Guerra di Gaza, l'ultimo azzardo di un premier disperato: uccidete i capi di Hamas ovunque siano
Top

Guerra di Gaza, l'ultimo azzardo di un premier disperato: uccidete i capi di Hamas ovunque siano

Bibi Netanyahi ha paura del risultato politico del rilascio degli ostaggi

Guerra di Gaza, l'ultimo azzardo di un premier disperato: uccidete i capi di Hamas ovunque siano
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

23 Novembre 2023 - 16.08


ATF

“Bibi ha paura del risultato politico del rilascio degli ostaggi”.

Un’affermazione forte, dirompente. E non solo per il momento in cui cade. Ma per la caratura del personaggio che lo sostiene: l’ex capo delle operazioni del Mossad, già  supervisore degli scambi di prigionieri, Hagai Hadas.

Calcoli politici

Di straordinario interesse è l’intervista ad Hadas su Haaretz a firma Yossi Melman, 

“Rilasciare gli ostaggi è il compito supremo. Questo è l’obiettivo più importante e ai politici non è permesso impegnarsi in manipolazioni politiche su questo argomento”, afferma  Hagai Hadas, riferendosi agli ostaggi rapiti dai terroristi di Hamas il 7 ottobre nelle comunità israeliane vicino al confine di Gaza.

Hadas – ricorda Melman –  è stato il coordinatore di Israele per i prigionieri e le persone scomparse nell’ufficio del primo ministro. È stato nominato alla carica nel 2009 dal primo ministro Benjamin Netanyahu ed è rimasto in carica per circa due anni.

La maggior parte di coloro che hanno ricoperto la posizione dagli anni ’80 hanno concesso interviste dallo scoppio della guerra il 7 ottobre o hanno espresso la loro opinione. Questa è la prima intervista pubblica di Hadas sull’argomento.

L’intervista è stata condotta prima della notizia dell’accordo del gabinetto di guerra israeliano ad una intesa con Hamas che dovrebbe consentire il rilascio di 50 dei 236 ostaggi, secondo quanto riferito, in cambio di 150 donne e minori palestinesi nelle carceri israeliane e di un cessate il fuoco di quattro giorni.

L’obiettivo di Sinwar

Uno dei punti più rilevanti dell’intervista è quello che riguarda il capo politico di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar. 

“Secondo me – afferma l’ex capo del Mossad – Yahya Sinwar   ha ordinato l’attacco a Israele per provocare il rilascio dei prigionieri palestinesi”, ha detto, riferendosi al leader di Hamas nella Striscia di Gaza. “Questa è la sua missione e il suo obiettivo. Hamas ora è stato colpito duramente dall’Idf e Sinwar capisce che ha bisogno di far avanzare qualcosa della sua agenda generale. Ecco perché c’è un’alta possibilità di un accordo. Il suo obiettivo principale – il rilascio dei prigionieri di Hamas – non è cambiato”.

Hadas è stato nominato coordinatore israeliano per gli ostaggi e le persone scomparse dopo aver prestato servizio per molti anni nell’agenzia di spionaggio del Mossad. È cresciuto nel Kibbutz Beit Alfa nel nord di Israele. Quando compì 18 anni, si offrì volontario per un’unità di ricognizione speciale di un battaglione di paracadutisti, salendo alla posizione di vice comandante della forza. Fu congedato con il grado di capitano.

Fu dopo il suo servizio militare che nel 1976, Hadas entrò a far parte del Mossad, il servizio segreto esterno d’Israele, dove prestò servizio per circa 30 anni in una varietà di posizioni di combattimento, comando e leadership. Comandò l’unità Kidon d’élite del Mossad. Ha anche diretto la divisione operativa dell’organizzazione, nota come Caesarea, ed è stato direttore della divisione del quartier generale responsabile della manodopera e dello sviluppo delle risorse.

Leggi anche:  Rafah: Netanyahu prepara l'assalto finale, alla faccia del mondo (e del Parlamento italiano)

Nel 2005, si è rivolto al settore privato e quattro anni dopo ha accettato l’offerta di Netanyahu di servire come coordinatore dei prigionieri Più tardi, Netanyahu lo ha anche incaricato di affrontare la questione dei rifugiati e dei migranti illegali, per lo più dall’Africa, che vivono in Israele.

Nelle ultime settimane, prima dell’annuncio di mercoledì di un accordo per un rilascio parziale degli ostaggi, ho parlato con la maggior parte dei funzionari che hanno prestato servizio negli ultimi 40 anni come coordinatore per i prigionieri e le persone scomparse. Parlando con loro, ho avuto l’impressione che, ad eccezione di lievi differenze tra loro, tutti credono che la massima priorità dovrebbe essere data alla liberazione parziale o completa degli ostaggi.

Hagai Hadas descrive Sinwar, che durante il suo mandato era ancora in prigione e leader dei detenuti di Hamas, in modo un po’ diverso da altri funzionari e dirigenti dell’intelligence.  “Ho imparato a conoscere lui dai file che ho letto con l’aiuto del servizio di sicurezza Shin Bet e dell’ufficiale dell’intelligence del servizio penitenziario israeliano, il dott. Yuval Biton. Non ho dubbi che Sinwar non si arrenderà mai e combatterà fino all’ultimo proiettile. E anche se lui o altri accettassero un accordo di resa, Mohammed Deif [il capo supremo e mitologico dell’ala militare di Hamas], che è l’oracolo e che nessuno osa sfidare, non sarebbe d’accordo. Anche se [Sinwar] affronta la morte, vorrebbe lasciare un’eredità di un modello, il salvatore della loro storia, colui che ha portato al rilascio dei prigionieri”.

Hadas ha detto che gli ostaggi possono essere divisi in tre gruppi: civili, soldati e lavoratori stranieri.  Per quanto riguarda i lavoratori stranieri – i thailandesi e i nepalesi e uno studente di agricoltura della Tanzania – Hadas ha osservato: “Possono essere rimossi dall’equazione [di un accordo di scambio di prigionieri con Israele]. Per quanto ho visto, i governi di Thailandia e Nepal non stanno facendo pressione su Israele. In realtà stanno facendo pressione su Hamas per rilasciare i loro cittadini.

“Rilasciare i cittadini israeliani è un primo passo in una transazione che Sinwar sarà in grado di presentare al suo popolo come un risultato, e avrà ancora abbastanza influenza per continuare a chiedere il raggiungimento del suo obiettivo, che a mio parere rimane ancora, vale a dire il rilascio dei suoi prigionieri. A tal fine ha una carta vincente, e sono i soldati israeliani nelle sue mani.”

Leggi anche:  Netanyahu presenta il suo piano per il dopo-Hamas a Gaza

Ma Hadas ha aggiunto: “Non sono affatto sicuro che stia tenendo tutte le persone e se sa dove sono tutte. E non sono necessariamente tutti vivi. Sinwar conosce la verità sulle condizioni della maggior parte degli ostaggi, ma noi no. E non ci darà informazioni senza ottenere qualcosa in cambio.” Nel frattempo, è stato riferito che la Jihad islamica, che è al 100% un proxy iraniano, detiene 30 ostaggi e si rifiuta di rilasciarli.

Dobbiamo liberare gli ostaggi rapidamente e a tutti i costi?

“Sì, li rilascerei oggi. Tutto in cambio di tutto.”

Hadas ha detto di credere che in Israele, anche nel governo, ci siano alcune persone che non erano interessate a far avanzare un accordo. “È vero che c’è un grande blocco di centro-sinistra che andrebbe fino in fondo in una richiesta di rilasciare tutti gli ostaggi in cambio di tutti i prigionieri di sicurezza palestinesi, ma non sono sicuro che Netanyahu con la sua base sia in grado di accettare un tale passo”.

Vale. A dire?

“Non sarà facile per Bibi il giorno dello scambio e nei giorni successivi. Tutti i ricordi del 7 ottobre emergeranno e saranno discussi dai media e dal pubblico quando gli ostaggi saranno rilasciati. Sarà come una ripetizione del trauma del 7 ottobre. Ci saranno terribili lamentele e una rabbia folle e questo potrebbe danneggiare gravemente Bibi politicamente. La mia stima è che Bibi abbia paura del risultato politico del rilascio degli ostaggi”.

C’è chi afferma che il rilascio di ostaggi e una pausa di diversi giorni comprometterebbe la capacità dell’IDF di continuare a combattere.

“Al contrario. Rilasciare gli ostaggi è un passo che ha un significato operativo. Aiuterà a rimuovere questo problema, questo peso che rende difficile per l’Idf funzionare in combattimento. E poi l’Idf può operare in modo più assertivo. Anche se ci fosse una pausa di due mesi e anche se lasciassimo Gaza, saremmo in grado di tornare immediatamente e continuare a combattere”.

Così l’ex capo del Mossad.

“Uccideteli ovunque siano”.

Guido Olimpio è il giornalista italiano in assoluto che più ne sa di questioni di terrorismo internazionale, Così analizza sul Corriere della Sera l’ordine impartito da Netanyahu: “l premier israeliano Netanyahu  lo ha dichiarato in diretta: «Ho ordinato al Mossad di colpire i capi di Hamas ovunque si trovino». L’affermazione avrà avuto il plauso dell’ala più estrema del governo, contraria a qualsiasi pausa ma ha provocato la reazione negativa dei familiari degli ostaggi, preoccupati di conseguenze sulle trattative. La sortita del primo ministro è parte del linguaggio bellico, un monito evidente e chiaro. La seconda componente, però, è più operativa.

Leggi anche:  Rafah: Netanyahu prepara l'assalto finale, alla faccia del mondo (e del Parlamento italiano)

Nell’immediatezza delle stragi è stata annunciata la formazione di Nili, un’unità mista, conla partecipazione di Difesa e servizi segreti, incaricata di eliminare i dirigenti nemici. Una missione da condurre innanzitutto a Gaza, senza escludere un allargamento ad aree più lontane. Questo perchéalcuni degli obiettivi vivono all’estero. 

Turchia, Qatar, Libano,Irane in misura minore Siria sono gli Stati di accoglienza o visitati dalle delegazioni protette dagli apparati di sicurezza di chi li ospita e da qualche contromossa giustificata dal fatto di essere sotto tiro. Gerusalemme ha una tradizione di omicidi mirati, ha trasformato una tattica in strategia, imitata poi da altri. È nota la vendetta scatenata dopo la strage alle Olimpiadi di Monaco del 1972, azione con una serie di colpi ravvicinati ma poi prolungata all’infinito. 

Hassan Salameh, uomo di fiducia di Arafat, responsabile di attività coperte, divenuto un canale di comunicazione con la Cia, sarà ucciso nel gennaio 1979 a Beirut. Per gli israeliani era uno degli ispiratori dell’eccidio. Ancora più ritardata l’esecuzione di Atef Beiso, esponente dell’Olp freddato a Parigi l’8 giugno 1992. Quasi vent’anni dopo. Episodio sul quale – come per Salameh – sono girate molte versioni:il Mossad lo aveva incluso nella lista nera dei colpevoli anche se non tutti non erano convinti di un suo ruolo in Monaco ’72. Cambiato l’antagonista principale, Israele ha preso di mira l’intera gerarchia di Hamas e Jihad, facendo fuori i fondatori, gli ufficiali, i procacciatori di armi. 


Molti gli esponenti «liquidati», qualche errore — come il fallito assassinio con il veleno di Khaled Meshal in Giordania e il premier era sempre Netanyahu —, diversi i piani per interrompere i progetti dei mujaheddin. Metodo poi usato contro i vertici dell’Hezbollah libanese, scienziati e militari iraniani, un grande ricercato qaedista, scovato a Teheran. Israele ha i mezzi per seguire questo sentiero anche se vi sono alcuni parametri da considerare. 1) La presenza di ostaggi civili nelle mani delle fazioni è un ostacolo. 2) Attaccare esponenti all’estero rischia di avere un impatto su negoziati, provoca condanne diplomatiche (reali e di facciata). 3) Le intelligence nemiche sono in allerta: lo provano le numerose retate condotte dal Mit turco per smantellare presunte reti legate al Mossad sul proprio territorio. 4) Non possiamo però escludere azioni che coinvolgano figure intermedie o militanti che hanno trovato rifugio all’estero. Non sono personaggi ma rappresentano dei simboli, possono essere presentati come tali oppure svolgere funzioni discrete. Le storie del passato ci dicono che un «contratto» può restare aperto all’infinito, in attesa di un’opportunità o di un momento politico propizio”.

L’ex capo del Mossad, un grande esperto di terrorismo internazionale. 

E l’ennesimo azzardo di un primo ministro disperato: Benjamin Netanyahu.

Native

Articoli correlati