Russia, l'attivista dei diritti umani Orlov a processo per aver 'screditato l'esercito"
Top

Russia, l'attivista dei diritti umani Orlov a processo per aver 'screditato l'esercito"

Dal 1999 Oleg Orlov è uno dei leader di Memorial, che ha vinto una parte del premio Nobel per la pace nel 2022, un anno dopo essere stata bandita e sciolta in Russia.

Russia, l'attivista dei diritti umani Orlov a processo per aver 'screditato l'esercito"
Oleg Orlov
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Giugno 2023 - 20.13


ATF

Uno dei più longevi e rispettati attivisti russi per i diritti umani è stato processato giovedì e rischia tre anni di carcere se condannato per aver “ripetutamente screditato le forze armate russe”: lo ha dichiarato la sua organizzazione.

Dal 1999 Oleg Orlov è uno dei leader di Memorial, che ha vinto una parte del premio Nobel per la pace nel 2022, un anno dopo essere stata bandita e sciolta in Russia.

Da quando ha inviato i suoi carri armati in Ucraina nel febbraio 2022, Mosca ha intensificato un lungo giro di vite su tutte le forme di dissenso politico e ha reso un reato screditare le forze armate o discostarsi dai resoconti governativi di quella che definisce una “operazione militare speciale”.

Orlov, salito alla ribalta per essersi opposto al totalitarismo sovietico, ha dichiarato il mese scorso all’indipendente Moscow Times che gli attivisti come lui stavano in qualche modo seguendo il percorso dei dissidenti anticomunisti dell’epoca della guerra fredda.

Leggi anche:  La Ue vuole vietare finanziamenti russi a partiti, media e Ong

Le accuse si basano su un articolo che ha scritto denunciando la Russia per aver scatenato il conflitto.

Secondo un post di Memorial su Telegram, l’autore ha dichiarato al tribunale: “Nel mio articolo ho parlato del ruolo terribile che la guerra svolge per lo sviluppo del regime politico nel nostro Paese. Si tratta di un’opinione, di un ragionamento, di una valutazione”, ha detto, aggiungendo che non riusciva a capire come potesse essere punito per aver espresso un’opinione.

Il team di difesa di Orlov comprendeva Dmitry Muratov, editore del giornale indipendente Novaya Gazeta, ora bandito, e vincitore del premio Nobel per la pace, per il suo lavoro decennale in difesa della libertà di parola in Russia.

Fuori dal tribunale, Muratov ha dichiarato ai giornalisti:  “L’articolo 29 della Costituzione dice direttamente che la censura è vietata, che tutti hanno il diritto di diffondere informazioni e che nessuno ha il diritto di costringere qualcuno a rinunciare alle proprie convinzioni.

Leggi anche:  Il grande gioco della Russia

Natalia Zviagina, direttrice di Amnesty International per la Russia, ha dichiarato che lo Stato non può tollerare il “bisogno di difendere la verità e il rifiuto di rimanere in silenzio” di Orlov.

“Il prezzo che lui e altri pagano per aver esercitato il loro diritto alla libertà di espressione nella Russia di oggi è davvero molto alto”, ha dichiarato.

Native

Articoli correlati