Israele, un anno di governo Netanyahu: la guerra non sminuisce il disgusto per l'estrema destra
Top

Israele, un anno di governo Netanyahu: la guerra non sminuisce il disgusto per l'estrema destra

E’ il titolo, tutto un programma, di un lungo, articolato, impietoso, report riepilogativo, messo a punto per Haaretz dal più autorevole analista politico israeliano: Yossi Verter. 

Israele, un anno di governo Netanyahu: la guerra non sminuisce il disgusto per l'estrema destra
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

30 Dicembre 2023 - 16.35


ATF

“Un anno nel regno maligno di Netanyahu, gli israeliani sono uniti nel disgusto”.

E’ il titolo, tutto un programma, di un lungo, articolato, impietoso, report riepilogativo, messo a punto per Haaretz dal più autorevole analista politico israeliano: Yossi Verter. 

Una ricostruzione che Globalist offre ai lettori in due partiti.

La guerra non unisce il popolo alla leadership di governo

Annota Verter: “Le guerre tendono a “unire il popolo” – l’uno con l’altro e anche dietro il governo e il suo leader. La guerra a Gaza, iniziata con un’orribile atrocità di massa e  che continua con lo spargimento di sangue quotidiano dei migliori combattenti israeliani, ha dimostrato la verità del cliché, ma solo nei precedenti

Il governo, che è entrato nell’attuale “evento” con un notevole deficit di sostegno pubblico a causa del colpo di stato giudiziario tentato, sta ora facendo i conti con una sfiducia senza precedenti in tempo di guerra. E questo sta accadendo quando l’opinione pubblica tende a destra e anche i devoti di sinistra confessano di essere disillusi dalla loro posizione. George W. Bush si è schiantato nel primo fine settimana di settembre 2011, sondaggi a circa il 50% di approvazione. Una settimana dopo l’11 settembre, aveva oltre il 90 per cento. Nella versione israeliana dell’11 settembre, Netanyahu è passato dall’essere un leader che più della metà del pubblico non può sopportare a uno che la stragrande maggioranza disprezza.

Niente riassume meglio questo anno di governance di estrema destra del disgusto del pubblico per il governo e il suo leader, in quanto contrasta con il diffuso sostegno dello stesso pubblico agli obiettivi della guerra così come sono stati definiti. 

Questo è un governo maligno, istituito per cancellare l’ordine esistente e per distruggere la nazione. Il governo più ultranazionalista, messianico, razzista, dispendioso e omofobico che Israele abbia mai avuto; disordinato come un puzzle di 33 pezzi messo insieme da un ubriaco, con piantagrane affamati di potere e bigotti nei ruoli chiave; con coloni estremisti tra i suoi membri, alcuni dei quali sono criminali condannati, altri  erano sospettati  in casi di sicurezza in passato, come  Orit Strock; con David Amsalem e Shlomo Karhi, May Golan e Galit Distal Atbaryan, l’ultimo dei quali ci ha fatto un favore e si è dimesso all’inizio della guerra. E alla sua testa, un politico corrotto e sfrenato che, per sfuggire alla legge, ha abbracciato e normalizzato ogni zelota dai margini israeliani, persone con cui si è rifiutato di essere visto prima che le urne che lo hanno eletto chiudessero.

Il governo è entrato in funzione esattamente un anno un anno fa e ha immediatamente iniziato un terribile esperimento per trasformare l’intero paese in animale da laboratorio. Una settimana dopo il suo regno, il ministro della Giustizia Yariv Levin, ispirato da un mix malefico di odio e fascismo, ha lanciato la sua elaborata ‘riforma giudiziaria’. Ha minacciato i valori fondamentali dello stato: la democrazia, la magistratura indipendente, i media indipendenti, l’economia, il sistema educativo.

Dal 4 gennaio al 6 ottobre, le nostre vite si sono svolte  all’ombra di questo abominio costituzionale. In un sondaggio condotto due settimane fa su richiesta di uno dei leader del partito di coalizione, al pubblico è stato chiesto quali questioni fossero di loro interesse in questo momento. In cima alla lista: la guerra e il destino degli ostaggi. Solo il 4 per cento ha notato il colpo di stato giudiziario, che è legato nella coscienza di molte persone al massacro nella zona di confine di Gaza (il colpo di stato è tornato alle nostre vite questa settimana con il verdetto sulla clausola di ragionevolezza pubblicata da Amit Segal).

Leggi anche:  La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu

Nei primi nove mesi di esistenza del governo, le strade bruciavano. La posizione internazionale del paese ha sofferto e gli attacchi terroristici sono aumentati; l’economia è stata danneggiata e le industrie tecnologiche hanno subito un duro colpo. La maggioranza sana e decente è scesa in piazza per difendere se stessa e il proprio paese. Il governo Netanyahu è riuscito in pochissimo tempo a vincere il dubbio titolo del più deleterio  nella storia del paese. Ci ha impantanato in fiumi torbidi di aspirazioni dittatoriali, divisione e odio. Alla fine del suo primo anno, è essa stessa immersa in fiumi di sangue, lutto e dolore.

Mentre Israele  sta conducendo un’amara guerra a Gaza la cui fine non è da nessuna parte in vista, e si sta preparando per la possibilità di una guerra ancora più difficile sul fronte settentrionale, c’è solo una cosa che unisce il pubblico, oltre a sostenere i soldati: il desiderio che queste persone escano dalle nostre vite, e che il primo (ministro) sia il primo di loro. Più del 70 per cento degli intervistati che esprimono un’opinione in qualsiasi sondaggio approfondito, incluso quello sopra menzionato, vuole costantemente che Netanyahu se ne vada; immediatamente, o almeno dopo la guerra.

All’inizio, Netanyahu sperava di beneficiare del noto fenomeno di radunarsi dietro “un primo ministro che gestisce una campagna militare”. Ecco perché passa così tanto tempo a visitare le unità militari e ad essere fotografato con i soldati. A volte questo è ridicolo; a volte oltraggioso, come quando arrivano storie dal campo sull’esclusione di qualsiasi soldato che potrebbe non adattarsi al profilo preferito di Netanyahu.

Il primo ministro spera che la vicinanza fisica agli uomini e alle donne in uniforme abbia un po’ del sostegno che hanno raccolto su di lui. Ma i suoi sforzi sono vani. La stragrande maggioranza degli israeliani non abbocca alle sue stronzate  anche se, secondo alcuni sondaggi, è riuscito aa risalire leggermente la china nelle ultime settimane, ma solo tra i suoi elettori. Il terremoto del 7 ottobre ha esposto la frode e ha sciolto lo strato di trucco eccessivo dal volto di Netanyahu. Ha avuto la possibilità di cambiare, di fare ammenda.

Ma ogni giorno in cui visitava i combattenti e vomitava vuoti slogan di unità, tornava nel suo ufficio o a casa e continuava a gestire la sua industria del veleno. Contro il capo di stato maggiore e i generali, contro Benny Gantz, che lo ha salvato dai forconi pubblici e dalla sconfitta nella guerra, contro l’organizzazione di veterani “fratelli d’armi”, le famiglie circondano e la maggior parte di chiunque altro. Chiunque non faccia parte della base politica di Bibi.

Il modo in cui Netanyahu si comporta ricorda a tutti più e più volte che è insopportabile. Nel fare discorsi bellicosi alle conferenze stampa; nell’incoraggiare la feccia nella sua coalizione – che è tornata a inquinare il discorso pubblico – a saccheggiare le risorse pubbliche e a profanare il concetto stesso di servizio pubblico; nel passare la disgrazia politicamente motivata che chiama bilancio; nel rifiutarsi di assumersi la responsabilità del fallimento del 7 ottobre; e nel dare la colpa a Yitzhak Rabin e agli accordi di Oslo, o ad Ariel Sharon e al ritiro unilaterale da Gaza. (Lo ripetiamo, per la millesima volta: lo stesso Netanyahu è stato abbastanza intelligente da sostenere il ritiro in tutti i voti; abbastanza codardo da scappare dal governo poco prima che fosse attuato; e notevolmente ingannevole nel distorcere la storia da allora.)

Leggi anche:  La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu

Se si fosse comportato in modo diverso, un po’ più modestamente forse, la sua popolarità non sarebbe in un tale stato comatoso. Se, ad esempio, avesse chiuso uno degli uffici inutili del governo e “istruito” il trasferimento del suo bilancio allo sforzo bellico, ai riservisti o agli sfollati. Se dicesse semplicemente: “Come primo ministro, sono responsabile sia dei risultati che dei fallimenti”. Se non avesse riportato suo figlio, il principe oscuro di Miami, in Israele solo per stimolare il flusso di veleno nelle vene della nazione. È vero, anche allora la maggior parte dei suoi cittadini troverebbe intollerabile trascorrere il 2024 con lui come primo ministro. Ma la nostra disperazione sarebbe forse diventata un po’ più facile da sopportare.

Niente potrebbe essere più ridicolo e oltraggioso delle dichiarazioni rilasciate dai padri della revisione giudiziaria del governo sulla probabile decisione dell’Alta Corte di Giustizia di ribaltare la legge che abolisce la dottrina della ragionevolezza. Tra i più fanatici sostenitori dell’attacco all’ordine giudiziario è il presidente del Comitato per la Costituzione Levin, nonostante la dura presa di posizione del presidente della Knesset Simcha Rothman che ha avvertito che questo avrebbe diviso la nazione e minato la sua unità in tempo di guerra.

Coloro che hanno preso in ostaggio un intero paese della loro follia personale e si sono rifiutate di lasciarlo andare, non importa quanto ci sia costato nell’ultimo anno, ora hanno il coraggio di reclamare “l’unità” al loro fianco.

Dopo di che arrivarono le dichiarazioni ancora più crude dei partiti del sionismo religioso e di Otzma Yehudit. E anche sotto di questi c’era la campagna di intimidazione che i fan irriducibili di Netanyahu e l’estrema destra hanno immediatamente lanciato contro i cosiddetti crimini dell’Alta Corte. La fuga di notizie sul presunto progetto di sentenza di 15 giudici  rivela qualcosa di deplorevole. Contrariamente aa quanto sostenuto dai seminatori di odio e produttori a getto continuo di fake news, molti dei quali siedono al governo, nessuna decisione è mai trapelata dalla Corte Suprema prima che fosse ufficialmente emessa.

E se Levin e i suoi partner diventano le persone che nominano i giudici, non solo otterrete fughe di notizie, ma anche punti di discussione politica coordinati.

In ogni caso, tuttavia, se la corte governa come dovrebbe e cancella l’abominio corrotto e antidemocratico noto come “abolire la dottrina della ragionevolezza”, saremo in grado di dichiarare il crollo del colpo di stato giudiziario, che ha diviso il pubblico israeliano e lo ha fatto a brandelli nel corso dell’anno che sta volgendo al termine.

Leggi anche:  La "notte dei droni", la débacle iraniana e l'enigma Netanyahu

Rovesciare la legge, o posticipare la sua attuazione fino a quando la prossima Knesset passerà una versione seria, non psicotica, non dannosa che gode di un ampio consenso, rimetterebbe Israele sulla strada alta – la strada sana e corretta in cui la Corte Suprema ha il potere di ribaltare le decisioni che ritiene estremamente irragionevoli. Ciò inizierebbe il lavoro di riparazione della devastazione causata dalla banda che ha scosso le fondamenta della nostra vita in un paese che aspira ad essere liberale e democratico.

Il brutto e ipocrita assalto alla corte, che come notato, è iniziato immediatamente, è nella più pura tradizione che purtroppo abbiamo conosciuto così bene. L’attenzione è  sull’ex presidente della Corte Suprema Esther Hayut.. È accusata di imporre un “orario accelerato” ai suoi colleghi per garantire che lei e Anat Baron, un’altra giudice a liberale che si è recentemente ritirata, siano in grado di inclinare l’equilibrio.

Eppure entrambi erano nel pannell ampliato che ha visionato le petizioni contro la legge. Di conseguenza, devono essere inclusi nella sentenza, anche dopo il loro pensionamento.

Questa palude è esattamente ciò che chiunque abbia fatto trapelare la bozza di sentenza voleva. Ci si chiede se la destra avrebbe chiesto che il verdetto fosse accantonato fino a dopo la guerra se il risultato fosse stato invertito – 8-7 a favore del rispetto della legge. Altrettanto ridicole sono le persone che hanno costantemente accusato la Corte Suprema di ritardi irragionevoli nell’emissione di sentenze, ma ora si lamentano della sua eccessiva efficienza.

La Corte Suprema non è un comitato governativo vuoto del tipo così amato da Netanyahu. È un organismo professionale con standard e procedure che non viola.

Ma dal punto di vista di questa banda, ci sono alcuni procedimenti legali che dovrebbero andare avanti per sempre. In primo luogo sono tutti i casi in cui la Corte Suprema sta ascoltando le petizioni contro le azioni della coalizione di governo. Il secondo, ovviamente, è il processo di Netanyahu.

L’indagine ufficiale sui casi di corruzione di Netanyahu è iniziata sette anni fa questo mese. In questo caso, tuttavia, la vittima del ritardo della giustizia non è lui; siamo noi.

Ma tornando al piagnisteo, al lamento e alle minacce contro la Corte Suprema. Le persone che hanno chiesto che la Knesset passasse l’emendamento (alla Legge fondamentale sulla magistratura) prima che iniziasse la sua pausa estiva erano Levin e Rothman, che bloccavano ogni sforzo di compromesso con i propri corpi e, dopo la loro vittoria, festeggiavano con una serie di selfie della Knesset.

Non avevano previsto che Hayut e Baron si sarebbero uniti nella scrittura della sentenza? Ma con la maggior parte del paese che li prende di mira come pericolosi agenti di caos quell’inverno, primavera ed estate, i partner del colpo di stato volevano qualche risultato per i loro elettori prima dell’inizio della pausa”.

(prima parte, continua)

Native

Articoli correlati