La Duma russa rilancia la transomofobia e giustifica la guerra in Ucraina come 'difesa della famiglia'
Top

La Duma russa rilancia la transomofobia e giustifica la guerra in Ucraina come 'difesa della famiglia'

La camera bassa del parlamento russo, la Duma di Stato, deciderà a luglio sul progetto di legge che vieta la chirurgia per il cambio di genere, ha detto sabato il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin.

La Duma russa rilancia la transomofobia e giustifica la guerra in Ucraina come 'difesa della famiglia'
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Luglio 2023 - 18.24


ATF

La camera bassa del parlamento russo, la Duma di Stato, deciderà a luglio sul progetto di legge che vieta la chirurgia per il cambio di genere, ha detto sabato il presidente della Duma di Stato Vyacheslav Volodin.

“I valori tradizionali della famiglia sono di grande importanza per ognuno di noi”, ha scritto Volodin sul suo canale Telegram. “Il presidente ceco [Petr Pavel] ha detto ieri che ‘se, Dio non voglia, la Russia vince, tutti i valori occidentali saranno offuscati'”.

“Per riassumere, [il presidente ceco Pavel] ha espresso ciò che Washington e Bruxelles stanno facendo”, ha detto Volodin. “Mirano a imporre pseudovalori, che ci sono estranei, per distruggere l’identità del nostro popolo”.

“I loro piani sono destinati a fallire… Passeremo il disegno di legge che vieta la riassegnazione di genere a luglio”, ha aggiunto.

I legislatori della camera bassa del parlamento russo hanno già approvato il mese scorso in prima lettura il disegno di legge che vieta la chirurgia di affermazione del genere, ad eccezione dei casi di trattamento di anomalie congenite nei bambini. Secondo il disegno di legge, agli uffici dell’anagrafe sarà vietato apportare modifiche a qualsiasi documento basato su certificati medici che confermano il cambiamento di genere.

Leggi anche:  Europee, la 'vendetta' russa: "Macron e Scholz puniti per aver sostenuto la guerra ucraina contro Mosca"

Il disegno di legge è stato avviato a maggio dal presidente della Duma di Stato Volodin e dai leader delle cinque gruppi parlamentari.

Pertanto, la legge sulla protezione sanitaria per i cittadini russi sarà integrata con una disposizione che vieti “gli interventi medici finalizzati allo scambio di genere”, compresi gli interventi chirurgici per modificare le caratteristiche sessuali primarie o secondarie.

Gli interventi medici saranno consentiti solo per il trattamento di anomalie alla nascita nei bambini “su decisione di una commissione medica di un istituto di sanità pubblica statale federale”. L’elenco di tali istituzioni e la procedura per l’emissione di tali decisioni saranno approvate dal governo, secondo il disegno di legge.

A parte questo, il disegno di legge vieta agli archivi pubblici di correggere e modificare documenti sulla base di certificati di affermazione di genere rilasciati da organizzazioni mediche. Devono essere apportate modifiche pertinenti alla legge sugli atti di stato civile. In base alla normativa vigente, gli archivi pubblici possono modificare i documenti personali sulla base di un certificato medico attestante l’avvenuto cambio di sesso. Il disegno di legge suggerisce che questa pratica dovrebbe cessare di essere in vigore.

Leggi anche:  Europee, la 'vendetta' russa: "Macron e Scholz puniti per aver sostenuto la guerra ucraina contro Mosca"

Il ministero della Sanità russo concorda sul fatto che la chirurgia di affermazione del genere non può essere condotta solo sulla base della volontà dei pazienti o di altre azioni illegali.

Secondo il ministro della Sanità Mikhail Murashko, le decisioni su interventi chirurgici e cure ormonali dovrebbero essere prese solo da commissioni mediche di alto livello che coinvolgano le istituzioni federali.

Native

Articoli correlati