Olp, rinnovare o scomparire: la sfida di Mustafa Barghouti
Top

Olp, rinnovare o scomparire: la sfida di Mustafa Barghouti

Rinnovarsi o perire definitivamente. Liberarsi della gerontocrazia al potere per sperare di pesare nel dopoguerra. L’’Autorità nazionale palestinese è a un bivio.

Olp, rinnovare o scomparire: la sfida di Mustafa Barghouti
Preroll

globalist Modifica articolo

25 Febbraio 2024 - 15.14


ATF

Rinnovarsi o perire definitivamente. Liberarsi della gerontocrazia al potere per sperare di pesare nel dopoguerra. L’’Autorità nazionale palestinese è a un bivio. Come lo è l’Olp. La “rivitalizzazione” non sarà un pranzo di gala. 

La sfida di Mustafa

Di grande interesse è lo scenario tratteggiato su Haaretz da Zvi Bar’el, tra i più accreditati analisti politici israeliani.

Annota Bar’el: “Perché è necessario un nuovo progetto nazionale palestinese?” si chiede Mustafa al-Barghouti in un articolo penetrante pubblicato questa settimana sul sito web Al-Araby Al-Jadid. “Il motivo è che negli anni ’80 l’Olp, il rappresentante ufficiale dei palestinesi, ha rinunciato al progetto di un unico stato palestinese e ha adottato la soluzione dei due stati; in altre parole, l’istituzione di uno stato palestinese sui confini del 1967 con una soluzione concordata per il problema dei rifugiati… Questo obiettivo si basava su due illusioni: la possibilità di raggiungere un compromesso con il movimento sionista e la possibilità che gli Stati Uniti potessero svolgere il ruolo di intermediario che avrebbe garantito questa soluzione”.

Barghouti, 70 anni, è un membro del Comitato Centrale dell’Olp e, nel 2002, ha fondato l’Iniziativa Nazionale Palestinese. È una voce palestinese di spicco che, al di là della sua formazione formale come medico, è considerato un intellettuale pubblico che non risparmia le sue aspre critiche alla leadership dell’Olp e al suo capo, Mahmoud Abbas. Anche nel suo ultimo articolo parla del fallimento del progetto politico dell’Olp, “cioè il progetto Oslo”.

Le ragioni del fallimento sono molteplici. “La continua divisione interna, il fallimento degli sforzi di riconciliazione interna palestinese, la mancanza di democrazia interna nelle istituzioni dell’Olp. Il fallimento nell’elaborazione di strumenti di partenariato democratico a livello di leadership della lotta nazionale, nella questione dell’azione politica, dell’amministrazione dell’Autorità Palestinese e della riforma dell’Olp…”.

Il risultato, afferma, è che “si è creata una profonda frattura tra la leadership ufficiale dell’Olp e la maggior parte delle fazioni palestinesi che ne fanno parte, e l’opinione pubblica, soprattutto la giovane generazione, che si sente isolata e allontanata proprio in un momento in cui i tentativi di eliminare i diritti del popolo palestinese si moltiplicano e si intensificano”.

La soluzione? “Unificare tutti gli elementi del popolo palestinese, mantenere l’unità della terra e della nazione palestinese – obiettivi che potranno essere raggiunti solo attraverso l’istituzione di una leadership nazionale unificata che includa tutte le forze della lotta all’interno della struttura dell’Olp… Costruire un regime democratico interno sulla base di un partenariato democratico, rifiutando la preferenza speciale ed egemonica [del movimento Fatah] e tenendo vere elezioni democratiche nei territori e all’estero”. Le idee e le richieste di Barghouti non sono nuove, ma sono ancora più valide proprio nelle ultime settimane in cui è in corso un intenso dialogo all’interno dei ranghi dell’Olp per ricostruire l’organizzazione ed espanderne i ranghi per includere Hamas, la Jihad islamica e altre organizzazioni che finora non vi hanno aderito. Prima della guerra di Gaza, il termine “ricostruire l’Olp” o “ristabilire la casa palestinese” era un sinonimo della questione del successore dopo la partenza dell’88enne Mahmoud Abbas.

Leggi anche:  Hamas non ha 40 ostaggi ancora in vita che soddisfino i criteri umanitari per un accordo sul cessate il fuoco

In seguito alla guerra e soprattutto alla richiesta americana di attuare una serie di riforme nelle strutture dell’Autorità Palestinese come condizione per ricevere la responsabilità amministrativa di Gaza dopo la guerra, la questione della “ricostruzione” non può aspettare la successione “naturale” quando Abbas non potrà più o non vorrà più guidare l’Olp e richiede una soluzione in tempi brevi, se non immediata.

Perché se si raggiunge un cessate il fuoco come parte di un accordo per il rilascio degli ostaggi e dei prigionieri palestinesi, per un periodo abbastanza lungo, da uno a sei mesi e forse più, l’obiettivo dell’amministrazione americana è quello di presentare un meccanismo palestinese concordato e autorizzato che inizi ad amministrare la Striscia di Gaza, prima a nord e poi a sud, in modo da poter iniziare a riabilitare la vita dei suoi 2,3 milioni di residenti.

La struttura che verrà costruita, e che a quanto pare è accettabile anche per l’Egitto, la Giordania e l’Arabia Saudita, che ne hanno discusso con alti funzionari americani, prevede l’istituzione di un governo apparentemente provvisorio e non partitico di esperti, non di Fatah e ovviamente non di Hamas, che opererà con finanziamenti americani, sauditi e forse degli Emirati Arabi Uniti, insieme a una forza di polizia addestrata dagli Stati Uniti e dall’Egitto.

Ma questo governo tecnocratico, come quello istituito nel 2017 in seguito all’Accordo del Cairo tra Fatah e Hamas e scioltosi nel giro di un anno a causa di gravi controversie sulla divisione dei poteri e dei bilanci, culminate nell’attentato al Primo Ministro palestinese Rami Hamdallah durante una visita di lavoro a Gaza, dovrebbe essere il braccio operativo dell’Olp, l’organizzazione definita come l’unico rappresentante legittimo del popolo palestinese.

Leggi anche:  Hamas dice che l'annuncio di Netanyahu sull'attacco a Rafah vanifica i negoziati

Tecnicamente e costituzionalmente, Abbas ha il potere di nominare tale governo e di nominare un primo ministro per suo conto. Ma questa autorità viene messa in discussione da alti funzionari dell’Olp che sostengono che Abbas non è più un leader legittimo dopo che il suo mandato legale è terminato nel 2010, nonostante il fatto che nel 2009 il Comitato Centrale dell’Olp lo abbia eletto con un mandato illimitato.

Per quanto riguarda la richiesta americana ad Abbas di nominare un vice con ampi poteri, Abbas ha già chiarito che la costituzione palestinese non prevede tale clausola e che qualsiasi modifica costituzionale richiede una risoluzione del Consiglio Nazionale Palestinese (un organo teorico, che non si riunisce da anni e che in pratica esiste solo sulla carta) o del parlamento palestinese, che Abbas ha disperso nel 2018.

L’Olp considera l’iniziativa americana, difficile da classificare come un piano di lavoro realistico, come un’opportunità per gettare le basi almeno per un cambiamento nella leadership e per ridurre il potere di Abbas.

Nasser Al Qudwa, nipote di Yasser Arafat, che ha ricoperto il ruolo di ministro degli Esteri palestinese nel 2003-2005, è una delle voci pubbliche di spicco che chiedono la cacciata di Abbas. Questa settimana, in un’intervista rilasciata all’Agence France-Presse, ha dichiarato: “Si dovrebbe ottenere un divorzio volontario” da Abbas, che rimarrebbe come presidente onorario, e permetterebbe a un primo ministro palestinese di gestire la Cisgiordania e la Striscia di Gaza”.

Al Qudwa, 70 anni, dentista di formazione, è stato allontanato da Fatah nel 2021, dopo aver creato una lista indipendente per partecipare alle elezioni che si sarebbero dovute tenere nel maggio dello stesso anno e che Abbas ha annullato. In quell’intervista ha aggiunto: “È impossibile eliminare Hamas come vuole fare Israele, ma Hamas sarà indebolito e non governerà Gaza dopo la guerra. Sarà un Hamas diverso”, senza chiarire quale sarebbe il cambiamento. Al Qudwa è una sorta di “partner di coalizione” di Mohammad Dahlan, che ha anche lui un lungo conto in sospeso con Abbas e che ora cerca, nonostante le sue smentite, di ottenere una posizione di leadership.

Ma Dahlan e Al Qudwa devono vedersela con Hussein Al Sheikh, segretario generale del Comitato Esecutivo dell’Olp, l’uomo che un tempo gli ufficiali israeliani definivano “l’uomo di Israele in Cisgiordania” e l’erede designato di Abbas, che lo ha nominato alla carica. Il vice di Abbas, Mahmoud Aloul, 74 anni, un veterano di Fatah che è stato esiliato con Arafat dal Libano a Tunisi ed è tornato in Cisgiordania dopo la firma degli accordi di Oslo, è un’altra figura che potrebbe sfidare il successore, anche se non è chiaro se intenda candidarsi personalmente.

Leggi anche:  Peter Maas: "Io ebreo e reporter di guerra, a Gaza crimini come a Sarajevo"

Al contrario, Jibril Rajoub, presidente del Comitato Olimpico Palestinese, non nasconde le sue intenzioni e la sua capacità di sostituire Abbas. Tutti questi candidati e rivali, reali o teorici, condividono la posizione secondo cui l’Olp “ricostruita” deve aggiungere Hamas e altre organizzazioni palestinesi ai suoi ranghi come parte della riforma.

Ma Hamas, che non ha smesso di dichiarare la sua intenzione di unirsi all’Olp, non ha chiarito a quale Olp vorrà aderire: a quella che ha firmato gli Accordi di Oslo, che riconosce lo Stato di Israele ed è impegnata nella soluzione dei due Stati, o all’OLP che si impegnerà a cambiare i suoi principi e le sue politiche.

Ieri, in uno dei suoi commenti che di solito vengono rivisti poco dopo la pubblicazione, Mousa Abu Marzouk, membro dell’ufficio politico di Hamas, ha dichiarato che Hamas è pronto ad adottare l’idea di un “governo tecnocratico” di cui Hamas non farebbe parte.

A dicembre, in un’intervista ad Al Monitor, ha scatenato un putiferio quando ha affermato che Hamas era pronto a riconoscere “la posizione ufficiale dell’Olp, il che significa che l’Olp riconosce Israele… Vogliamo far parte dell’Olp e onorare gli impegni dell’organizzazione”. Poco dopo, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di essere stato frainteso. “Confermo che Hamas non riconosce la legittimità dell’occupazione israeliana e non rinuncerà a nessun diritto del popolo palestinese”.

La questione se Hamas abbia o meno intenzione di permettere a un governo tecnocratico palestinese di funzionare a Gaza non è davvero rilevante, e non solo per la posizione di Israele, che non è disposto ad ascoltare nemmeno la possibilità che l’Autorità Palestinese torni a Gaza.

La questione materiale che la leadership dell’Olp dovrà affrontare sarà se e come redigere accordi di cooperazione con Israele non solo per quanto riguarda Gaza, ma anche per gli altri territori, soprattutto alla luce della posizione dichiarata da tutti i candidati alla successione di Abbas

Native

Articoli correlati