Israele, perché manifestare in tempi di guerra contro il governo fascista è un dovere.
Top

Israele, perché manifestare in tempi di guerra contro il governo fascista è un dovere.

Manifestare in tempi di guerra contro un governo corrotto e bellicista non è un diritto. È un dovere.

Israele, perché manifestare in tempi di guerra contro il governo fascista è un dovere.
Manifestazioni contro il governo di destra si Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Marzo 2024 - 14.38


ATF

Manifestare in tempi di guerra contro un governo corrotto e bellicista non è un diritto. È un dovere.

Manifestare è giusto

A spiegarne le ragioni, su Haaretz, è Noa Landau.

“Mentre il movimento di protesta antigovernativo di massa in Israele torna gradualmente nelle strade, si sentono voci castigate che dicono ai manifestanti che ora, mentre siamo “sotto tiro”, non è il momento di manifestare, o che “le proteste non devono essere contaminate dalla politica”.

Questa campagna di silenziamento è stata prefigurata da slogan bellici come “Insieme vinceremo” e “Niente sinistra, niente destra”, attuali iterazioni del cliché ebraico “silenzio, sparatoria in corso”. Queste campagne hanno richiesto un falso fronte unito, che serve solo al governo e ai suoi sostenitori.

Mettendo da parte la bizzarra richiesta di separare la protesta dalla politica – perché tutto è politico, specialmente una protesta che mira a proteggere i principi liberaldemocratici da un governo che cerca di distruggerli – esaminiamo cosa ci viene detto che è lecito e cosa è presumibilmente al di là del lecito.

A quanto pare, proprio mentre i manifestanti vengono rimproverati per il fatto che il governo ha messo da parte il colpo di stato giudiziario, rendendo superflue le proteste contro di esso, il Ministro della Giustizia Yariv Levin è autorizzato a promuovere attivamente proprio questo colpo di stato. Con la copertura della guerra, ovviamente. Gli è stato permesso di impedire il voto per la selezione dei giudici dei tribunali distrettuali, bloccando le promozioni dei giudici che ritiene non abbastanza nazionalisti. Il governo può continuare a indebolire i servizi pubblici, in particolare l’ufficio del procuratore generale, riducendoli, se non addirittura cambiando il loro status giuridico. Ma non dovremmo protestare, dato che non c’è alcuna “riforma” sul tavolo.

Al primo ministro Benjamin Netanyahu è permesso di sottrarsi alla responsabilità di non aver protetto i cittadini israeliani a ottobre, così come ha rinunciato alla sua responsabilità per la calca del Monte Meron del 2021, e di preparare il terreno affinché alti ufficiali dell’esercito si prendano la colpa al posto suo. Gli è stato permesso di condurci in un vicolo cieco nei negoziati sugli ostaggi e di condannarci a una guerra eterna. A Netanyahu è persino permesso di rinnovare la sua piscina privata in tempo di guerra. Il nuoto, dopotutto, non è un’attività politica.

Al governo più nazionalista della storia del paese viene permesso di aggiungere sempre più benzina al fuoco della Cisgiordania, come se i due fronti su cui Israele sta già combattendo non fossero sufficienti. Si permette di promuovere, proprio in questo momento, la costruzione in massa di migliaia di unità abitative negli insediamenti. Anche questo non è un aspetto politico, ovviamente. Il governo e i suoi partner ultraortodossi sono autorizzati a garantire che il peso degli obblighi civici rimanga ineguale e che coloro che già ne sopportano il peso ne subiscano ancora di più. Possono trattenere i bilanci per estorcere più fondi all’istruzione Haredi e ai consigli religiosi. Perché se non ora, quando? Il governo è autorizzato a rendere la vita dei cittadini miserabile su un’autostrada principale per evitare di finire i lavori su un ponte durante lo Shabbat. La religione è al di sopra della politica, lo sai.

In tempo di guerra, il governo può causare danni economici sempre più gravi, erodere i diritti civili fondamentali, continuare a dividere ebrei e arabi e persino trovare il tempo di sabotare il Premio Israele, la più alta onorificenza culturale del paese. Il governo è autorizzato a tenere le donne fuori dal servizio pubblico mentre i suoi ministri celebrano cinicamente la “Giornata della donna”. Non hanno mai sentito parlare della frase “il personale è politico”: è troppo femminista.

Ed ecco un’altra cosa ritenuta accettabile in questi tempi, non per il governo, ma per la macchina mediatica capitalista che deve continuare a incassare in tempi di guerra: trasmettere la nuova stagione del popolare reality show “Master Chef”. Trasmettere un programma di cucina in prima serata mentre la fame si aggrava nella Striscia di Gaza non è una dichiarazione politica.

Leggi anche:  Israele: quella memoria usata per giustificare un abominio

Non c’è nulla di politico o di fuori discussione, se non il diritto di scendere in piazza per protestare contro un governo che non ha abbandonato nemmeno per un attimo i suoi piani malvagi. È meravigliosamente falso dire che la protesta dovrebbe concentrarsi solo su una specifica “riforma” e mettere da parte un’intera visione del mondo promossa quotidianamente dal regime. Quanto è subdolo, in nome della correttezza, mettere a tacere gli appelli a sostituire questo regime. Non solo ci è permesso di protestare: È nostro dovere”.

L’”ucrainizzazione” della guerra

Di cosa si tratta lo spiega, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, è Yossi Melman: “A cinque mesi – 157 giorni, per l’esattezza – dall’inizio della guerra a Gaza, non si può sfuggire alla consapevolezza che Israele sta subendo un processo di ucrainizzazione. Anch’essa potrebbe far parte di una guerra lunga (l’Ucraina ha già raggiunto i due anni) che non ha fine e senza che le parti siano in grado di raggiungere un accordo di compromesso per porvi fine.

In entrambe le zone di guerra, i partecipanti insistono sul raggiungimento della “vittoria”, senza essere in grado di spiegare esattamente cosa sarebbe considerato una vittoria e come dovrebbe essere raggiunta. Questo è un tipo di guerra in cui non c’è differenza tra la linea del fronte e il fronte interno, e i civili ne diventano le vittime.

L’Ucraina e Israele (ad eccezione dell’occupazione della Cisgiordania) sono paesi democratici che sono stati vittime di un’aggressione. La Russia, governata da un tiranno, e Hamas, un’organizzazione terroristica con una leadership islamista fondamentalista, sono gli aggressori.

Nonostante le differenze, tutte le parti – Ucraina, Hamas, Russia e Israele – tendono a dire di essere le vittime, a fare i moralisti e a credere di essere completamente giustificate nelle loro azioni e di dover ottenere giustizia a tutti i costi. E c’è un’altra somiglianza: sebbene l’Ucraina e Israele beneficino di una massiccia assistenza militare e diplomatica da parte degli Stati Uniti, senza la quale è improbabile che possano continuare le guerre, sono insoddisfatti, si lamentano e sono del tutto ingrati.

Israele e l’Ucraina possono vantare dei successi tattici. L’Ucraina, ad esempio, è orgogliosa del fatto che la flotta russa nel Mar Nero sia stata affondata e messa fuori uso. In Israele, ogni giorno il portavoce militare pubblica ulteriori rapporti sui successi ottenuti sul campo di battaglia e, soprattutto, sul numero di vittime di Hamas. Un recente rapporto del portavoce, Rear. Arm. Daniel Hagari, ha dichiarato che circa 13.000 membri di Hamas sono stati uccisi durante la guerra. Il rapporto non spiegava la metodologia di questo calcolo, come ad esempio la definizione di combattente, attivista o collaboratore di Hamas. Ma anche se questa cifra è molto accurata, non è ancora chiaro quale sia la percentuale di membri di Hamas uccisi o feriti.

Viva e vegeta

Hamas ha subito gravi colpi e la maggior parte del suo arsenale missilistico e delle sue capacità militari sono state distrutte. Ma anche se metà dei suoi ranghi, ovvero il 60-70%, sono stati eliminati, Hamas continua a dimostrare resilienza e determinazione.

La settimana scorsa è aumentata la pioggia di razzi lanciati da Gaza verso diverse comunità al confine con la Striscia, tra cui Sderot e Ashkelon, e persino verso Hatzerim, vicino a Be’er Sheva. Si tratta di lanci sporadici il cui obiettivo è dimostrare che Hamas e la Jihad islamica sono vivi e vegeti piuttosto che causare perdite di vite umane o di proprietà.

Se non lo fermiamo, Netanyahu continuerà la guerra per sempre.

Perché Israele non si pente di non essere mai stato al fianco dell’Ucraina contro la Russia

Leggi anche:  L'ambasciata di Israele si dice 'sconvolta' per l' antisemitismo in Vaticano

Sono fuggiti dalla guerra di Putin verso Israele. Poi sono dovuti fuggire una seconda volta

Dalle guerre condotte dagli Stati Uniti e dall’Unione Sovietica – in Corea, Vietnam, Afghanistan e Iraq – abbiamo imparato che i militari che contano i cadaveri dei nemici sono nei guai, perché è l’unico risultato che hanno da mostrare e di cui vantarsi.

La situazione non è incoraggiante nemmeno al confine con il Libano. Secondo i dati forniti dall’esercito, dal 7 ottobre sono stati uccisi 14 soldati e sette civili nel nord del paese e diverse decine sono stati feriti; sul lato libanese, sono stati uccisi più di 260 soldati e feriti più di 600. La maggior parte di loro erano Hezbollah. La maggior parte di loro erano membri di Hezbollah, ma anche diversi civili libanesi sono stati uccisi.

Hezbollah ha lanciato 2.700 razzi e droni a una media di 15 razzi al giorno. Venticinque razzi sono stati lanciati dalla Siria. L’Idf ha sparato 13.000 proiettili di artiglieria, bombe e missili, attaccando oltre 4.000 obiettivi di Hezbollah.

L’esercito è in difficoltà. Sta scoprendo che sta segnando il passo tra il fango invernale e la sabbia di Gaza. Hamas sta conducendo una guerriglia di logoramento contro Israele, come Hezbollah ha fatto per 18 anni, dalla Prima Guerra del Libano nel 1982 al ritiro di Israele nel 2000. Dall’ingresso a Gaza, quasi 250 soldati sono stati uccisi e più di 1.000 feriti (il numero totale dei morti dell’IDF nel sud dal 7 ottobre è di 590 soldati).

L’esercito è in difficoltà. Sta scoprendo che sta segnando il tempo tra il fango invernale e la sabbia di Gaza.

Oltre ai loro vergognosi fallimenti prima della guerra e del 7 ottobre, i servizi segreti militari e l’Idf in generale hanno difficoltà a ottenere informazioni sulla sorte degli ostaggi e a organizzare operazioni di salvataggio. E così, in quello che è già diventato un terribile cliché, il pericolo per le loro vite aumenta ogni giorno. La stima – recentemente espressa dall’ex Primo Ministro Ehud Barak – è che dei 134 ostaggi (di cui 31 cadaveri) ancora a Gaza, tra cui 10 stranieri, è improbabile che anche solo la metà sia viva.

Anche se l’assenza di un accordo sugli ostaggi può essere imputata principalmente ad Hamas – che insiste sulla precondizione di una promessa israeliana di porre fine alla guerra, con il supporto di garanzie internazionali – sembra comunque che il Primo Ministro Benjamin Netanyahu non abbia fretta di spingere per un accordo. Qualsiasi accordo implica il rilascio di centinaia di terroristi, forse di più. I suoi partner di coalizione di estrema destra sono contrari a un accordo. Hanno trasformato Netanyahu in un ostaggio con la minaccia di smantellare la coalizione e non c’è nulla che Netanyahu tema di più del crollo del governo e di nuove elezioni che portino alla sua rimozione dal potere.

Ma soprattutto, i militari sono intrappolati a Gaza a causa dell’assenza di istruzioni chiare da parte della leadership politica su un piano e una strategia per porre fine alla guerra. È già chiaro che, per considerazioni personali e politiche, Netanyahu non si sta affrettando a porre fine ai combattimenti a Gaza. Pertanto, si rifiuta di preparare una strategia di uscita da Gaza e di porre fine alla guerra. Israele non ha mai eccelso nel consolidare strategie a lungo termine e ha sempre avuto la tendenza a innamorarsi di tattiche incidentali.

Questo si riflette nel discorso di uccidere il leader di Hamas a Gaza Yahya Sinwar e gli altri leader di Hamas che vivono all’estero. Israele insiste da decenni nel considerare l’eliminazione dei terroristi o degli scienziati nucleari iraniani (secondo i rapporti) come il fine ultimo. Anche se il servizio di sicurezza Shin Bet e l’intelligence militare riuscissero a rintracciare Sinwar nei tunnel di Gaza (e potrebbe effettivamente nascondersi nella parte egiziana di Rafah, probabilmente fuori dai confini di Israele), Hamas non scomparirà, né come movimento con sostegno popolare a Gaza, in Cisgiordania e nella diaspora palestinese, né come ideologia.

Leggi anche:  Israele, riuscirà Gallant dove ha fallito Biden?

Nel frattempo, la crisi umanitaria a Gaza si aggrava di giorno in giorno. L’Idf e persino il gabinetto di sicurezza, dopo settimane di repressione e negazione, hanno capito che si tratta di una crisi grave. Circa 30.000 persone – di cui circa il 40% bambini – sono state uccise dal fuoco dell’Idf durante la guerra, l’1,5% della popolazione di Gaza.

È chiaro che Israele non può risolvere questa crisi – e comunque non vuole o non sa come farlo. Ecco perché è conveniente per Israele, nonostante l’umiliazione e il colpo alla sua dignità, che le forze armate straniere (in questo momento gli Stati Uniti e la Giordania, con l’aiuto di aerei da trasporto britannici e francesi) paracadutino cibo e medicine di base alla popolazione affamata e che successivamente costruiscano un molo e inizino a trasportare i rifornimenti via mare. Queste misure ridurranno le dimensioni del disastro umanitario, ma non risolveranno il problema.

Inoltre, gli Stati Uniti stanno gradualmente perdendo la pazienza a causa della condotta del governo Netanyahu. Nemmeno il controverso viaggio a Washington del ministro della guerra Benny Gantz renderà le cose più facili per Israele. Joe Biden, che si è definito un sionista, non riuscirà a salvare Israele continuando a difendere le sue mosse e i suoi tentennamenti in un anno elettorale in cui la pressione su di lui da parte dei liberali del Partito Democratico è sempre più forte.

Netanyahu e il resto della destra sperano nella caduta di Biden, ma dimenticano (o ignorano) il fatto che l’odio e il disprezzo dell’ex presidente Donald Trump nei confronti di Netanyahu, che ha espresso pubblicamente in diverse occasioni, potrebbero causare un disastro ancora maggiore per Israele se Trump venisse eletto a novembre.

Israele può essere soddisfatto dei notevoli risultati militari ottenuti a Gaza e, in parte, anche in Libano. Comunque la si guardi, Israele farebbe bene a adottare rapidamente un’iniziativa basata sul piano elaborato da Biden e dal Segretario di Stato americano Antony Blinken nelle prime settimane di guerra. Solo una soluzione diplomatica globale può salvare l’Idf e Israele dal deterioramento sia sul fronte meridionale che su quello settentrionale in una situazione simile a quella dell’Ucraina.

I pezzi del piano sono chiari a tutti e vengono offerti al governo come parte di un accordo che prevede lo scambio di ostaggi con i terroristi e l’instaurazione di un cessate il fuoco a lungo termine a Gaza, che porti a un cessate il fuoco con Hezbollah. Tra queste figurano i negoziati per porre fine alla guerra, con il coinvolgimento americano e internazionale; la smilitarizzazione di Gaza e l’istituzione di una zona di sicurezza; l’istituzione di un governo civile; il ritiro di Hezbollah a una distanza di almeno 10 chilometri dal confine israeliano, che consentirebbe ai 150.000 sfollati israeliani del nord di tornare alle loro case. Tutto questo potrebbe anche portare Israele a stabilire legami con l’Arabia Saudita e altri paesi arabi e musulmani, come l’Indonesia. Ma Israele dovrà anche pagare il prezzo del rafforzamento dei negoziati con l’Autorità Palestinese in Cisgiordania.

Il comportamento di Netanyahu è trasparente. Nessuno si lascia impressionare dalle sue bugie e dai suoi voltafaccia. Una volta la lotteria nazionale aveva uno slogan che recitava: “Compilo [la lotteria] ogni settimana, quindi sono anche un partner”. Questo potrebbe essere applicato anche a Gantz e Gadi Eisenkot. Finché fai parte del governo, sei anche partner del disastro diplomatico, militare, economico e psicologico che sta indebolendo Israele all’interno e all’estero e che minaccia di isolarlo a livello internazionale e di trasformarlo in uno stato paria”.

Così Melman. Con una postilla aggiuntiva “made Globalist”: Israele è già diventato uno stato paria. E la responsabilità è nota. Ecco perché manifestare contro il governo Netanyahu è un dovere. 

Native

Articoli correlati