Ucraina, i ceceni di Kadyrov hanno reclutato con forza condannati, dissidenti e gay
Top

Ucraina, i ceceni di Kadyrov hanno reclutato con forza condannati, dissidenti e gay

Secondo un rapporto pubblicato dall'organizzazione per i diritti umani SK SOS, le autorità della Repubblica cecena del Caucaso settentrionale hanno esercitato pressioni sui ceceni affinché combattessero in Ucraina, usando denaro e metodi violenti

Ucraina, i ceceni di Kadyrov hanno reclutato con forza condannati, dissidenti e gay
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Giugno 2023 - 15.16


ATF

Secondo un rapporto pubblicato dall’organizzazione per i diritti umani SK SOS, le autorità della Repubblica cecena del Caucaso settentrionale hanno esercitato pressioni sui ceceni affinché combattessero in Ucraina, usando denaro e metodi violenti, fin dall’inizio della guerra.

“L’invasione dell’Ucraina è stata un’altra opportunità per [il leader ceceno] Ramzan Kadyrov di ingraziarsi Vladimir Putin e mostrare la sua influenza in Cecenia”, ha scritto SK SOS.

Ma nonostante gli sforzi di Kadyrov per raccogliere sostegno per la guerra nella sua regione, “in realtà, un anno e mezzo di guerra ha avuto un aspetto completamente diverso per la Cecenia: propaganda ridicola, caccia ai tassisti, passaporti mancanti, folle di predoni vanagloriosi a Grozny e tariffe favolose per entrare a fare parte dei mercenari”, ha continuato il gruppo.

Le forze di sicurezza cecene avrebbero tenuto un database di persone “che sono state arrestate in passato per droga, alcol, dichiarazioni poco lusinghiere su funzionari o per essere Lgbt”.

Dall’inizio della guerra, le forze di sicurezza hanno minacciato di inviare queste persone o i loro parenti al fronte, dicendo che sarebbero stati mandati in prigione se si fossero rifiutati di prestare servizio, si legge nel rapporto.

Leggi anche:  Il comandante Ceceno dice che la guerra in Ucraina finirà entro l'anno: glielo hanno detto le Sacre Scritture

Anche le persone detenute illegalmente nelle famigerate prigioni segrete in Cecenia perché Lgbt o contrarie alla leadership cecena sono state reclutate per unirsi all’esercito, si legge nel rapporto.

Circa 45 delle circa 70 persone detenute illegalmente in una di queste prigioni sono state inviate a combattere in Ucraina durante la campagna di mobilitazione “parziale” del Cremlino nell’autunno del 2022, secondo SK SOS.

Native

Articoli correlati