Gaza, nuovo allarme dell'Oms: "Le malattie infettive stanno dilagando"
Top

Gaza, nuovo allarme dell'Oms: "Le malattie infettive stanno dilagando"

L'Organizzazione mondiale della sanità denuncia la rapida diffusione di malattie infettive per mancanza di acqua e altro

Gaza, nuovo allarme dell'Oms: "Le malattie infettive stanno dilagando"
Bombe su Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Novembre 2023 - 10.35


ATF

Una catastrofe umanitaria senza precedenti. «Mentre morti e feriti a Gaza continuano ad aumentare a causa dell’intensificarsi delle ostilità, l’intenso sovraffollamento e l’interruzione dei sistemi sanitari, idrici e igienico-sanitari rappresentano un ulteriore pericolo: la rapida diffusione di malattie infettive. Alcune tendenze preoccupanti stanno già emergendo». A lanciare l’allarme è l’Organizzazione mondiale della sanità.

«La mancanza di carburante ha portato alla chiusura degli impianti di desalinizzazione, aumentando significativamente il rischio di infezioni batteriche, come la diarrea, che si diffondono dal momento che le persone consumano acqua contaminata – segnala l’Oms in una nota – La mancanza di carburante ha inoltre interrotto tutta la raccolta dei rifiuti solidi, creando un ambiente favorevole alla rapida e diffusa proliferazione di insetti e roditori che possono trasportare e transitare malattie. La situazione è particolarmente preoccupante per i quasi 1,5 milioni di sfollati presenti in tutta Gaza, in particolare per coloro che vivono in rifugi gravemente sovraffollati con scarso accesso a strutture igieniche e acqua potabile», condizione che aumenta il rischio di trasmissione di malattie infettive.

Leggi anche:  L'Oms accusa Israele di ostacolare le missioni di soccorso all’ospedale Nasser e parla di distruzioni indescrivibili

«Gli attuali trend di malattia sono molto preoccupanti. Da metà ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 33.500 casi di diarrea. Oltre la metà riguardano bambini sotto i 5 anni: un aumento significativo rispetto a una media di duemila casi mensili negli under 5, registrata nel corso del 2021 e del 2022. Si registrano poi 8.900 casi di scabbia e pidocchi, 1.005 casi di varicella, 12.635 casi di eruzioni cutanee e sono stati segnalati anche 54.866 casi di infezioni delle vie respiratorie superiori», elenca l’Agenzia Onu per la salute, ribadendo la richiesta di «un accesso urgente e accelerato agli aiuti umanitari – inclusi carburante, acqua, cibo e forniture mediche – all’interno e in tutta la Striscia di Gaza,, del rilascio incondizionato di tutti gli ostaggi e di un cessate il fuoco umanitario per prevenire ulteriori morti e sofferenze».​

Native

Articoli correlati