Netanyahu-Hamas: "partita doppia" sulla pelle degli ostaggi
Top

Netanyahu-Hamas: "partita doppia" sulla pelle degli ostaggi

Quando si dice…

Netanyahu-Hamas: "partita doppia" sulla pelle degli ostaggi
Manifestazione per la liberazione degli ostaggi in Israele
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Marzo 2024 - 17.59


ATF

Quando si dice giocare con la vita delle persone: gli ostaggi israeliani ancora nelle mani di Hamas e del Jihad islamico.

Partita doppia

A darne conto, su Haaretz, è uno dei più autorevoli analisti israeliani: Zvi Bar’el.

Scrive Bar’el: “Di seguito un’analisi della straordinaria dichiarazione del Mossad della scorsa settimana, secondo la quale “Hamas non è interessato al nuovo accordo sugli ostaggi e sta cercando di infiammare la regione durante il mese di Ramadan a spese dei residenti palestinesi della Striscia di Gaza”.

La dichiarazione del Mossad ha aggiunto che “va sottolineato che le parti continuano a negoziare per ridurre i divari e far progredire gli accordi”.

Come in ogni indovinello che si rispetti, le due parti della dichiarazione di cui sopra si contraddicono a vicenda: se Hamas non è interessato all’accordo, a cosa servono le trattative? Ma se si comporta come se non fosse interessato, allora si potrebbe dire lo stesso delle azioni del Primo Ministro Benjamin Netanyahu.

L’aspetto letterario della dichiarazione del Mossad, tuttavia, non è la questione principale che dovrebbe preoccuparci. Dopo tutto, fin dall’inizio dei colloqui per il rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza, la tattica negoziale di Israele ha avuto due aspetti.

Il primo, che è il lato aperto e rivelato dei negoziati, prevede comunicati stampa rivolti al pubblico israeliano, agli alleati e agli avversari politici e forse anche per influenzare l’opinione della comunità internazionale. Il secondo aspetto, quello più importante, rimane invece segreto ed è accreditato per aver garantito il primo accordo sugli ostaggi e potrebbe consentire anche il successivo.

Israele non ha il monopolio del discorso pubblico, anche quando il suo capo del Mossad rilascia dichiarazioni così drammatiche. Anche Hamas gioca in questo campo aperto, insieme al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden, alle segrete “fonti egiziane” che sono diventate una fonte costante di informazioni soprattutto per i media arabi (sapendo benissimo che saranno immediatamente citate dalla stampa israeliana e che influenzeranno l’opinione pubblica) e ai resoconti dei notiziari statunitensi che in molti casi permettono di identificare le loro fonti in base alle informazioni presentate e di ipotizzare gli interessi politici alla loro base.

E così, solo due giorni dopo la dichiarazione del Mossad sulla posizione di Hamas, lunedì è stato il turno del gruppo di rispondere. Il capo dell’ufficio politico di Hamas, Ismail Haniyeh, ha spiegato in dettaglio i principi che guidano le loro richieste, e anche questo merita un’interpretazione.

Leggi anche:  L'estremista di destra Smotrich: "La mia missione di vita è impedire lo stato di Palestina"

“Se raggiungiamo l’impegno dell’occupazione (Israele) a fermare la guerra, a riportare i civili sfollati (dal sud della Striscia di Gaza alle regioni settentrionali) e a ritirare le sue forze dalla Striscia, allora siamo pronti (a fare un accordo)”, ha dichiarato Haniyeh.

Secondo Haniyeh, Israele non si è ancora impegnato a soddisfare nessuna di queste richieste. Ha sottolineato che poche ore prima di rilasciare la dichiarazione, era in contatto con i mediatori ma, secondo lui, “non abbiamo ricevuto alcun impegno [da parte di Israele] a fermare gli attacchi, cioè – Israele dimostra di voler restituire gli ostaggi ma anche di rinnovare la guerra contro il nostro popolo e la Striscia di Gaza”.

Haniyeh chiarisce che l’accordo deve essere completo e che sarà realizzato in tre fasi sulla base di garanzie internazionali che obbligheranno Israele a rispettarlo. I tre elementi che compongono il nuovo accordo sono la garanzia di un cessate il fuoco, la dimostrazione che l’eroismo dei palestinesi e la loro ferma posizione contro Israele hanno portato a dei risultati e la limitazione di tutti i piani “sospetti” riguardanti Gaza nel cosiddetto giorno dopo la guerra.

Tuttavia, queste condizioni riflettono anche il fatto che le richieste di Hamas rimangono oscure. Non è chiaro quali siano le conquiste a cui il gruppo aspira e quale sia il piano “day after” a cui si oppone.

Hamas mette da parte anche la questione del rilascio dei prigionieri palestinesi detenuti in Israele in cambio degli ostaggi. Spiega: “Il rilascio dei prigionieri è importante, ma la nostra priorità è la difesa del nostro popolo e la fine dell’aggressione [israeliana]”. Gli ostaggi, sottolinea Haniyeh, non saranno rilasciati solo attraverso un accordo. Non sappiamo se questa opinione sia condivisa da Yahya Sinwar, che detiene gli ostaggi e il cui consenso è fondamentale per la realizzazione di qualsiasi accordo.

Lunedì è stato riferito che l’esercito israeliano sta indagando se il vicecapo dell’ala militare di Hamas, Marwan Issa, sia stato ucciso a Gaza. Se fosse davvero stato ucciso, sarebbe un colpo significativo per i vertici militari di Gaza. Israele, tuttavia, farà ancora fatica a promuovere l’accordo sugli ostaggi se nessuna organizzazione al di fuori di Gaza sarà in grado di ordinarne il rilascio.

La grave preoccupazione è che se Sinwar viene ucciso, il destino degli ostaggi sarà nelle mani di coloro che li detengono e non si può immaginare come questi ultimi agiranno. In questo modo, Israele, che aspira a una cosiddetta vittoria d’immagine sotto forma di morte di Sinwar, potrebbe alla fine ritrovarsi senza nessuno a Gaza con cui poter negoziare e senza gli ostaggi.

Leggi anche:  Libano, il futuro Vietnam israeliano

Il capo del Mossad David Barnea ha chiarito che finché i colloqui per il cessate il fuoco continueranno, Israele dovrà decidere la sua posizione riguardo ai principi di Hamas. Nello schema delle tappe presentato da Haniyeh, non c’è alcun riferimento dettagliato al quadro elaborato a Parigi, che prevedeva il rilascio graduale degli ostaggi israeliani in cambio di un cessate il fuoco e della liberazione dei prigionieri palestinesi.

Ciò che risulta evidente dalla dichiarazione di Haniyeh è che Hamas si oppone a qualsiasi accordo parziale, anche se questo dovesse comportare il rilascio di prigionieri palestinesi. Ecco perché un cessate il fuoco temporaneo per sei settimane, come concordato a Parigi in cambio del rilascio di un numero concordato di prigionieri palestinesi e ostaggi israeliani, non può essere slegato da un quadro generale che Hamas considera il suo vero successo.

Qui sta il profondo divario tra la posizione di Israele, che è interessato a un accordo separato per il rilascio degli ostaggi ma nel frattempo esclude qualsiasi cessate il fuoco permanente, e quella di Hamas. Sembra, tuttavia, che Hamas sia disposto ad accettare che alcune parti dell’accordo vengano realizzate gradualmente, a patto che il gruppo riceva delle garanzie.

Questo è un altro ostacolo significativo che Hamas ha posto fin dall’inizio dei colloqui: anche se Israele accettasse le sue richieste, non è chiaro quali garanzie possano soddisfarlo e quali autorità o organizzazioni siano in grado di accoglierle. L’Egitto o gli Stati Uniti possono impegnarsi a favore di Israele? Hamas crede che questi due Paesi saranno in grado di imporre sanzioni a Israele se violerà gli accordi, mentre accusa gli Stati Uniti di piena complicità in quelli che definisce i crimini di guerra che Israele sta commettendo a Gaza?

Sembra che questa sia una richiesta la cui importanza politica, per quanto riguarda Hamas, è maggiore di quella pratica, in quanto riguarda l’aspirazione del gruppo a ottenere una zona di sicurezza internazionale. Anche se le garanzie non possono impedire a Israele di riprendere i combattimenti dopo il cessate il fuoco, il gruppo verrà presentato come responsabile della violazione degli accordi.

Sembra che Hamas ritenga che per Israele sarà molto difficile venir meno a un impegno, anche senza garanzie internazionali, finché continuerà a detenere un numero significativo di ostaggi, che saranno la vera garanzia per l’attuazione di tutte le parti dell’accordo, anche al di là del cessate il fuoco iniziale.

Leggi anche:  Le forze armate israeliane dicono che Hamas non può essere eliminato e Netanyahu attacca l'Idf

Le dichiarazioni di Haniyeh sono presentate come una posizione ordinata, completa e fondata, che dimostra la profonda convinzione che Hamas possa dettare i termini dei negoziati e i loro risultati. Hamas vuole trasmettere che il suo futuro è davanti a sé, che il gruppo sarà parte integrante della leadership palestinese e che la guerra a Gaza rafforzerà la sua posizione.

Alla fine della sua dichiarazione, Haniyeh fa riferimento ai piani per la Striscia di Gaza dopo la guerra. I principi guida sono “l’unità del popolo palestinese e la ricostruzione della sua leadership politica su basi corrette e sane”.

Questi “principi guida” saranno raggiunti attraverso tre livelli: “A livello di leadership, la fonte dell’autorità nazionale deve essere ricostruita all’interno dell’Olp, attraverso le elezioni del Consiglio Nazionale Palestinese”.

“Al secondo livello”, afferma Haniyeh, “l’istituzione di un governo di consenso nazionale che attuerà compiti specificamente definiti per un periodo temporaneo fino a quando non si terranno le elezioni generali per il Consiglio Legislativo, la Presidenza e il Consiglio Nazionale Palestinese”.

Il terzo livello, aggiunge Haniyeh, prevede un “accordo su un programma politico per il nostro popolo”. Questo si baserà sulla “fine dell’occupazione sionista della nostra terra in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, l’istituzione di uno Stato palestinese indipendente e sovrano con Gerusalemme come capitale, compreso il diritto al ritorno dei rifugiati”.

Si tratta di principi su cui c’è un accordo con parti dell’Olp e con diversi alti funzionari di Fatah. Fanno intendere la volontà di Hamas di “accontentarsi” della Palestina che comprende la Cisgiordania, la Striscia di Gaza e Gerusalemme, ma non l’intero territorio di Israele.

Non si tratta di dichiarazioni nuove. Affermazioni simili sono state fatte da Mousa Abu Marzouk, il vicecapo dell’ufficio politico di Hamas e dal leader di Hamas Khaled Mashal. Vengono ripetute ora per chiarire alla leadership palestinese – e al presidente Mahmoud Abbas in particolare – di rinunciare a qualsiasi soluzione politica che non includa Hamas, né di offrire i servizi dell’AP nella gestione della Striscia di Gaza al posto di Hamas”.

Così Bar’el.

IN questa partita doppia, gli ostaggi non sono esseri umani, ma pedine da muovere, e sacrificare, per ottenere quello che più interessa a Netanyahu come ai capi di Hamas: il potere.

(seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati