Israele attacca Jenin, almeno 8 i morti palestinesi. Abu Mazen: "Crimine di guerra"
Top

Israele attacca Jenin, almeno 8 i morti palestinesi. Abu Mazen: "Crimine di guerra"

Jenin, Cisgiordania: Israele attacca gli insediamenti palestinesi, provocando almeno 8 morti e circa 50 feriti. Abu Mazen convoca i dirigenti: "E' un crimine di guerra".

Israele attacca Jenin, almeno 8 i morti palestinesi. Abu Mazen: "Crimine di guerra"
L'attacco di Israele a Jenin, Cisgiordania
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Luglio 2023 - 12.44


ATF

A Jenin, un attacco da parte delle forze israeliane ha ucciso 8 palestinesi, provocando anche circa 50 feriti di cui 7 sarebbero in gravi condizioni. Il presidente Abu Mazen ha convocato questa sera la leadership palestinese a Ramallah per “una riunione urgente”. Intanto sia l’Egitto sia la Giordania hanno condannato l’attacco israeliano.

Secondo la radio militare israeliana ci sono ancora diversi colpi sepolti sotto le macerie di un edificio che è stato colpito dalla aviazione. La emittente stima che in questa fase siano stati uccisi uccisi una decina di miliziani. In un primo commento al-Fatah accusa Israele di aver lanciato un “attacco barbaro” che comunque “non ci dissuaderà dal continuare a difendere il nostro popolo fino alla libertà e alla indipendenza”.

“Le forze israeliane operano nelle ultime ore con uno sforzo concentrato contro focolari di terrorismo a Jenin” ha affermato il ministro della difesa israeliano Yoav Gallant su twitter. “Adotteremo un atteggiamento offensivo contro chiunque colpisca cittadini israeliani. Costoro pagheranno un prezzo elevato. Seguiamo da vicino le azioni dei nostri nemici, siamo pronti ad ogni scenario”, assicura Gallant. Secondo i media locali questa offensiva è stata decisa circa 10 giorni fa, in seguito ad un grave attentato in Cisgiordania in cui quattro israeliani sono rimasti uccisi. 

Leggi anche:  Gaza, il ministro ammette: "Un'azione militare a Gaza metterà in pericolo gli ostaggi"

“Ciò che il governo di occupazione israeliano sta facendo a Jenin è un nuovo crimine di guerra contro il nostro popolo indifeso”. Lo ha detto, citato dalla Wafa, Nabil Abu Rudeinah portavoce del presidente Abu Mazen che ha invitato “la comunità internazionale a rompere il suo vergognoso silenzio e ad agire seriamente per costringere Israele a fermare la sua aggressione”. 

Native

Articoli correlati