A San Pietroburgo studentessa espulsa dall'università perché contro la guerra in Ucraina
Top

A San Pietroburgo studentessa espulsa dall'università perché contro la guerra in Ucraina

Assassini, l'avete bombardata." Per questa scritta vergata nella piazza dove si ricorda un antico gemellaggio tra San Pietroburgo e la città ucraina di Mariupol, una ragazza, Daria Kozyreva, è stata espulsa dall'Università statale di San Pietroburgo.

A San Pietroburgo studentessa espulsa dall'università perché contro la guerra in Ucraina
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Gennaio 2024 - 14.57


ATF

Assassini, l’avete bombardata.” Per questa scritta vergata nella piazza dove si ricorda un antico gemellaggio tra San Pietroburgo e la città ucraina di Mariupol, una ragazza, Daria Kozyreva, è stata espulsa dall’Università statale di San Pietroburgo. La decisione è arrivata dopo che era stato redatto un protocollo amministrativo contro di lei per aver “screditato” l’esercito russo (parte 1 dell’articolo 20.3.3 del Codice dei reati amministrativi). Lo ha raccontato la stessa studentessa al progetto OVD-Info.

Secondo Daria, l’università ha fatto riferimento alla clausola della carta sull’inammissibilità della violazione della legislazione russa. Il protocollo per la studentessa era stato redatto il 15 dicembre 2023 per il post della ragazza su VKontakte, pubblicato il 4 marzo 2022. Con il post, aveva criticato gli emendamenti al codice penale sui “falsi” e sul “discredito” dell’esercito, e aveva anche parlato della “natura imperialista della guerra” condotta da Putin contro l’Ucraina. Daria Kozyreva aveva scritto questo post prima di entrare all’Università di San Pietroburgo, quando frequentava il 10° anno.

Leggi anche:  Il Pentagono accusa la Russia di avere un'arma spaziale: Mosca nega e parla di fake news

Era il 19 dicembre 2022 quando Daria Kozyreva veniva arrestata per aver dipinto la scritta contro la guerra “Assassini, l’avete bombardata! Giuda!” sull’installazione “Two Hearts”, realizzata sulla Piazza del Palazzo in onore del gemellaggio tra San Pietroburgo e Mariupol. Poi è stato redatto un verbale contro la ragazza per aver “screditato” l’esercito, quindi pure un procedimento penale per danneggiamento intenzionale di cose.

Native

Articoli correlati