Oleg Orlov condannato a due anni e mezzo di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina
Top

Oleg Orlov condannato a due anni e mezzo di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina

Uno degli attivisti per i diritti umani più longevi e rispettati in Russia, Oleg Orlov, è stato condannato a due anni e mezzo di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina.

Oleg Orlov condannato a due anni e mezzo di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina
Oleg Orlov
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Febbraio 2024 - 17.39


ATF

Uno degli attivisti per i diritti umani più longevi e rispettati in Russia, Oleg Orlov, è stato condannato a due anni e mezzo di carcere per aver denunciato la guerra in Ucraina.

Orlov, che ha 70 anni, è stato per più di due decenni uno dei leader dell’organizzazione per i diritti umani Memorial, che ha vinto una parte del premio Nobel per la pace nel 2022 un anno dopo essere stata bandita in Russia.

È stato accusato dalla procura russa di “screditare” l’esercito russo in un articolo apparso sui media francesi in cui scriveva che le truppe russe stavano commettendo “un omicidio di massa” in Ucraina e che il suo Paese era “ripiombato nel totalitarismo”.

Orlov è stato un critico schietto della guerra in Ucraina e, in patria, della guerra al dissenso.

Nel suo discorso di chiusura alla corte, Orlov ha sostenuto di non aver commesso alcun crimine e di non essersi pentito di nulla, criticando invece lo Stato russo “totalitario” e “fascista”.

Leggi anche:  Un documento segreto di Mosca sollecita una 'campagna informativa offensiva' per indebolire gli Usa

Parlando al giudice e al pubblico ministero, Orlov ha detto: “Non è spaventoso vedere in cosa si sta trasformando il nostro Paese, che probabilmente anche tu ami? Non è spaventoso che in questa assurdità, in questa distopia, forse non solo tu e i tuoi figli dovrete vivere, ma anche, Dio non voglia, i vostri nipoti?”

Native

Articoli correlati