di Rafah equivarrà alla liberazione del Muro Occidentale.

Per quasi due mesi di campagna a Rafah, il primo ministro israeliano sapeva che l’operazione era lontana. Retoricamente, sembrava che la stesse avvicinando, ma con le sue azioni si assicurava che non sarebbe avvenuta a breve. Anche un secondo accordo per la liberazione degli ostaggi, che è sempre sullo sfondo, è un fattore che incide. Non c’è problema, puoi contare su Netanyahu per distribuire i limoni in modo da ottenere la limonata, mentre al resto di noi rimane la polpa amara. È così che continua a trarre vantaggio dalla prospettiva di un’operazione a Rafah. E noi? Aspettiamo un Rafah che non arriva, prendendoci gioco di noi ancora e ancora.

Concettualmente, Netanyahu non ha problemi. La sua campagna è pensata esclusivamente per favorire la sua base e per preservare l’estrema destra del suo governo. Quest’ultimo aspetto è diventato più complesso: il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir non è l’unico che potrebbe andarsene nella speranza di raccogliere un numero di seggi a due cifre alla Knesset alle prossime elezioni come partito di opposizione. Il partner più “stabile”, il Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, potrebbe uscire prima di Ben-Gvir come atto disperato di sopravvivenza, appena prima che il suo volto sostituisca quello di Merav Michaeli nei sondaggi – sempre al di sotto della soglia per entrare nella Knesset.

Quindi, aggiungere Benny Gantz alla cerchia dei nemici di Netanyahu è stato facile. Questa settimana ha implicitamente accusato “funzionari in Israele” (cioè Gantz) di cospirare contro di lui con gli americani. È un comportamento tipico. Una volta ha detto lo stesso di Ehud Barak, Shimon Peres e Meir Dagan. “Secondo Bibi”, mi ha detto un alto funzionario del governo, “Gantz ed Eisenkot se ne andranno comunque tra 15 minuti. Quindi, non si preoccupa più di isolarli e di lanciare false accuse contro di loro. Presto inizierà a incitare contro di loro. È già il ‘giorno dopo’ il governo di emergenza”. In effetti, la presenza di Gantz nel governo, per quanto riguarda gli americani, è quasi l’ultima salvezza del suo cliente disobbediente a Gerusalemme.

Leggi anche:  Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia

Gantz è stato a Washington due settimane fa. Il Ministro degli Affari Strategici Ron Dermer sarà in visita la prossima settimana. Durante gli incontri di due settimane fa, le due parti hanno discusso di “alternative all’operazione di Rafah”, come l’hanno definita gli americani. Immaginiamo cosa sarebbe successo se il governo Bennett-Lapid avesse inviato dei team alla Casa Bianca e al Pentagono per discutere una manovra militare che, come ci è stato detto, è l’incarnazione del sogno di generazioni. Immaginiamo il tipo di sfoghi che Netanyahu e l’opposizione avrebbero fatto e le grida sulla perdita di governabilità, sul lassismo nazionale e sulla negligenza degli interessi di sicurezza di Israele. Quali rivolte sarebbero seguite per i suoi complici dell’estrema destra, che oggi tacciono. Coloro che hanno preso di mira il governo precedente per le vittime degli attentati terroristici e hanno trafficato nel loro sangue, oggi sono principalmente concentrati a combattere un accordo sugli ostaggi che salverà delle vite.

L’Israele di Netanyahu sta diventando un paese isolato e solitario, sull’orlo di un embargo sulle armi da parte dell’Occidente, come se fosse una violenta dittatura africana. Il suo rating sta diminuendo in tutti i sensi: il suo credito sovrano e il suo credito politico. Il nostro rating di “democrazia liberale” è stato abbassato a “democrazia elettorale” in seguito al tentativo di colpo di stato di questa orrenda coalizione e del suo pericoloso leader. Ora siamo un po’ meno di una democrazia, che vacilla in una guerra difficile sotto una leadership insolvente e priva di personalità, indegna del suo popolo.

“Signor Primo Ministro, parla inglese?”, ha detto il generale di brigata Dan Goldfuss, che ha raccontato ai suoi subordinati cosa ha detto a Netanyahu quando si sono incontrati. “Le dirò tre parole in inglese: ‘Fallo fruttare'”. Il problema è solo questo: Vale la pena per chi?

Netanyahu non è un santo, quindi questa settimana il lavoro giusto è stato fatto da altri. Dopo che il governo ha ceduto alla richiesta del leader ultraortodosso Arye Dery di far avanzare una delle proposte di legge più corrotte della squadra di Netanyahu, cinque legislatori del Likud si sono fatti avanti per evitare una vergogna che non avrebbe giovato al loro partito.

Mi riferisco alla proposta di legge che avrebbe trasferito l’autorità di nominare i rabbini municipali dai governi locali al partito Shas di Dery. La legge era stata pensata per garantire il sostentamento di circa 600 rabbini.

Invece di una scelta da parte dei leader locali in linea con il “carattere della comunità”, il criterio per la promozione sarebbe stato l’affiliazione allo Shas. Dery ha spinto per accelerare la legislazione perché la Knesset va in pausa primaverile il 4 aprile.

Ma come si dice? Dery viveva ancora nel 6 ottobre. Progetti di legge odiosi che sarebbero passati senza problemi all’inizio del mandato di questo governo stanno ora incontrando ostacoli (come il progetto di legge per l’arruolamento degli ultraortodossi nell’esercito). Dopo il 7 ottobre, Netanyahu ha una maggioranza parlamentare per la sopravvivenza politica, ma non per le rivoluzioni.

Il primo ministro è debole e dipende così tanto da Dery che, per compiacerlo, è pronto a irritare i capi dei governi locali di tutto il paese, comprese decine di persone affiliate al Likud. Alla fine della scorsa settimana, quando la legge sembrava destinata a superare il primo voto alla Knesset, i leader locali hanno iniziato a fare pressione sui legislatori del Likud. Allo stesso tempo, i partiti di Gantz e Gideon Sa’ar – che si sono uniti al governo d’emergenza in ottobre – hanno annunciato che avrebbero posto il veto su leggi non correlate a questioni di guerra.

Questo veto non interessa a nessuno della coalizione. Ma quando anche cinque legislatori del Likud – Dan Illouz, Amichai Chikli, Eli Dallal, Tally Gotliv e Moshe Saada – hanno espresso la loro opposizione, la coalizione con 64 dei 120 seggi della Knesset sembrava aver perso la maggioranza. Anche l’appoggio dell’Otzma Yehudit di Ben-Gvir non era garantito, perché il partito era stato escluso dall’accordo stipulato da Smotrich e Dery.

Matan Kahana, il ministro dei servizi religiosi del precedente governo, introdusse riforme rivoluzionarie riguardanti i rabbini municipali e il regime israeliano di dichiarazione degli alimenti kosher. Kahana mi ha detto che la legislazione di Dery era “progettata per smantellare l’eredità di Kahana. Abbiamo lavorato duramente con i deputati del Likud e anche con Otzma Yehudit per impedire l’approvazione di questa ridicola legge.

Leggi anche:  Benjamin Netanyahu: un re Mida alla rovescia

“Quello che non capisco è Smotrich. Perché ha dato la sua mano a questo accordo? Dopo che il disegno di legge è stato accantonato, persone del Sionismo Religioso mi hanno chiamato e mi hanno detto: ‘Grazie. Ci hai salvato da Smotrich” – il leader del partito del Sionismo Religioso.

L’appoggio di Netanyahu a un progetto di legge che va contro l’apparato municipale del Likud solo per preservare la sua coalizione di governo fa nascere pensieri cupi sulle prospettive di un accordo con gli ostaggi. Una persona che ha familiarità con i dettagli mi ha detto che qualsiasi accordo comporterebbe il rilascio di centinaia di assassini, il ritorno dei gazesi sfollati nel nord di Gaza e un cessate il fuoco molto lungo, sicuramente nella terza fase dell’accordo, che vedrebbe il rilascio di soldati maschi, uomini non anziani e corpi.

Il primo ministro sarà facilmente in grado di superare le obiezioni del Likud. Ma Ben-Gvir si oppone a qualsiasi accordo sugli ostaggi e ha votato contro quello di novembre anche se era favorevole a Israele. Smotrich, invece, ha sofferto molto nei sondaggi dopo aver appoggiato lo scambio di prigionieri palestinesi con ostaggi e da allora si è comportato di conseguenza. Di conseguenza, ci si aspetta che Netanyahu si arrenda a questi due senza condizioni.

Di fronte a una scelta binaria – preservare la coalizione o accettare un accordo sugli ostaggi – quasi nessuno in politica o nell’esercito ha dubbi su quale sarà la scelta di Netanyahu. Nel 2011, quando Netanyahu rilasciò 1.027 terroristi per il soldato rapito Gilad Shalit, non aveva un dilemma politico.

L’umore dei membri del team negoziale è cupo. Innanzitutto, la corda che è stata data loro è troppo corta (secondo il Magg. Gen. Nitzan Alon) o ragionevolmente corta (secondo il capo del Mossad David Barnea).

Ma la cosa peggiore è ciò che ci si aspetta dai negoziatori Barnea, Alon e il capo dello Shin Bet Ronen Bar: il negoziato dopo il negoziato. Quella che si svolgerà di fronte al gabinetto e all’uomo ansioso e cinico che lo guida.

Questa settimana è successo qualcosa nella diplomazia israeliana. Il gabinetto ha approvato la nomina del ministro della Scienza e della Tecnologia Ofir Akunis a console generale di Israele a New York. La posizione era vacante dal marzo dello scorso anno, quando Asaf Zamir si è dimesso dopo aver messo in guardia i donatori ebrei statunitensi dalla revisione giudiziaria del governo Netanyahu.

Netanyahu, che attribuisce la massima importanza alle pubbliche relazioni israeliane all’estero, soprattutto quando Israele viene dipinto come un aggressore indiscriminato, non si è preoccupato di occupare la posizione. Avrebbe potuto trovare un diplomatico esperto o un politico di talento in grado di promuovere la narrativa israeliana.

Akunis, la cui nomina deve ancora essere approvata dalla commissione competente, ha pronunciato parole emozionanti durante la riunione di gabinetto in cui i ministri lo hanno votato. Ha scelto di citare il discorso di Menachem Begin del 15 maggio 1948, dopo la proclamazione dello Stato: “I titolari di cariche devono essere i servitori della nazione e non i loro padroni. … Nella nostra patria, la giustizia sarà il sovrano supremo, il sovrano su tutti i sovrani”.

Ogni vero Likdunik ha imparato a memoria queste frasi. Esse sottolineano l’importanza dello stato di diritto, che nell’era Netanyahu è stato calpestato in ogni modo possibile.

Ma Akunis ha scelto di omettere la parte in cui afferma che “non ci deve essere tirannia”. Netanyahu incarna l’esatto contrario di quanto richiesto da Begin. Con Netanyahu seduto lì, non c’è da stupirsi che Akunis abbia tagliato corto.

Invece, ha raccontato ai ministri che quando ha pronunciato il suo primo discorso alla Knesset 15 anni fa, ha citato queste righe. Ho quindi guardato il discorso del 4 marzo 2009 e sì, Akunis ha completato le frasi senza paura.

Quanto si può essere vigliacchi? Anche quando non è più in politica e non dipende più dal Primo Ministro per far progredire la sua carriera, ha ancora paura di turbarlo. “Piazza dei Conigli” è il nome che i manifestanti contro la revisione giudiziaria hanno dato all’area sottostante la casa di Akunis, a nord di Tel Aviv. Questo dice tutto”, conclude Verter.

Sì, dice tutto. E il mondo sta a guardare. 

Native

Articoli correlati