Il Consiglio d'Europa: "La deportazione forzata di bambini russi dall'Ucraina è un genocidio"
Top

Il Consiglio d'Europa: "La deportazione forzata di bambini russi dall'Ucraina è un genocidio"

L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa ha votato che la detenzione e la deportazione forzata di bambini dai territori ucraini occupati dalla Russia è un "genocidio", durante la sessione di giovedì.

Il Consiglio d'Europa: "La deportazione forzata di bambini russi dall'Ucraina è un genocidio"
Preroll

globalist Modifica articolo

28 Aprile 2023 - 09.46


ATF

L’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa ha votato che la detenzione e la deportazione forzata di bambini dai territori ucraini occupati dalla Russia è un “genocidio”, durante la sessione di giovedì.

Una risoluzione sulle “deportazioni e i trasferimenti forzati di bambini ucraini e di altri civili verso la Federazione Russa o verso i territori ucraini temporaneamente occupati: creare le condizioni per il loro ritorno sicuro, fermare questi crimini e punire i responsabili” è passata con 87 voti a favore, ovvero una maggioranza schiacciante. Un rappresentante ha votato contro e un altro si è astenuto.

Nella sua risoluzione, l’Assemblea ha chiesto di “intraprendere un’azione immediata e urgente per fermare le pratiche di trasferimento forzato e deportazione illegale attualmente messe in atto dalla Federazione Russa contro la popolazione ucraina, e in particolare la sua politica e le sue pratiche relative alla rimozione dei bambini dalle loro famiglie e dalle loro case e il loro successivo assorbimento nella cittadinanza, nell’identità e nella cultura russa”.

L’assemblea ha aggiunto: “L’assemblea sottolinea la necessità di registrare e monitorare i singoli casi, sia per consentire meccanismi di rapida riparazione, sia per raccogliere prove di responsabilità al fine di portare i responsabili, a tutti i livelli di responsabilità, davanti alla giustizia”.

Leggi anche:  La gelida morsa della "Colonia dei lupi polari": gli ultimi giorni di Alexei Navalny

L’assemblea ha chiesto che questa pratica cessi “immediatamente e senza condizioni”. Ha inoltre chiesto alla Russia di dare accesso alle ONG e agli enti di beneficenza, nonché di fornire informazioni su dove si trovano ora i bambini.

A marzo la Corte penale internazionale ha emesso un mandato di arresto per Vladimir Putin in relazione alla “deportazione illegale” di minori. Ne è stato emesso uno anche per la commissaria per i diritti dei bambini Maria Alekseyevna Lvova-Belova, che si ritiene abbia 18 bambini adottati, tra cui un adolescente di Mariupol.

La risoluzione sostiene che la Russia ha iniziato a trasferire i bambini dai territori occupati di Donetsk e Luhansk prima dell’invasione del 24 febbraio dello scorso anno. In un rapporto dell’inizio del mese, il governo ucraino ha dichiarato di aver raccolto segnalazioni di oltre 19.000 bambini deportati.

Il Ministero degli Esteri russo ha respinto l’offerta dell’ambasciata statunitense di visitare il giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich in carcere l’11 maggio.

Native

Articoli correlati