Ucraina, il Cremlino: "Gli Usa non possono sostenere Kiev all'infinito"
Top

Ucraina, il Cremlino: "Gli Usa non possono sostenere Kiev all'infinito"

Lo ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, in un'intervista al canale Rossija-1 in cui ha lanciato segnali per una conclusione politica del conflitto

Ucraina, il Cremlino: "Gli Usa non possono sostenere Kiev all'infinito"
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Novembre 2023 - 23.04


ATF

Gli Stati Uniti non possono fornire sostegno all’infinito all’Ucraina e anche in Europa sta crescendo la stanchezza per la situazione al fronte.

Lo ha affermato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, in un’intervista al canale Rossija-1. “Sia in America sia in Europa cresce la stanchezza nei confronti della questione ucraina”, ma anche “del regime di Kiev e del peso che hanno posto sulle loro spalle”, ha detto Peskov, secondo cui il problema deriva dalla “alimentazione finanziaria del regime ucraino” e dalla fornitura di armi e munizioni. Anche nazioni così potenti dal punto di vista economico come gli Stati Uniti non possono farlo “a tempo indeterminato” e hanno già “molti problemi per conto loro”.

“Tutto questo a un certo punto si trasforma in un peso inutile che non sono più in grado di sopportare”, ha spiegato Peskov. 

Ipotesi contatto tra Biden e Putin

 presidente degli Stati Uniti dovrebbe assumere un atteggiamento più costruttivo nei confronti della Russia per possibili contatti ai massimi livelli. «In primo luogo, ciò dovrebbe implicare un desiderio condiviso, una disponibilità condivisa, alcune condizioni dovrebbero maturare».

Leggi anche:  Il Cremlino risponde all'insulto di Biden: "Dichiarazioni rozze, vergogna per gli Stati Uniti"

«Il presidente russo Vladimir Putin ha ripetutamente dichiarato di essere pronto a qualsiasi contatto», si legge in un estratto dell’intervista pubblicata sul canale Telegram del giornalista di Rossiya-1 Pavel Zarubin.

«La riduzione delle basi delle relazioni bilaterali tra Russia e Stati Uniti è stata guidata dagli americani. Questo è il motivo per cui almeno il capo degli Stati Uniti dovrà cambiare la sua posizione ad un certo punto, assumendo una posizione più costruttiva sulle relazioni bilaterali, che seguiranno le condizioni affinché un simile incontro diventi maturo».

Native

Articoli correlati