Cisgiordania, Msf: "Prima sparavano alle gambe ora colpiscono i palestinesi alla testa"
Top

Cisgiordania, Msf: "Prima sparavano alle gambe ora colpiscono i palestinesi alla testa"

L’organizzazione medica Medici Senza Frontiere (MSF) ha affermato che c’è stato un “chiaro cambiamento” nelle ferite delle vittime palestinesi da arma da fuoco nella Cisgiordania occupata dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas.

Cisgiordania, Msf: "Prima sparavano alle gambe ora colpiscono i palestinesi alla testa"
Palestinesi uccisi dagli israeliani
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Dicembre 2023 - 16.57


ATF

L’organizzazione medica Medici Senza Frontiere (MSF) ha affermato che c’è stato un “chiaro cambiamento” nelle ferite delle vittime palestinesi da arma da fuoco nella Cisgiordania occupata dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas.

Secondo il presidente internazionale dell’organizzazione, Christos Christou, il personale di MSF negli ospedali della Cisgiordania ha notato che le vittime vengono ora colpite più spesso alla testa e al tronco piuttosto che agli arti.

“Il tipo di trauma che stanno affrontando è cambiato completamente”, ha detto Christou ai giornalisti presso la sede di MSF a Ginevra giovedì, ha riferito AFP.

In passato il meccanismo della sparatoria era diverso. Stavano prendendo di mira gli arti. Invece di avere ferite agli arti, hanno ferite da arma da fuoco all’addome, al tronco e alla testa. Così ci sono sempre più persone morte.

Gli attacchi giornalieri dei coloni contro i palestinesi in Cisgiordania sono più che raddoppiati, mostrano i dati delle Nazioni Unite, dagli attacchi di Hamas contro Israele del 7 ottobre.

Leggi anche:  Firmate il nostro appello per il riconoscimento dello stato di Palestina

Secondo i dati dell’Autorità Palestinese (AP), più di 250 palestinesi sono stati uccisi dal fuoco israeliano e dagli attacchi dei coloni in Cisgiordania durante l’attuale conflitto.

Native

Articoli correlati