Per i bambini di Gaza la minaccia mortale è triplice: la denuncia dell'Unicef
Top

Per i bambini di Gaza la minaccia mortale è triplice: la denuncia dell'Unicef

I bambini della Striscia di Gaza si trovano ad affrontare una triplice minaccia mortale per le loro vite, con l'aumento dei casi di malattie, il crollo della nutrizione e l'escalation delle ostilità

Per i bambini di Gaza la minaccia mortale è triplice: la denuncia dell'Unicef
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Gennaio 2024 - 14.35


ATF

Una situazione terribile. I bambini della Striscia di Gaza si trovano ad affrontare una triplice minaccia mortale per le loro vite, con l’aumento dei casi di malattie, il crollo della nutrizione e l’escalation delle ostilità che si avvicina alla quattordicesima settimana.

Migliaia di bambini sono già morti a causa delle violenze, mentre le condizioni di vita dei bambini continuano a deteriorarsi rapidamente, con l’aumento dei casi di diarrea e la crescente povertà alimentare tra i bambini, aumentando il rischio di un aumento delle morti tra i bambini.

“I bambini di Gaza sono intrappolati in un incubo che peggiora di giorno in giorno”, ha dichiarato Catherine Russell, Direttrice generale dell’UNICEF. “I bambini e le famiglie della Striscia di Gaza continuano a essere uccisi e feriti nei combattimenti, e le loro vite sono sempre più a rischio a causa di malattie prevenibili e della mancanza di cibo e acqua. Tutti i bambini e i civili devono essere protetti dalla violenza e avere accesso ai servizi e alle forniture di base”.

I casi di diarrea nei bambini sotto i cinque anni sono passati da 48.000 a 71.000 in una sola settimana a partire dal 17 dicembre, pari a 3.200 nuovi casi di diarrea al giorno. L’aumento significativo dei casi in un periodo di tempo così breve è una forte indicazione del fatto che la salute dei bambini nella Striscia di Gaza si sta rapidamente deteriorando. Prima dell’escalation delle ostilità, si registrava una media di 2.000 casi di diarrea nei bambini sotto i cinque anni al mese. Questa recente impennata rappresenta uno sconcertante aumento di circa il 2000%.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, Elly Schlein: "Importante la richiesta del G7, per noi è fisiologico un dialogo col governo Meloni"

 Da quando, a fine dicembre, la Classificazione Integrata della Fase di Sicurezza Alimentare ha avvertito del rischio di carestia nella Striscia di Gaza, l’UNICEF ha rilevato che un numero crescente di bambini non riesce a soddisfare i propri bisogni nutrizionali di base. Circa il 90% dei bambini di età inferiore ai due anni consuma due o meno gruppi di alimenti, secondo un’indagine dell’UNICEF condotta il 26 dicembre. Questo dato è in aumento rispetto all’80% dei bambini rispetto alla stessa indagine condotta due settimane prima. La maggior parte delle famiglie ha dichiarato che i propri figli ricevono solo cereali – compreso il pane – o latte, il che equivale alla definizione di “grave povertà alimentare”. Anche la diversità alimentare delle donne in gravidanza e in allattamento è gravemente compromessa: il 25% ha consumato solo un tipo di alimento il giorno precedente e quasi il 65% solo due.

Il deterioramento della situazione sta sollevando preoccupazioni per la malnutrizione acuta e la mortalità che sta superando la soglia della carestia. L’UNICEF è particolarmente preoccupato per la nutrizione di oltre 155.000 donne in gravidanza e madri in allattamento, nonché di oltre 135.000 bambini sotto i due anni, date le loro specifiche esigenze nutrizionali e la loro vulnerabilità.

Leggi anche:  Rafah, nuova strage iraeliana: sotto le bombe muoiono 18 palestinesi, tra cui 14 bambini

Se combinate e non trattate, la malnutrizione e le malattie creano un circolo vizioso mortale. È dimostrato che i bambini in cattive condizioni di salute e nutrizione sono più vulnerabili a infezioni gravi come la diarrea acuta. La diarrea acuta e prolungata aggrava seriamente le cattive condizioni di salute e la malnutrizione dei bambini, esponendoli a un elevato rischio di morte.

Il conflitto ha danneggiato o distrutto i sistemi idrici, igienici e sanitari essenziali nella Striscia di Gaza e ha limitato la capacità di trattare la malnutrizione grave. Inoltre, i bambini sfollati e le loro famiglie non sono in grado di mantenere i livelli di igiene necessari per prevenire le malattie, data l’allarmante mancanza di acqua sicura e di servizi igienici, e molti ricorrono alla defecazione a cielo aperto. Nel frattempo, i pochissimi ospedali funzionanti sono talmente concentrati a rispondere all’elevato numero di pazienti feriti nel conflitto che non sono in grado di trattare adeguatamente i focolai di malattia.

Fin dall’inizio del conflitto, l’UNICEF ha consegnato forniture vitali alla Striscia di Gaza, tra cui vaccini, forniture mediche, kit per l’igiene, latte in polvere pronto per l’uso, alimenti supplementari specializzati, integratori alimentari e alimenti terapeutici pronti per l’uso per la prevenzione precoce e il trattamento della malnutrizione acuta. L’UNICEF ha anche consegnato carburante, acqua, cisterne e taniche, servizi igienici mobili, teloni, tende, vestiti invernali e coperte.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, Provenzano (Pd): "Israele è responsabile dell'escalation, dai leader Ue solo retorica di guerra"

L’UNICEF chiede la ripresa del traffico commerciale per rifornire gli scaffali dei negozi e un immediato cessate il fuoco umanitario per contribuire a salvare vite civili e alleviare le sofferenze.

“L’UNICEF lavora per fornire gli aiuti salvavita di cui i bambini di Gaza hanno disperatamente bisogno. Ma abbiamo urgentemente bisogno di un accesso migliore e più sicuro per salvare le vite dei bambini”, ha dichiarato Russell. “Il futuro di altre migliaia di bambini di Gaza è in bilico. Il mondo non può restare a guardare. La violenza e la sofferenza dei bambini devono finire”.

Native

Articoli correlati